IP LAW GALLI Newsletter
AVV. PROF. CESARE GALLI STUDIO LEGALE MILANO-BRESCIA-PARMA-VERONA
MILANO – SETTEMBRE 2008
_________________________________________________________________________________

SOMMARIO
RECENTI SVILUPPI NEL DIRITTO INDUSTRIALE ITALIANO
L’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione cessa la sua attività, lasciando in eredità al nuovo Governo un’organica proposta di rafforzamento della protezione dei diritti di proprietà industriale, attualmente in discussione in Parlamento Giudicata incostituzionale un’altra norma processuale del Codice della Proprietà Industriale: cause di merito a rischio senza gli interventi legislativi proposti dall’Alto Commissario Dal 1° luglio 2008 rapporto di ricerca europeo anche sulle domande di brevetto italiane, senza costi per il richiedente Tre importanti pronunce del Tribunale di Milano e di quello di Monza rimettono in campo la protezione di diritto d’autore anche per le opere di design anteriori alla riforma del 2001 IL CASO Il «rosso Ferrari» e l’abbigliaggio delle vetture di Formula 1 della Casa di Maranello proteggibili come marchi di fatto che godono di rinomanza (Trib. Milano, ord. 2-7 agosto 2008) – Il testo del provvedimento e del nostro Ricorso

L’ARTICOLO
Globalizzazione dell’economia e tutela delle denominazioni di origine - La versione aggiornata di un articolo del Prof. Avv. Cesare Galli pubblicato in lingua inglese su Italian Intellectual Property A PROPOSITO DI NOI Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali aggiudica a un raggruppamento di cui fa parte il nostro Studio la gara di appalto per i servizi di consulenza giuridica sulla protezione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche L’attività del Prof. Avv. Cesare Galli in seno all’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione Anche le Guide «Legal 500» e «Which Lawyer» segnalano nuovamente il Prof. Avv. Cesare Galli e il nostro Studio tra le eccellenze in Italia nel settore della Proprietà Intellettuale Le Riviste World Trademark Review e Top Legal International inseriscono il nostro Studio nella «Europe’s Trade mark Elite»

Il Prof. Avv. Cesare Galli eletto nel Comitato Esecutivo di AIPPI Italia Assoluce incarica il Prof. Avv. Cesare Galli e il nostro Studio di assisterla giudizialmente per ottenere la rimessione alla Corte di Giustizia C.E. della norma transitoria sulla protezione di diritto d’autore dell’industrial design La Rivista Top Legal inserisce nuovamente le sedi di Parma e Brescia del nostro Studio tra i più importanti uffici legali nella rispettiva area territoriale Recenti pronunce in materia di Proprietà Intellettuale ottenute dal nostro Studio (Marchi: Protezione di marchi celebri anche di colore contro l’agganciamento; Prevalenza dell’elemento denominativo nei marchi complessi e affinità merceologica all’interno dei prodotti di abbigliamento; Mancanza di affinità merceologica tra olio e vino, da una parte, e prodotti dolciari da forno, dall’altra – Brevetti: Riconoscimento della contraffazione in sede cautelare in difformità dalle conclusioni del consulente tecnico d’ufficio; Possibilità di correzione di ordinanza cautelare collegiale ad opera del Giudice che la ha emessa; Incompetenza delle Sezioni Specializzate su domande di responsabilità civile da diffamazione presentate come connesse ad una domanda di nullità di brevetto – Disegni e modelli: Inapplicabilità dell’art. 239 C.P.I. nel testo introdotto nel 2007 ad attività contraffattorie poste in essere in epoca anteriore alla sua entrata in vigore – Concorrenza: Imitazione parassitaria dell’aspetto grafico di un segno distintivo – Attività internazionale dello Studio nel settore IP) Le nostre ultime pubblicazioni e i Convegni

L’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione cessa la sua attività, lasciando in eredità al nuovo Governo un’organica proposta di rafforzamento della protezione dei diritti di proprietà industriale, attualmente in discussione in Parlamento Anche l’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione ha fatto le spese della politica di risparmi inaugurata dal nuovo Governo. Il d.l. 25 giugno 2008, n. 112, contenente la cosiddetta «manovra economica estiva» varata dal Governo italiano per il riordino dei conti pubblici, ha infatti soppresso questo organismo, insieme a numerose altre strutture con compiti di coordinamento, ritenute non strettamente necessarie, data l’urgenza di reperire risorse per far fronte alle difficoltà nel bilancio dello Stato.

La scelta di includere l’Alto Commissario tra gli enti da sopprimere è stata molto criticata dagli ambienti interessati, italiani e stranieri, anche perché l’esperienza dell’Alto Commissario era considerata un esempio da seguire a livello internazionale e comunitario. In particolare, un documento sottoscritto dalle maggiori organizzazioni imprenditoriali e sindacali, a partire da Confindustria e INDICAM, ha rivolto un appello al Governo ricordato l’attività svolta dall’Alto Commissario e i risultati ottenuti nel coordinamento delle diverse forze impegnate nella lotta alla contraffazione, nell’offrire alle imprese un punto di riferimento per confrontare e convogliare le istanze da rivolgere all’autorità politica e nell’elaborare nuove norme in grado di rendere più efficace la protezione dei diritti di proprietà industriale.
Non a caso il disegno di legge n. 1441, presentato dal Governo come «collegato» alla manovra economica ’estate, comprende alcuni articoli specificamente dedicata alla lotta alla contraffazione, che sono il frutto dell’attività di un Gruppo di Lavoro insediato dall’Alto Commissario (e di cui ha fatto parte anche il Prof. Avv. Cesare Galli). In particolare, il progetto elaborato dall’Alto Commissario comprendeva una revisione delle norme del Codice della Proprietà Industriale, che riprendeva in gran parte il lavoro svolto dalla Commissione di esperti insediata dal Ministro delle Attività Produttive nella XIV Legislatura (cfr. IP_LAW_GALLI Newsletter, aprile 2006), aggiornandolo con le disposizioni rese necessarie per effetto della più recente evoluzione normativa e giurisprudenziale, nonché le norme penali (sostanziali e processuali) del «pacchetto anticontraffazione», messo a punto sempre in sede di Alto Commissario (cfr. IP_LAW_GALLI Newsletter, dicembre 2007/gennaio 2008), in una nuova versione perfezionata, per tener conto
anche delle osservazioni provenienti dalle categorie interessate.

Di questo progetto il disegno di legge comprende però soltanto una parte: gli artt. 10, 11 e 12 del
disegno di legge riprendono quasi alla lettera le disposizioni che elevano le sanzioni per la
contraffazione penale (da uno a sei anni di reclusione, in luogo dell’attuale sanzione fino a tre anni,
con un’aggravante specifica che porta la pena minima a due anni e la massima a otto quando la
contraffazione è commessa su ingenti quantità o con modalità di tipo continuativo e organizzato);
introducono un’analoga sanzione per la contraffazione di denominazioni d’origine di prodotti
agroalimentari; prevedono la confisca e consentono la distruzione anticipata delle merci
contraffattorie, mediante il ricorso alla procedura del c.d. incidente probatorio; ed estendono alle
indagini sulla contraffazione la possibilità di fare ricorso ad operazioni sotto copertura, sequestro
ritardato e consegna controllata, dimostratesi molto efficaci nel contrasto ad altre fattispecie
criminose come il traffico di droga.

Meno felice appare la norma del disegno di legge n. 1441 dedicata alle innovazioni di argomento
civilistico: in questo caso del testo predisposto dall’Alto Commissario (ed elaborato in particolare
dal Prof. Avv. Cesare Galli) l’art. 13 del disegno di legge riprende la norma che introduce la
cosiddetta «priorità interna», ossia la possibilità di rivendicare la priorità di una domanda di
IP_LAW_GALLI Newsletter
3
brevetto italiano anche in una successiva domanda di brevetto egualmente depositata nel nostro
Paese); la riscrittura della disposizione transitoria in materia di diritto d’autore sulle opere
dell’industrial design, che chiarisce come anche le opere create anteriormente alla riforma del 2001
siano oggetto di tale protezione; la correzione dell’art. 120 C.P.I., che esclude le cause in materia di
diritti di proprietà industriale «non titolati» dall’onere di comunicazione all’U.I.B.M.; e una delega,
molto generica, all’ulteriore revisione del Codice.
Sono invece rimaste fuori da questo testo le ulteriori disposizioni che ritoccavano gli artt. 122 e
134 C.P.I. sulla legittimazione e la competenza e la relativa norma transitoria che le rendeva
applicabili a tutti i giudizi in corso, nell’intento di mettere i processi di diritto industriale al
riparo da possibili censure di incostituzionalità, analoghe a quelle che già hanno portato a due
pronunce di bocciatura di altrettante disposizioni processuali contenute nel Codice da parte della
Corte Costituzionale e che, in relazione a queste norme, rischierebbero di bloccare o rallentare
moltissime cause in corso; la norma transitoria che consentiva la prosecuzione davanti alle
Sezioni Specializzate dei processi d’appello contro le sentenze di primo grado rese in processi
cominciati anteriormente all’istituzione di tali Sezioni; la disposizione che colmava il vuoto
normativo su presupposti e ambito di tutela dei segni distintivi non registrati, codificando la
protezione contro il look-alike già riconosciuta da parte della giurisprudenza. Ed anche la
formulazione della delega per la revisione del Codice è molto più restrittiva di quella predisposta
dal Gruppo di lavoro dell’Alto Commissario per la revisione del Codice – che includeva
espressamente tra i criteri da seguire quello di «rafforzare e rendere più efficace la protezione dei
diritti di proprietà industriale, in particolare contro il parassitismo, anche sul piano
processuale» –: il che in pratica rischia di rendere inutilizzabile la parte più qualificante dello schema
di disegno di legge predisposto dalla Commissione di esperti insediata proprio dal Governo
Berlusconi (e dal Ministro Scajola) nella XIV Legislatura.

Da più parti si auspica quindi la presentazione di emendamenti, nel corso dell’esame parlamentare del provvedimento, che consentano di ripristinare queste disposizioni.
Giudicata incostituzionale un’altra norma processuale del Codice della Proprietà Industriale: cause di merito a rischio senza gli interventi legislativi proposti dall’Alto Commissario

Con la sentenza n. 112 del 14/24 aprile 2008 la Corte Costituzionale ha ritenuto illegittimo per
eccesso di delega l’art. 245, comma 2° C.P.I., ossia la norma che prevedeva la competenza delle
Sezioni Specializzate in Proprietà Industriale istituite presso dodici Corti d’Appello della penisola
anche per le cause d’appello promosse contro sentenze rese in cause instaurate anteriormente
all’istituzione delle Sezioni Specializzate, avvenuta con il d.lgs. n. 168/2003). Sul piano pratico, ciò
significa che in queste cause d’appello dovrà essere dichiarata l’incompetenza del Giudice adito e le
cause dovranno essere reinstaurate davanti ai Giudici che sarebbero stati competenti secondo
le ordinarie regole di competenza, con prevedibili allungamenti dei tempi di questi processi.
E’ questa la seconda volta che i Giudici costituzionali considerano illegittima per eccesso di
delega (ossia perché il legislatore delegato, cioè il Governo, sarebbe andato oltre i limiti della delega
concessagli dal Parlamento) una disposizione del Codice. La Corte Costituzionale era già intervenuta
con la sentenza n. 170 del 17 maggio 2007, dichiarando parzialmente illegittimo l’art. 134 C.P.I.,
nella parte in cui sottoponeva le cause di diritto industriale al c.d. rito societario. Rispetto a quella
prima pronuncia, i Giudici hanno tuttavia approfondito la motivazione, evidenziando che l’eccesso
di delega deriverebbe dal fatto che la legge 12 dicembre 2002, n. 273 avrebbe concesso al Governo
due deleghe ben distinte: una per l’emanazione di disposizioni processuali, esercitata e
«consumata» con il d.lgs. n. 168/2003 istitutivo delle Sezioni Specializzate; l’altra di mero riordino
delle disposizioni in materia di proprietà industriale, senza la possibilità d’introdurre
innovazioni, almeno di ordine processuale, esercitata (dopo essere stata prorogata) con il varo
del Codice.

Questo nuovo intervento della Corte – molto discutibile, posto che nella materia del diritto
industriale l’intreccio tra disposizioni sostanziali e processuali è quasi inestricabile e che d’altra parte
la delega per il varo del Codice si configurava come «di riassetto», e quindi atta a giustificare anche
modifiche di portata innovativa delle norme preesistenti – sembra quindi prefigurare problemi di
costituzionalità anche per altre disposizioni del Codice, con effetti potenzialmente dirompenti
sui processi di merito in corso, ed in particolare su quelli già in grado di appello. Appunto per
scongiurare questi problemi, il Prof. Avv. Cesare Galli aveva proposto, in seno al Gruppo di Lavoro
istituito dall’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione per l’elaborazione di nuove norme
idonee a rafforzare la protezione dei diritti di proprietà industriale, che le norme più a rischio
d’incostituzionalità (in particolare gli art. 134 e 122 C.P.I.) venissero riadottate con legge
ordinaria, in un testo lievemente modificato e reso applicabile, in via di diritto transitorio, anche in
tutti i processi in corso; e che comunque i processi di appello già instaurati davanti alle Sezioni
Specializzate sulla base della disposizione dichiarata incostituzionale con quest’ultima sentenza
proseguissero davanti alle medesime Sezioni Specializzate, in modo da evitare rallentamenti.
Come già si è detto, questa proposta, compresa nel testo predisposto dal Gruppo di Lavoro, non
è stata invece inclusa nelle norme dedicate alla proprietà industriale nel «collegato» alla manovra
finanziaria estiva (d.d.l. del Governo n. 1441), ma si auspica che possa essere introdotta nella legge in
sede di emendamento, durante la discussione parlamentare. Dal 1° luglio 2008 rapporto di ricerca europeo anche sulle domande di brevetto italiane, senza costi per il richiedente

L’art. 1 del D.M. 3 ottobre 2007 (cfr. IP_LAW_GALLI Newsletter, dicembre 2007/gennaio
2008) ha consentito all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi di affidare all’Ufficio Europeo dei
Brevetti la ricerca di anteriorità concernente i brevetti italiani (sinora concessi senza esame
preventivo di novità), al dichiarato fine di rafforzamento dei medesimi. Nel frattempo la
convenzione tra U.I.B.M. e U.E.B. è stata effettivamente stipulata e un ulteriore decreto ministeriale
(D.M. 27 giugno 2008) ha dato quindi attuazione a questa nuova procedura.

Per effetto di essa sulle domande di brevetto italiane depositate a partire dal 1° luglio 2008 (e che
non risultino prima facie non brevettabili) sarà effettuato a cura dell’U.E.B. una ricerca di anteriorità
corrispondente a quella cui sono sottoposti i brevetti europei, ma senza pagamento
dell’apposita tassa di esame: i richiedenti dovranno soltanto depositare la traduzione in inglese della
domanda di brevetto, o versare l’importo (quasi simbolico) di 200 Euro per le spese di traduzione a
cura dell’Ufficio. L’U.I.B.M. si sta quindi dotando delle strutture idonee per poter procedere alle
susseguenti attività di esame.

Tre importanti pronunce del Tribunale di Milano e di quello di Monza
rimettono in campo la protezione di diritto d’autore anche per le opere di
design anteriori alla riforma del 2001 Il diritto transitorio relativo alla protezione di diritto d’autore delle opere dell’industrial design ha formato oggetto di tre significative pronunce, intervenute nel giro di pochi mesi, ad opera dei Tribunali di Milano e di Monza, che ne hanno fornito interpretazioni divergenti, ma dalle quali traspare egualmente il disagio per la formulazione infelice della norma.

Come è noto, la protezione di diritto d’autore per le opere di design dotate di carattere creativo e di valore artistico è stata introdotta nell’ordinamento italiano nel 2001, in occasione dell’attuazione della Direttiva n. 98/71/C.E.. La norma allora adottata prevedeva tuttavia assurdamente per questa protezione una durata molto più breve di quella attribuita alle altre opere tutelate dal diritto d’autore: ventincinque anni dopo quello della morte dell’autore, anziché settanta come per tutte le altre. Un assurdo che non solo sviliva ingiustamente il design, ma che si poneva in contrasto con specifici obblighi imposti anche al nostro Paese dal diritto comunitario: ed infatti in sede europea era stata avviata per questo una procedura d’infrazione contro l’Italia, su segnalazione  di INDICAM. A seguito della pressione europea, l’allineamento della durata della protezione del design a quella delle altre opere del diritto d’autore – già previsto nel progetto di revisione del Codice
della Proprietà Industriale elaborato dalla Commissione ministeriale di cui anche il Prof. Avv. Cesare
Galli aveva fatto parte – è finalmente arrivato, con il decreto legge 15 febbraio 2007, n. 10 poi
convertito nella legge 6 aprile 2007, n. 46 (cfr. IP_LAW_GALLI Newsletter, giugno 2007).
Sennonché la nuova legge è intervenuta anche sull’art. 239 del Codice, ossia sulla norma
transitoria relativa alle opera create prima dell’introduzione in Italia di questa protezione, avvenuta
appunto nel 2001. Il testo dell’art. 239 anteriore a quest’ultima riforma prevedeva (implicitamente
ma inequivocabilmente) che la protezione venisse riconosciuta anche alle opere create anteriormente
alla modifica legislativa del 2001, ma in pari tempo si preoccupa di salvaguardare la posizione dei
soggetti terzi che in buona fede, confidando nell’assenza di protezione, avevano intrapreso prima di
tale data la realizzazione di prodotti corrispondenti a tali opere (si tratta, principalmente, di lampade
e di poltrone di cui sono autori indiscussi maestri del design, come Mies Van Der Rohe, o Le
Corbusier): a questi soggetti veniva infatti consentito di continuare per dieci anni questa attività
anteriormente lecita. Il nuovo testo dell’art. 239 ora introdotto, viceversa, ha invece stabilito che «La
protezione accordata ai disegni e modelli industriali ai sensi dell'articolo 2, primo comma, numero 10, della legge 22 aprile 1941, n. 633, non opera in relazione ai prodotti realizzati in conformità ai disegni o modelli che, anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 95, erano oppure erano divenuti di pubblico dominio».

L’interpretazione più ovvia di questa disposizione (conforme anche ai lavori preparatori di essa,
giacché questo testo riprende quello che era stato proposto in seno alla Commisione per la revisione
del C.P.I. dal Prof. Avv. Giorgio Floridia, in contrapposizione con il testo che era stato invece
proposto allora dal Prof. Avv. Cesare Galli, a sua volta ripreso dal recentissimo d.d.l. n. 1441, di cui
si è parlato sopra) era quella di escludere tout court dalla protezione le opere create anteriormente al
2001, che a quella data non fossero coperte dalla protezione come modello (perché non registrate o
perché oggetto di modelli scaduti), cosicché essa sembra comportare una sorta di espropriazione
senza indennizzo dei diritti attribuiti dal d.lgs 95/2001 su queste opere, con una discriminazione
del tutto irragionevole, che come tale appare chiaramente viziata di illegittimità costituzionale e
prima ancora è sua volta contraria alla Direttiva comunitaria sul design. La procedura d’infrazione
europea era stata anzi intrapresa anche in relazione al vecchio testo dell’art. 239 del Codice, poiché
secondo la Commissione già esso limitava in modo eccessivo il diritto dei creatori delle opere
anteriori al 2001, imponendo loro di sopportare per un decennio la prosecuzione senza limiti
dell’attività dei preutenti; e questa censura vale evidentemente a più forte ragione per la nuova norma
che questa protezione addirittura cancella completamente.
Di questa norma, tuttavia, il Tribunale di Milano ha cercato di fornire una lettura che potremmo
definire «costituzionalmente orientata», perché idonea a superare il vizio di incostituzionalità della
norma stessa, con un’ordinanza cautelare del 20 giugno 2008. Valorizzando il suo carattere di norma
transitoria, anche al di là della lettera di essa, l’ordinanza ha ritenuto che l’art. 239 C.P.I. sia
applicabile soltanto per dirimere il conflitto tra i titolari di diritti d’autore su un’opera di design ed i
soggetti che già realizzavano prodotti corrispondenti a tale opera prima dell’introduzione della
protezione di diritto d’autore, quando la loro attività era lecita, cosicché la portata della norma
sarebbe unicamente quella di consentire a questi soli soggetti di continuare la loro attività
anche dopo l’entrata in vigore di questa protezione, mentre le opere di design che possiedano i
requisiti per la protezione di diritto d’autore, ancorché non protette (o non più protette) prima
dell’introduzione della tutela d’autore, ne beneficerebbero pienamente nei confronti dei soggetti
che abbiano cominciato a realizzare prodotti corrispondenti a tali opere dopo l’entrata in
vigore di questa protezione.

Ancora più in là si era spinta una sentenza del Tribunale di Monza datata 15 luglio 2007 e resa in
una causa promossa prima dell’istituzione delle Sezioni Specializzate. In questo caso il Giudice ha
addirittura ritenuto che per «prodotti realizzati in conformità ai disegni o modelli» si dovrebbero intendere
unicamente quelli che erano già stati realizzati al momento dell’entrata in vigore del nuovo
testo dell’art. 239 C.P.I., cosicché il senso della nuova norma sarebbe stato quello di abrogare il regime che consentiva ai preutenti di continuare a realizzare prodotti conformi alle opere protette
per dieci anni, mantenendo la legittimità per i soli prodotti già realizzati prima dell’ultima modifica
legislativa.

Almeno la lettura della norma data da quest’ultima pronuncia appare tuttavia criticabile, pur
nell’apprezzabile sforzo di rendere coerente al sistema una norma evidentemente deviante, perché
valorizza singoli elementi letterali di essa, prescindendo dal suo significato complessivo e dalla sua
stessa ratio, che è chiaramente quella di valorizzare la circostanza che un determinato «disegno o
modello» divenuto proteggibile anche come opera del diritto d’autore fosse in pubblico dominio nel
momento dell’introduzione di quest’ultima tutela, per escludere che in tal caso fosse possibile far
sorgere un’esclusiva su di esso. Anche il provvedimento milanese richiamato per primo introduce
una distinzione certamente razionale ed opportuna, ma non presente nella norma, cosicché l’opzione
interpretativa accolta non può dirsi sicura, almeno finché non venga coonestata dalla Corte di
Giustizia C.E. o dalla Corte Costituzionale.

Nel frattempo un’altra ordinanza milanese, resa il 30 giugno 2008, ha respinto l’istanza di
dissequestro di prodotti conformi ad un’opera di design anteriore al 2001 realizzati da un soggetto che
ne aveva intrapreso la produzione per la prima volta solo dopo l’introduzione della tutela di diritto
d’autore su quest’opera, sulla base del rilievo di diritto intertemporale – svolto nelle difese di
Assoluce, rappresentata dal nostro Studio e intervenuta nella causa proprio al fine di ottenere che
sull’art. 239 C.P.I. si pronuncino i Giudici comunitari o la nostra Corte Costituzionale – che i
prodotti sequestrati erano stati realizzati prima della modifica dell’art. 239 C.P.I. operata nel
2007, cosicché rientravano ratione temporis nell’applicazione del regime previgente, in base al quale il
produttore non poteva vantare alcuna franchigia dal diritto d’autore, di cui i suoi prodotti
costituivano quindi violazione.

Nella stessa causa in cui quest’ultima ordinanza è stata resa sono state già precisate le conclusioni
e si attende quindi per la fine dell’anno o l’inizio dell’anno prossimo una pronuncia sull’istanza di
Assoluce di rimessione della causa alla Corte di Giustizia C.E. per la richiesta di interpretazione
pregiudiziale della Direttiva n. 98/71/C.E., in modo da ottenere una pronuncia che chiarisca la
portata da assegnare alla nostra norma interna per renderla conforme al dettato del legislatore
comunitario.

IL CASO
Il «rosso Ferrari» e l’abbigliaggio delle vetture di Formula 1 della Casa di Maranello proteggibili come marchi di fatto che godono di rinomanza (Trib. Milano, ord. 2/7 agosto 2008) – Il testo del provvedimento e del ricorso

Con un’ordinanza del 7 agosto 2008, di piena conferma del decreto emesso inaudita altera parte il
21 gennaio 2008 (ed in termini pressoché corrispondenti con un secondo decreto, sempre emesso
inaudita altera parte il 22 luglio 2008, in relazione ad altri soggetti), il Tribunale di Milano ha tutelato
come marchio la colorazione e il complessivo abbigliaggio di un prodotto, nel caso di specie,
la celeberrima colorazione rossa delle autovetture di Formula 1 della Ferrari – difesa dal nostro
Studio – e l’altrettanto celebre livrea rosso-bianca utilizzata dalla casa di Maranello in alcune delle più
recenti stagioni del campionato di Formula 1 e da essa registrata anche come marchio comunitario.
Il Tribunale di Milano ha quindi rigettato anche il reclamo contro l’ordinanza qui riportata, con
provvedimento dell’11 settembre 2008.
La tutela è stata concessa contro l’uso di tali segni per giocattoli riproducenti vetture di Formula
1 «di fantasia», ma la cui colorazione e livrea (e in alcuni casi l’apposizione di adesivi con segni
simili al logo del «cavallino rampante» ed ai marchi degli sponsors della Ferrari nel campionato di
Formula 1) rendevano inevitabile il richiamo alla Ferrari, se non addirittura la confusione con i
prodotti originali realizzati dai suoi licenziatari; ovvero a tutela del modello registrato (anche qui
non solo per automobili, ma anche per giocattoli) della Ferrari «Enzo», una delle più celebri vetture
sportive di tutti i tempi.

Il provvedimento ha dunque tutelato come marchio – ed anzi come marchio che gode di
rinomanza – il colore rosso riferito alle autovetture di Formula 1 ed ai giocattoli che le
riproducevano, valorizzando ancora una volta la percezione del pubblico interessato, che in
questo campo riconosce nel colore rosso usato come colore di fondo o comunque prevalente
dell’autovettura un segno distintivo univocamente riferibile alla Ferrari. Nell’ordinanza sul reclamo,
anzi, si è specificato che questa riconoscibilità (e dunque l’esclusiva di Ferrari) riguarda l’intero
«ambito della Formula 1 e delle gare sportive automobilistiche» con tutti i prodotti ad esse collegati.
La tutela concessa inaudita altera parte – inibitoria, sequestro, ordine di ritiro dal commercio,
fissazione di una penale – ha consentito di sequestrare, in un solo giorno, quasi 50.000
esemplari di automodelli contraffattorî, e di raggiungere una favorevole definizione transattiva
della controversia con la quasi totalità dei resistenti.
Riportiamo qui di seguito il testo del nostro ricorso, seguito da quello del provvedimento che lo
ha accolto.

TRIBUNALE DI MILANO
Sezione specializzata
in materia di Proprietà Industriale e Intellettuale
Ricorso per inibitoria e sequestro
ex artt. 129 e 131 d.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30
e art. 700 c.p.c.
Nell’interesse della
Ferrari S.p.A., (…) rappresentata e difesa, in forza di procura a margine del presente atto, dagli
Avv.ti Prof. Cesare Galli, Mariangela Bogni e Caterina Paschi (…)
- ricorrente -
nei confronti di
(…)
- resistenti -
*** *** ***
Ferrari
e la sua storia
1.- Il prestigio, la fama e l’importanza socio-culturale ed economica di cui gode l’odierna ricorrente
nel mondo – ed in particolare nel nostro Paese – meritano che, prima di addentrarsi nell’illustrazione
dei motivi posti alla base del presente ricorso, ci si soffermi almeno per un momento sulla sua storia,
onde permettere a chi legge di capire che cosa essa (ed i propri marchi) rappresenti per l’Italia.
L’odierna ricorrente nasce a Modena il 16 novembre 1929 (sotto il nome di “Società Anonima
Scuderia Ferrari”), grazie al genio e alla creatività di Enzo Ferrari, con l’obiettivo iniziale di
permettere ai propri soci di partecipare alle principali competizioni automobilistiche.
Se inizialmente la Ferrari adottava modelli di autovetture Alfa Romeo (casa per la quale Enzo
Ferrari rivestì in seguito anche il ruolo di direttore sportivo), ben presto il suo fondatore iniziò a
progettare in proprio automobili da competizione (sotto la denominazione di “Auto Avio
Costruzioni”) contraddistinte sin da subito dal colore rosso, divenuto con il tempo uno dei simboli
identificativi principali dell’azienda (come avremo meglio modo di vedere in seguito).
A metà degli anni ’40, l’attività in espansione della Ferrari richiese la costruzione di una nuova
sede; fu così che Enzo Ferrari spostò la produzione della propria azienda da Modena (sua città
natale) a Maranello (sempre in provincia di Modena), cittadina dove egli possedeva un piccolo
terreno e con la quale, nel tempo, si creò un legame indissolubile che ha fatto sì che oggi il comune
di Maranello venga individuato con la Ferrari e viceversa.
Nel 1946, finalmente l’azienda di Enzo Ferrari assunse la denominazione di Ferrari, un nome che
IP_LAW_GALLI Newsletter
8
sarà destinato ad entrare nella storia (non solo dell’automobilismo).
Dalla data di fondazione ad oggi, la storia della Ferrari è stata infatti costellata di imprese epiche ed
indimenticabili vittorie, che hanno impresso in maniera indelebile il nome della Ferrari ed il suo
colore rosso nella mente degli appassionati e nell’immaginario collettivo quali simboli di successo
ed eleganza, oltre che di prestazioni e tecnologia di avanguardia.
La Ferrari ha collezionato, nel solo campionato di Formula 1, ben 15 vittorie mondiali nel
campionato costruttori e altrettante nel campionato piloti, divenendo così il team più vincente di
tutti i tempi nella storia degli sport automobilistici.
Le Formula 1 della Ferrari sono state del resto guidate dai migliori piloti della storia, tra i quali
basterà citare Tazio Nuvolari, Juan Manuel Fangio, Alberto Ascari, Niki Lauda, Gilles Villeneuve,
Alain Prost, Nigel Mansell, Michael Schumacher ed oggi Kimi Raikkonen.
Ed anche questo ha aiutato a costruire quello che a buona ragione si può chiamare il “mito”
Ferrari (Doc. 1).
2.- Di pari passo con i successi sportivi, l’azienda Ferrari ha avuto un altrettanto sbalorditivo
successo commerciale, successo che ha comportato (ed in un certo qual modo è frutto, in una
sorta di circolo virtuoso) lo sviluppo di alcuni degli intangible assets (marchi, design, brevetti,
ecc.) più noti e di maggior valore al mondo.
Tra questi basterà citare il celeberrimo marchio del “Cavallino Rampante”, simbolo la cui storia
rasenta la leggenda: usato durante la prima guerra mondiale dal più grande asso dei cieli della storia
italiana – la medaglia d’oro Francesco Baracca –, fu adottato da Enzo Ferrari come portafortuna per
la propria scuderia, nella colorazione nera, come quello di Baracca, e adagiato su sfondo giallo
canarino, il colore di Modena, insieme al tricolore della bandiera italiana. Tale marchio fu apposto
per la prima volta sulle autovetture Ferrari nella mitica 24 ore di Spa del 1932 ed oggi viene utilizzato
su tutte le vetture dell’azienda (sia da competizione che da Granturismo) e su tutti i prodotti Ferrari
e in tutti i punti vendita ufficiali o autorizzati.
Non meno famosi sono del resto il logo “Ferrari”, caratterizzato dalla F allungata che va a
coprire le altre lettere che compongono la parola; l’esclusivo colore rosso che caratterizza tutte le
autovetture Ferrari (ed in generale ogni altro suo prodotto), oltre che il fenomenale design che
caratterizza tutte le autovetture Ferrari realizzate in collaborazione con i migliori designers del mondo
(tra i quali basterà citare Pininfarina, Bertone, Scaglietti e Vignale) e la stessa livrea delle sue auto di
Formula 1, con cui esse appaiono sui circuiti di tutto il mondo.
Le privative industriali della Ferrari, ed in particolare i marchi, rappresentano per l’Azienda un
valore talmente elevato che già nel 1994 (in netto anticipo su tutte le tecniche di branding e marketing
che oggi vanno per la maggiore) l’esponente realizzò un apposito manuale contenente le rigide
regole di utilizzo dei propri marchi, al fine di permettere un utilizzo degli stessi, da parte dei
soggetti autorizzati, sempre in conformità con i dettami della Ferrari onde non svilirne o lederne in
alcun modo la fama e la capacità distintiva. Questo valore viene poi costantemente accresciuto grazie
all’enorme esposizione mediatica che circonda sia le gare automobilistiche e le altre
manifestazioni motoristiche cui Ferrari prende parte, sia le presentazioni delle nuove autovetture e
degli altri prodotti a marchio Ferrari, che spaziano veramente in ogni settore della moda e del
lusso, e per i quali vengono naturalmente anche avviate (dalla stessa Ferrari o dai suoi licenziatari)
apposite campagne pubblicitarie (Docc. 2-4).
Poiché la Ferrari ritiene che l’eleganza e la ricerca di un design innovativo costituiscano una parte
fondante del proprio patrimonio genetico, essa ha fatto in modo che tale caratteristica si manifesti
anche nell’architettura dei propri stabilimenti (la cui realizzazione è stata affidata ai principali
designers del mondo quali Renzo Piano – autore della nota Galleria del Vento Ferrari – e
Massimiliano Fuksas – autore del Centro Sviluppo Prodotto, divenuti un riferimento assoluto
nell’ambito dell’architettura industriale –), luoghi nei quali la qualità del lavoro e la cura del benessere
dei dipendenti è posta in primissimo piano. Ciò, tra l’altro, ha fatto sì che la Ferrari si sia classificata
al primo posto in Europa della classifica 2007 delle migliori aziende per cui lavorare – surclassando
IP_LAW_GALLI Newsletter
9
colossi stranieri quali Google, Microsoft e CocaCola – stilata dal prestigioso Great Place to Work
Institute e pubblicata ogni anno dalla rivista americana Fortune (Doc. 5).
3.- I successi commerciali dell’azienda si sono così susseguiti in un continuo crescendo.
In particolare nel settore automobilistico, la Ferrari è arrivata nel 2007 ad avere in produzione 5
modelli di auto (tra le 12 cilindri a motore anteriore ricordiamo la 599 GTB Fiorano e la 612
Scaglietti, mentre la gamma 8 cilindri posteriore-centrale è composta da F430, F430 Spider e 430
Scuderia) e a vendere, nel medesimo anno, circa 6.400 vetture (numeri sbalorditivi se si pensa al
segmento di mercato nel quale la Ferrari opera, anche alla luce della politica aziendale di mantenere
l’esclusività del marchio sempre nell’ottica di adeguare i volumi produttivi alle esigenze derivanti
dalla crescita dei mercati emergenti.
Negli ultimi anni, la Ferrari ha (se possibile) espanso ancora di più la propria fama ed il proprio
successo, anche commerciale, estendendo la propria presenza in tutti e cinque i continenti (per un
totale di 52 Paesi nel mondo), potenziando in particolare la propria presenza in mercati strategici
quali Cina, Stati Uniti, Emirati Arabi e Australia.
Come già anticipato, l’espansione commerciale della Ferrari, nel tempo, si è estesa anche oltre la
produzione di automobili, penetrando con successo (a mero titolo esemplificativo) nei settori dei
beni di lusso, dell’informatica, dell’abbigliamento, degli accessori e – per quel che più interessa
ai fini del presente ricorso – dei giocattoli e in particolare del modellismo (Doc. 6).
La continua ricerca della perfezione e dell’elevatissima qualità, ha indotto la Ferrari a stipulare
accordi di licenza con partners di assoluto prestigio; tra i licensees della Ferrari sono infatti
annoverate tutte le aziende leader dei rispettivi settori di produzione: a mero titolo esemplificativo
citiamo Acer, DeAgostini, Puma, Microsoft e soprattutto, per lo specifico settore che qui
interessa Lego, Nikko e Mattel.
Si deve anche sottolineare che la collaborazione della Ferrari con i propri partners commerciali è
continua e diretta, onde ottenere prodotti di assoluta qualità, in grado di mantenere intatto il
prestigio e l’immagine di cui godono i marchi Ferrari; tale collaborazione, in particolare, si
estrinseca in una continua supervisione che va dal momento ideativo del prodotto, passando per la
fase realizzativa e giungendo sino alle modalità distributive dello stesso: tutto deve essere conforme
al gusto e all’immagine della Ferrari.
Poiché oggi il settore del licensing, rappresenta una fetta importantissima del risultato operativo
dell’Azienda, ed anche al fine di rafforzare sempre di più il legame diretto tra Ferrari ed i prodotti,
diversi dalle automobili, sui quali sono apposti i suoi marchi, l’odierna ricorrente ha ideato i c.d.
“Ferrari Store”: punti vendita ufficiali (collocati in alcune delle principali città del mondo quali
Milano, Roma, Venezia, Las Vegas, Los Angeles, Singapore, Abu Dhabi, Macao, Barcellona,
Pechino oltre naturalmente a Maranello, divenuta nel tempo una vera e propria meta di
pellegrinaggio da parte degli appassionati di tutto il mondo: basti pensare che nel 2007 la Galleria
Ferrari ha raggiunto i 200.000 visitatori) nei quali i clienti possono trovare i prodotti originali Ferrari
sviluppati direttamente dall’Azienda – c.d. Prodotto Diretto - e quelli nati dalla stretta collaborazione
tra l’Azienda e i propri licensees, fermo restando che questi prodotti ufficiali si trovano in vendita
anche in numerosissimi altri negozi in Italia e nel mondo, ed in particolare, per ciò che concerne
giocattoli/modellini, in quasi tutti i più diffusi esercizi delle principali catene della Grande
Distribuzione Organizzata.
*** *** ***
L’illecita condotta
posta in essere in danno
della ricorrente
4.- La storia dell’azienda e soprattutto la storia dei suoi segni distintivi (attorno ai quali, ribadiamo,
si è creata una vera e propria aurea mistica che porta gli appassionati ad avere nei loro confronti – e
nei confronti dell’azienda stessa – un’ammirazione che sconfina nel fanatismo, con intuibili
conseguenze in termini di valore e di immagine di questi segni) chiarisce la strategica importanza
IP_LAW_GALLI Newsletter
10
che riveste per l’odierna ricorrente il proprio portafoglio di privative industriali costituito, tra l’altro,
anche da uno sterminato numero di modelli registrati e da un consistente numero di segni distintivi
di fatto.
Stante l’enorme valore del patrimonio immateriale di Ferrari e soprattutto in considerazione
dell’importanza (anche economica) che per Ferrari rivestono i contratti di licenza – stipulati con i
partners commerciali cui abbiamo fatto cenno in precedenza – e alla luce del fatto che tali contratti
hanno tanto più valore quanto più i suddetti partners commerciali abbiano l’assoluta garanzia di
essere gli unici soggetti autorizzati (nel rispettivo settore di operatività) ad utilizzare i preziosissimi
segni distintivi Ferrari, l’odierna ricorrente pone in essere ormai da molti anni un continuo e costante
monitoraggio dei mercati nei quali essa è attiva, diretto ad individuare – e a far cessare – tutti gli
episodi di violazione delle proprie privative.
E’ evidente infatti che la fama dei marchi Ferrari (e l’ammirazione di uno sterminato numero di
consumatori) fa sì che gli stessi facciano gola ad un gran numero di contraffattori, che vorrebbero
utilizzarli (traendone un notevole vantaggio) senza il permesso dell’odierna ricorrente ed in totale
spregio dei diritti di questa e dei suoi partners commerciali.
In particolare per ciò che riguarda il settore dei giocattoli, la Ferrari si è imbattuta negli ultimi
tempi in un numero sempre crescente di automodelli non originali – quasi sempre provenienti
dall’Estremo Oriente –, che imitano la forma ed i segni distintivi (marchi, colore e abbigliaggio
complessivo) delle autovetture Ferrari e degli automodelli originali commercializzati dai suoi
licenziatari.
5.- Nel novembre di quest’anno la Ferrari inviava quindi alle principali catene della Grande
Distribuzione Organizzata (che vendono anche giocattoli) una lettera circolare in cui segnalava
questa circostanza, invitandole a vigilare affinché, in occasione delle festività natalizie – tradizionale
momento “di punta” dell’acquisto di giocattoli –, evitassero la presenza dei prodotti contraffattorî
nei loro esercizi (doc.7).
Sennonché, nonostante questa lettera, la Ferrari ha potuto riscontrare presso alcune catene della
grande distribuzione, ed in particolare presso i negozi (xx), (yy) e (zz), una presenza massiccia dei
prodotti-copia.
Come risulta dalle dichiarazioni dei Sig.ri Frederick V. Gilger (Doc. 8) e Luigi Salvi (Doc. 9) e
dalle fotografie (doc. 10) scattate dagli stessi (che, occorrendo, potranno essere sentiti a sommarie
informazioni per confermare queste circostanze), e può del resto essere confermato dall’esame
diretto degli esemplari di questi prodotti che si è provveduto a far acquistare (docc. 11-28), i
negozi in questione hanno venduto, e stanno ancora vendendo, una grande quantità di automodelli
che riproducono nelle forme, nei colori, nei segni distintivi utilizzati e più in generale
nell’aspetto complessivo del prodotto, gli elementi caratterizzanti e distintivi dei modelli
Ferrari, con “varianti” più o meno ridicole o fantasiose (ad esempio sostituendo altri animali al
celeberrimo “Cavallino Rampante”, o stravaganti denominazioni a quelle dei veri sponsors del suo
team di Formula 1, peraltro scritte con i medesimi caratteri, i medesimi colori e la medesima
collocazione di quelle autentiche), ma sempre in grado di richiamarli in modo immediato agli
occhi dei consumatori, e in particolare dei bambini e dei loro genitori, cui questi prodotti sono
destinati.
Come risulta parimenti dalle dichiarazioni e dalle fotografie a corredo di esse, in alcuni esercizi
questi prodotti vengono anche presentati e venduti con modalità tali da accentuare (come se ve
ne fosse bisogno!) il già insidioso “travestimento” da Ferrari adottato dai medesimi: come avremo
meglio modo di spiegare in seguito, infatti, tutte le odierne resistenti propongono i prodotti
contestati sui medesimi scaffali, letteralmente fianco a fianco dei prodotti originali Ferrari,
ovviamente più costosi.
Le indagini di Ferrari hanno inoltre appurato che i prodotti oggetto della presente controversia
sono caratterizzati da un bassissimo standard qualitativo: solo per citare alcuni dei difetti più
comuni, si sono riscontrati difetti di stampaggio, errori nelle applicazioni degli adesivi, scarsa stabilità
delle parti mobili dei prodotti, scarsa qualità dei componenti elettronici ed in generale una bassa
IP_LAW_GALLI Newsletter
11
qualità delle materie utilizzate nei prodotti contestati. Il che, se possibile, aggrava ulteriormente il
danno, anche d’immagine, per la ricorrente.
Ed oggi pertanto la Ferrari si vede costretta ad adire codesto Ill.mo Tribunale, al fine di ottenere,
tra le altre cose, un provvedimento cautelare in grado di arrestare l’illecita attività sopra descritta.
*** *** ***
I profili di illiceità
del comportamento delle resistenti:
a) la contraffazione di marchi registrati
6.- L’attività posta in essere dalle odierne resistenti costituisce atto illecito sotto molteplici profili:
contraffazione di marchi registrati, contraffazione di design registrato, contraffazione di
marchi di fatto, nonché atti di concorrenza sleale ex art. 2598 c.c..
Per ciò che concerne anzitutto il primo profilo, si è già accennato in precedenza, ed è del resto
notorio, che l’odierna ricorrente è titolare di numerosissimi marchi registrati (nazionali, comunitari
ed internazionali) aventi ad oggetto il simbolo del Cavallino Rampante inserito in scudetti e/o
stemmi di diverse fatture caratterizzati dal tipico giallo canarino.
Tra i molti, ai fini del presente giudizio, ci limitiamo a citare i marchi comunitari nn. 539.585;
1.598.135; 6.216.972 e 6.213.789 ed i marchi italiani nn. TO2006C002737 (domanda di rinnovo di
un marchio originariamente depositato il 12.11.1966); TO2006C002740 (domanda di rinnovo di un
marchio originariamente depositato il 12.11.1966); TO2006C002747 (domanda di rinnovo di un
marchio originariamente depositato il 12.11.1966); TO2007C002220 (domanda di rinnovo di un
marchio originariamente depositato il 12.05.1997); TO2007C002604 e TO2007C002603 (Docc. 29-
38).
Orbene: tutti i modellini del tipo Formula 1) commercializzati dalle controparti riportano (anche
sulle rispettive confezioni) un segno che richiama alla mente, in maniera più o meno diretta, il
marchio del cavallino rampante, come è agevole riscontrare già soltanto esaminando le fotografie
riportate qui di seguito (della cui mediocre qualità, soprattutto nella resa dei colori, ci scusiamo:
trattandosi di ingrandimenti vi sono stati problemi di messa a fuoco), ed ancor più andando a vedere
tali segni sui prodotti commercializzati dalle resistenti e sulle relative confezioni:
Come si può notare, i segni contraffattorî sono di diverse tipologie, alcune molto semplici (un
pallino nero posto al centro di uno stemma giallo con tricolore nella sommità), altre più complesse
(particolarmente degni di nota: il “cervo rampante”, “il cavallino che corre”, il “cavalluccio marino”
e la “figura astratta” di cavallo rampante); tutte sono però innegabilmente confondibili con il
marchio Ferrari e/o dirette quanto meno ad agganciarsi al medesimo (in quanto richiamanti – in
certi casi neppure troppo velatamente – il cavallino Ferrari), traendo un indebito vantaggio dallo
stesso ed arrecandogli un danno ingiusto.
Ciò risulta ancora più vero se si pensa che i segni in contestazione hanno i medesimi colori e
sono apposti sui prodotti contraffattorî nelle eguali posizioni e con le stesse proporzioni che i
marchi originali hanno sui prodotti Ferrari e sul medesimo sfondo rosso.
La concretezza del pericolo di confusione tra i segni contestati e i marchi Ferrari, appare ancora
più evidente se si pensa alle modalità in cui i prodotti in questione vengono esibiti ed
acquistati – sui banchi di un supermercato, con un tipico acquisto di impulso, favorito anche dal
prezzo mite – ed alle caratteristiche peculiari dei consumatori di riferimento per questa particolare
categoria di prodotti – ossia principalmente i bambini –, per natura meno attenti ai dettagli.
Per tale tipologia di consumatore – ma in realtà anche per gli adulti – il rischio di confusione è
quanto mai concreto, non solo perché, anche a causa delle ridotte dimensioni (si tratta di scudetti
riportati su modellini o sulle confezioni di essi, quindi della lunghezza di pochi millimetri), essi
potrebbero addirittura scambiare questi segni con il vero Cavallino Rampante Ferrari, ma anche per
gli ulteriori elementi di insidia, quali il colore rosso delle vetture, la loro forma, il richiamo più o
meno diretto a tutti i segni distintivi degli sponsors attuali e passati delle vetture Ferrari e più in
generale all’abbigliaggio di queste vetture, ed ancora le modalità di packaging di alcuni prodotti e
IP_LAW_GALLI Newsletter
12
le particolari modalità di vendita dei prodotti contestati: elementi sui quali avremo modo di
soffermarci in seguito, perché la loro imitazione dà luogo anche ad altri autonomi illeciti, ma che
evidentemente accrescono esponenzialmente il pericolo di confusione derivante dall’uso di
marchi manifestamente ricalcati sul Cavallino Rampante della Ferrari.
Se infatti alcuni di questi “scudetti”, usati in un contesto diverso, potrebbero essere distinti dal
marchio della ricorrente, non vi è dubbio che, quando, come nel caso di specie, essi vengano apposti
su automodelli di vetture di Formula 1, di colore rosso e bardate con un abbigliaggio ed altri segni
che egualmente richiamano spudoratamente quelli delle vere automobili Ferrari (e dei corrispondenti
modellini), essi rendano pressoché inevitabile un pericolo di confusione col marchio originale del
Cavallino Rampante.
7.- Del resto, anche ove non si ritenesse configurabile un pericolo di confusione tra i segni oggetto
del presente giudizio, la violazione dei marchi di titolarità della Ferrari non potrebbe essere
comunque negata.
L’immensa ed innegabile notorietà ed il prestigio di cui i marchi Ferrari godono presso il pubblico,
rendono infatti senz’altro applicabile ad essi la protezione apprestata dalla lett. c dell’art. 20, comma
1° C.P.I. ai marchi che godono di rinomanza, dovendosi intendere come tali i marchi che siano
“conosciut(i) da una parte significativa del pubblico interessato ai prodotti o servizi da
ess(o) contraddistinti” (Corte Giust. C.E., 14 settembre 1999, nel procedimento C-375/97,
“General Motors”, in Giur. ann. dir. ind., 1999, 1569 e ss.; cfr. anche Corte Giust. C.E., 9 gennaio
2003, nel procedimento C-292/00, “Davidoff”, ivi, 2003, 1398 e ss.): e che i marchi Ferrari godano
di rinomanza presso una parte significativa (per non dire presso la totalità) del pubblico interessato,
ed anzi che gli stessi siano probabilmente i marchi di rinomanza per antonomasia, è un fatto
assolutamente incontestabile.
Tale protezione opera anche quando il marchio dell’imitatore, eguale o simile a quello originale,
pur non potendo venire confuso con esso, determini un “agganciamento parassitario dei
prodotti o servizi dell’imitatore all’immagine legata al marchio imitato e alla notorietà di
esso”, oppure quando “il segno dell’imitatore venga a contraddistinguere prodotti scadenti o
vili (o) … comunque sia utilizzato con modalità che non sono coerenti con l’immagine
connessa al marchio imitato” (così VANZETTI-GALLI, La nuova legge marchi², Milano, 2001, p. 39).
In giurisprudenza, si vedano ad esempio Trib. Milano, ord. 24 luglio 2003, in Giur. ann. dir .ind.,
2003, 1133 e ss., che ha rilevato come “L’indebito vantaggio che può ricavare l’imitatore,
richiesto in alternativa al pregiudizio del titolare del marchio per la tutela del marchio che
gode di rinomanza, può essere rappresentato dall’agganciamento parassitario dei prodotti o
servizi dell’imitatore all’immagine del marchio imitato, che consente loro di collocarsi sul
mercato sfruttando tutte le valenze evocative del segno rinomato, acquisendo così uno
spazio specifico (anche come ‘cloni’ o imitazioni di basso prezzo) che altrimenti non
avrebbero occupato”; e Trib. Torino, 7 marzo 2002, ivi, 2002, 723 e ss., che ha sottolineato come
l’uso non autorizzato da parte di un terzo di un marchio di rinomanza “può comportare un
pregiudizio quanto meno a causa della diluizione del potere evocativo e del valore simbolico
(del marchio imitato) e parallelamente può attribuire al terzo non autorizzato un particolare
vantaggio consentendogli di mettere a frutto sul mercato quello stesso potere evocativo e
quello stesso valore simbolico che sono propri del titolare”.
E tutte queste situazioni nel caso di specie sussistono, essendo del tutto manifesto come la
violazione dei marchi Ferrari posta in essere dalle odierne resistenti sia diretta a mettere i prodotti
commercializzati da quest’ultime al traino della notorietà dei famosissimi marchi della ricorrente,
acquisendo fette di mercato altrimenti impensabili per prodotti di tale fattura, il tutto senza versare a
questa alcuna royalty (correttamente versate, invece, dai partners ufficiali) ottenendo così un evidente
vantaggio; inoltre, la suddetta violazione, è in pari tempo idonea a pregiudicare l’immagine e il
prestigio di questi marchi, stante la già citata scarsa qualità dei prodotti contraffattori (scarsa qualità
sulla quale, lo ribadiamo, avremo modo di soffermarci più diffusamente in seguito) e la massiccia
diffusione, idonea a ledere la capacità distintiva dei marchi della ricorrente.
IP_LAW_GALLI Newsletter
13
Al riguardo, è dunque appena il caso di richiamare il chiarissimo insegnamento della
giurisprudenza comunitaria che, proprio in riferimento agli automodelli, ha recentissimamente
sottolineato come la violazione del marchio sussista anche indipendentemente dal fatto che lo stesso
sia registrato anche per automodelli (e nel nostro caso abbiamo peraltro visto che lo è), in quanto
“anche l’uso in questione nel giudizio a quo (cioè l’uso per gli automodelli: n.d.r.) può
essere vietato, ai sensi dell’art. 5, n. 2, della direttiva, qualora tale uso senza giusta causa
consenta di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla notorietà del
marchio suddetto, in quanto marchio registrato per autoveicoli, ovvero arrechi pregiudizio a
tali caratteristiche del marchio” (Corte Giust. C.E., 25 gennaio 2007, nel procedimento C-48/05,
punto 37 della motivazione, ne Il Dir. ind., 2007, 323 e ss., con nota di BOGNI, Il marchio automobilistico
dei modellini, dove sottolinea che, nella prospettiva della Corte europea, quando “il marchio ha
acquisito rinomanza sul mercato, ed è dunque divenuta attiva la sua potenzialità di vero,
completo e sintetico strumento di comunicazione … allora tale funzione acquisita deve
essere tutelata a tutto campo, contro ogni comportamento che possa pregiudicarla,
interferendo con la stessa, e segnatamente contro ogni forma di agganciamento parassitario
che consenta ad un terzo di appropriarsi del valore di cui il marchio è stato caricato dal
titolare”.
Due sono dunque i casi per i prodotti qui considerati: o il consumatore semplicemente confonde i
prodotti contraffattori con quelli originali di Ferrari oppure, se anche è in grado di distinguere il
prodotto contraffattorio da quello originale, egualmente non può non riconoscere nel segno usato
sul prodotto commercializzato dalle odierne resistenti quanto meno un richiamo ai famosissimi
marchi Ferrari ed ai messaggi ad essi collegati. Ma in entrambi i casi la violazione di questi marchi è
assolutamente incontestabile.
8.- Le considerazioni che precedono valgono, allo stesso modo, per la riproduzione (ad opera dei
prodotti contestati) del colore rosso e della peculiare combinazione bianca e rossa delle
autovetture Ferrari di F1, combinazione che la ricorrente ha fatto oggetto di una registrazione come
marchio comunitario (il marchio n. 4.969.564; Doc. 39), sulla base di un preuso risalente almeno
agli anni ‘90 (e per il colore rosso almeno agli anni ‘50 del secolo scorso).
Tale particolare combinazione di colori, è fortemente distintivo della Scuderia Ferrari, tanto
è vero che la stessa combinazione è ripresa sulle tute dei piloti e dei meccanici della Scuderia,
oltre che su tutti i gadgets ufficiali utilizzati dai tifosi di tutto il mondo, i quali sono indotti ad
associare a tali colori la Scuderia Ferrari di Formula 1.
Come detto, anche questa combinazione particolarmente distintiva (la Ferrari è l’unica vettura di
Formula 1 dotata di una simile colorazione) è stata ripresa da tutti i prodotti contestati
riproducenti vetture da Formula 1, i quali sono stati particolarmente attenti, oltre che a riprendere
i colori rosso e bianco, anche a riprodurre tali colori nelle esatte proporzioni e a posizionarli
nelle medesime posizioni dei modelli originali Ferrari, (oltre ad aggiungere adesivi che
richiamano alla mente i veri sponsors della Scuderia Ferrari, riprendendone in particolar modo
la grafia e i colori, aumentando così ulteriormente il pericolo di confusione e/o l’agganciamento a
quello che a tutti gli effetti rappresenta un marchio che gode di rinomanza, essendo conosciuto
da gran parte della popolazione mondiale che segue e ammira da sempre le imprese delle Ferrari e
dei suoi piloti).
9. Un caso particolare di contraffazione, poi, è rappresentato dal prodotto di cui al doc. 21.
Tale prodotto costituisce infatti contraffazione anche dell’altrettanto famoso marchio di titolarità
di Ferrari costituito dal nome “Ferrari” con la lettera F allungata sino a ricoprire le altre lettere
della parola, marchio a sua volta celeberrimo e protetto in particolare dai marchi comunitari nn.
161.950; 560.128 e 1.616.440 e nazionali nn.TO2006C001027 (domanda di rinnovo di un marchio
originariamente depositato il 13 aprile 1987); TO2006C002739 (domanda di rinnovo di un marchio
originariamente depositato il 12 novembre 1966); TO2007C000283 (domanda di rinnovo di un
marchio originariamente depositato il 16 giugno 1997) (docc. 40-45).
Con una buona lente di ingrandimento, ovvero con una macrofotografia ci si può accorgere che il
IP_LAW_GALLI Newsletter
14
segno contestato contiene qualche minuscola variante rispetto al (vero) marchio Ferrari, ma
lasciando immutata la caratteristica F allungata e riprendendo alla perfezione la grafia del
famosissimo marchio Ferrari (tra l’altro proprio nella forma oggetto di recentissimo restyling); il tutto,
ovviamente, aggravato dalla riproduzione del colore rosso.
La sussistenza di pericolo di confusione e dell’agganciamento è dunque anche in questo caso
evidente e clamorosa: e non possiamo quindi che richiamare al riguardo quanto già detto a
proposito della violazione dei marchi relativi al Cavallino Rampante.
*** *** ***
I profili di illiceità
del comportamento delle resistenti:
b) la contraffazione di modelli registrati
10.- Come più volte ripetuto, l’odierna ricorrente è titolare anche di numerose privative di design
(nazionali, comunitarie ed internazionali).
Tra di esse, quella che qui più interessa è certamente la registrazione per modello internazionale,
esteso all’Italia, n. DM/060.124 dell’11.07.2001 (Doc. 46) avente ad oggetto la riproduzione
giocattolo della mitica Ferrari “Enzo”, esclusiva autovettura prodotta in soli 399 esemplari in
occasione dell’anniversario per i 55 anni della casa di Maranello e immediatamente divenuta il
simbolo di tutta la produzione GranTurismo della Ferrari, un vero e proprio oggetto di culto.
Il design della “Enzo”, frutto del grande lavoro dei designers Ferrari e direttamente ispirato dalle
vetture da competizione della stessa Ferrari, ha rappresentato una novità assoluta nel panorama
delle c.d. supercars, permettendo alla stessa di entrare direttamente nella storia dell’automobilismo
come simbolo assoluto dell’unicità del design Ferrari.
La piena validità del modello n. DM/060.124 è dunque assolutamente indiscutibile, e soffermarci a
parlarne suona quasi offensivo per il lavoro di un grande designer come Pininfarina che ha ideato il
modello stesso, modello che a tutt’oggi rappresenta forse la punta più alta raggiunta dal design
automobilistico mondiale, e italiano in particolare: la forma qui azionata è infatti veramente
unica al mondo, cosicché è addirittura un fuor d’opera (lo facciamo solo per completezza di
esposizione) richiamare qui la presunzione di validità di cui godono i modelli registrati ex art. 121
C.P.I..
Per mero scrupolo difensivo si fa presente che il modello qui azionato ha ottenuto alcuni
importantissimi riconoscimenti internazionali tra i quali citiamo: il premio Quattroruote “Le
Auto che preferisco” tra la categoria Sportive per il 2003/2004; il premio “Supercar of the Year”
assegnatole dalla rivista specializzata inglese Top Gear nell’anno 2003; il premio “Auto Trophy”
assegnatole dalla rivista tedesca Auto Zeitung sempre nell’anno 2003; il premio “Die besten Autos”
della rivista Auto Motor und Sport nel 2004; il premio “Dream car of the Year” per il 2002 dalla rivista
inglese Autocar ed infine, nel 2007, ha ottenuto il primo posto assoluto nella “Zurich Iconic Car
Index”.
11.- Orbene: nel corso delle indagini svolte da Ferrari presso i punti vendita delle resistenti, è stato
possibile reperire diverse tipologie di automodelli riproducenti in toto le caratteristiche
peculiari del design della “Enzo”.
Tranne modestissimi elementi di dettaglio, i prodotti commercializzati dalle resistenti sono infatti
pressoché identici a quelli oggetto del modello Ferrari, dei quali, come si diceva, riproducono
pedissequamente la forma quasi in ogni elemento (ed in particolare nel caratteristico aspetto del
“muso” e nel profilo, tanto da risultare verosimilmente realizzati “a ricalco” rispetto ai
corrispondenti prodotti originali.
In considerazione dell’assoluta identità dei prodotti contraffattorî con quelli oggetto del modello
Ferrari, che già un semplice raffronto tra le figure della registrazione ed i prodotti commercializzati
dalle resistenti permette di apprezzare, non è dunque neppure necessario richiamare la chiara
IP_LAW_GALLI Newsletter
15
disposizione dell’art. 41 Codice della Proprietà Industriale, già art. 8-ter legge modelli, il quale precisa
espressamente che – come del resto è ovvio – non bastano minime differenze ad escludere la
contraffazione, in quanto “La protezione conferita da un disegno o modello comunitario si
estende a qualsiasi disegno o modello che non produca nell’utilizzatore informato
un’impressione generale diversa”.
E nel caso di specie l’impressione generale suscitata dai prodotti contraffattorî è assolutamente
identica a quella suscitata dal modello DM/060.124, essendone ripresi tutti gli elementi caratteristici
(compreso il mitico colore rosso); il che fa sì che questi ultimi ricadano all’interno dell’ambito di
protezione del modello azionato costituendone pertanto una palese violazione.
*** *** ***
I profili di illiceità
del comportamento delle resistenti:
c) la contraffazione di marchi non registrati
12.- Anche a prescindere dalla già ricordata registrazione comunitaria n. 4.969.564, il colore rosso e
la caratteristica livrea bianca e rossa delle vetture Ferrari di F1 sono tutelabili come marchi di fatto
di titolarità di Ferrari ed anche in relazione ad essi la contraffazione posta in essere dalle controparti
è innegabile.
Colore rosso e livrea (entrambi pedissequamente ripresi dai prodotti contestati) costituiscono
infatti due dei principali e più noti marchi di fatto da sempre utilizzati dalla Ferrari per la sua
produzione.
Il colore rosso è da sempre utilizzato dall’odierna ricorrente: inizialmente per identificare le
proprie autovetture (sia F1 che GranTurismo) e successivamente tutta la produzione Ferrari (dai
prodotti di merchandising, ai luxury goods, passando per i capi d’abbigliamento e per gli accessori).
Che il colore rosso, nel mondo dell’automobilismo, sia da sempre sinonimo di Ferrari è un dato
a sua volta del tutto notorio, e peraltro largamente documentato dai materiali da noi prodotti relativi
alla storia della Ferrari e dei suoi prodotti.
Rosse sono le autovetture (conosciute anche come “le rosse”), rosse sono le tute del team Ferrari
(conosciuti anche come gli “uomini in rosso”, rosso è il colore della sede principale dello
stabilimento Ferrari, rosso è il colore predominate dei concessionari Ferrari, così come dei siti
Internet Ferrari (Doc. 47); ed egualmente, ormai da decenni nel campionato di Formula 1 ed in
tutte le altre competizioni in cui partecipano autovetture Ferrari le uniche vetture rosse sono
quelle della Scuderia Ferrari, tanto che addirittura nel linguaggio comune si parla di “rosso
Ferrari”.
Che il colore rosso costituisca il segno distintivo per antonomasia dell’odierna ricorrente (forse
anche più dei notissimi marchi “Cavallino Rampante” e “Ferrari”, che su ogni prodotto ricoprono
sempre una superficie inferiore rispetto a quella ricoperta dal colore rosso) appare dunque
francamente innegabile.
E’ quindi evidente che, quando il consumatore vede una c.d. supercar o una Formula 1, ovvero un
modellino riproducente tali autovetture di colore rosso, nella sua mente si insinui, per una sorta di
“riflesso condizionato”, un vero e proprio collegamento alla Ferrari, e quanto meno un
richiamo ad essa.
E di ciò sono evidentemente edotte anche le odierne controparti, le quali, tra le migliaia di
tipologie di modellini di altrettanti infiniti colori disponibili in commercio, hanno pensato bene di
commercializzare dei prodotti che non solo riprendono le forme ed i marchi registrati di Ferrari
ma ne riprendono anche il mitico colore rosso.
Ed è appena il caso di sottolineare, anche in questo caso, come la combinazione di queste
imitazioni faccia da moltiplicatore per il pericolo di confusione e di agganciamento cagionato da
ciascuna di tali imitazioni singolarmente considerate.
13.- Ma non è ancora tutto. Come già abbiamo visto, infatti, in riferimento ai prodotti contestati
IP_LAW_GALLI Newsletter
16
del tipo Formula 1, le controparti si sono spinte oltre, riproducendo pedissequamente anche la
livrea delle vetture da competizione dell’odierna ricorrente (comprensiva degli sponsors ufficiali del
team Ferrari di F1, richiamati in modo così trasparente da rasentare la parodia, o l’umorismo
involontario; è solo il caso di sottolineare che i modellini degli imitatori riproducono, sia pur
alterandoli, anche i marchi che invece, per scelta aziendale, non compaiono sui modellini ufficiali, ed
in particolare quelli dei prodotti da fumo, che la Ferrari, in base alla sua politica di debranding
proibisce di apporre su prodotti destinati, per definizione, ad un pubblico di minorenni), che a sua
volta assolve un’evidente funzione distintiva, ricollegando in modo altrettanto automatico tali
vetture alla Ferrari e rappresentando quindi un altro marchio di fatto della stessa ricorrente.
L’imitazione dei marchi di fatto della Ferrari costituiti da colore e livrea dell’autovettura è anzi il
fattore dominante del pericolo che il consumatore si confonda, credendo di avere a che fare
con un modellino Ferrari, essendo infatti gli elementi che più facilmente colpiscono il consumatore,
nel giudizio “di impressione” che necessariamente compie al momento di acquistare questo tipo di
prodotti, come si diceva vedendoli e prelevandoli dallo scaffale di un supermercato.
Del resto, l’indiscussa ed indiscutibile fama di cui tali segni godono in tutto il mondo ed in
particolare in Italia, fanno sì che anche per la protezione di questi segni non sia necessario che vi sia
un vero e proprio rischio di confusione, essendo sufficiente che a seguito dell’utilizzo degli stessi
derivi un indebito vantaggio a favore del contraffattore o un pregiudizio a danno dei marchi
Ferrari.
L’indebito vantaggio è del tutto evidente; le controparti avrebbero potuto benissimo
commercializzare autovetture di un qualsiasi colore (verde per esempio), o con una livrea diversa (le
possibilità, anche qui, sono pressoché infinite): e se non l’hanno fatto, e hanno invece scelto di
commercializzare automodelli che chiaramente richiamano quelli della Ferrari (se non addirittura
vengono confusi con essi), lo scopo è manifestamente quello di farli uscire dall’“anonimato”,
appunto attraverso il richiamo alla Ferrari, ed alle sue celeberrime autovetture da
competizione. In quest’ottica è chiaro che la scelta del colore rosso o addirittura della tipica livrea
delle vetture Ferrari da F1 si sia rivelata una scelta strategicamente vincente per i contraffattori:
se l’utilizzo di tali colori (quanto meno) richiama nella mente del consumatore le vetture Ferrari, che
egli certamente conosce e ammira, appare fortemente probabile che egli sceglierà un prodotto dotato
di tali caratteristiche piuttosto che un anonimo modello verde (per tornare all’esempio fatto
all’inizio).
Ecco quindi che l’uso indebito dei marchi di fatto Ferrari, fornisce un chiaro quanto indebito
vantaggio a prodotti altrimenti destinati ad uno scontato anonimato.
Tale utilizzo, poi, arreca alla Ferrari un evidente pregiudizio; ciò sia poiché i prodotti avversari
sono di evidente scarsa qualità (scarsa qualità che potrebbe essere associata dal consumatore ai
prodotti Ferrari, azienda che invece ha la perfezione e la precisione nel proprio DNA), sia perché
la presenza sul mercato di numerosi prodotti (non autorizzati) riprendenti i suoi marchi di fatto,
finisce inevitabilmente per annacquare la storica forza distintiva degli stessi, forza distintiva che
costituisce per Ferrari anche un innegabile e fortissimo asset aziendale.
Sussistono dunque pienamente i presupposti per la protezione di questi elementi appunto come
segni distintivi di fatto, tutelati ai sensi degli artt. 1 e 2 del Codice della Proprietà Industriale:
protezione che riguarda sia il pericolo di confusione, sia l’agganciamento parassitario, represso
per i marchi registrati dall’art. 20, comma 1°, lett. a e c del Codice della Proprietà Industriale e per i
segni distintivi non registrati – se anche non si ritiene possibile applicare anche ad essi queste
disposizioni, come in realtà appare preferibile, sulla base di una lettura sistematica – quanto meno
dall’art. 2598, n. 2 c.c..
Nello stesso senso ha avuto modo di esprimersi anche la giurisprudenza, ed anzitutto quella di
codesto Ill.mo Tribunale, che ha così potuto configurare come un’ipotesi di “contraffazione di
segni distintivi non registrati risolventisi nella forma del prodotto”, sotto i profili della
confondibilità e dell’agganciamento, la copiatura pedissequa della forma di un cavatappi (Trib.
Milano, decr. 17 gennaio 2006: doc. 48), ed ancor più recentemente la combinazione di disegni che
IP_LAW_GALLI Newsletter
17
comparivano su una cassaforte (Trib. Milano, decr. 5 aprile 2007: doc. 49).
E questi rilievi si applicano a più forte ragione nel nostro caso, posto che la rinomanza di cui
godevano gli elementi tutelati dai due provvedimenti appena richiamati non è neppure
lontanamente da paragonare a quella dei marchi di fatto della Ferrari di cui stiamo parlando, così
come assolutamente manifesto è l’agganciamento parassitario (e il correlativo pregiudizio per la
ricorrente) che la riproduzione di essi sui modellini qui contestati determina.
*** *** ***
I profili di illiceità
del comportamento delle resistenti:
d) la concorrenza sleale
14.- L’attività posta in essere dalle controparti, infine, costituisce concorrenza sleale ex art. 2598
c.c., e ciò sotto molteplici profili.
Innanzitutto, l’uso di segni simili a degli anteriori segni distintivi altrui (indipendentemente dal
fatto che si tratti di marchi registrati o di fatto) in relazione a prodotti identici (come nel caso di
specie) a quelli per i quali questi ultimi sono usati, dà indubitabilmente luogo ad un’ipotesi di
concorrenza sleale confusoria, illecita ai sensi dell’art. 2598, n. 1 c.c. il quale, come noto, vieta
l’uso di nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi
legittimamente usati da altri; a tal proposito si vedano, tra le molte, Trib. Monza, Sez. Dist. Desio, 13
gennaio 2000, in Giur. ann. dir. ind., 2000, 628 e ss.; Trib. Napoli, 21 giugno 1995 (ord.), ne Il dir. ind.,
1996, 453 e ss.; Trib. Roma, 20 febbraio 1988, in Giur. ann. dir. ind., 1988, 498 e ss.; nonché in
dottrina, per tutti, VANZETTI-DI CATALDO, Manuale di diritto industriale5, Milano, 2005, pp. 47-48.
Nel caso di specie, che vi possa essere un rischio di confusione per il consumatore (e in particolare
per il consumatore di questi prodotti), a seguito dell’uso fatto sui prodotti contestati di segni identici
o simili ai marchi (registrati e non) di Ferrari, non è seriamente negabile, e ciò tanto più in
considerazione del fatto che i segni confondibili – quanto meno nei modelli riproducenti vetture del
tipo Formula 1 – vengono sempre utilizzati contemporaneamente, aumentando così
esponenzialmente l’insidiosità dell’imitazione.
La concorrenza sleale sussiste poi, in relazione ai prodotti contestati che riproducono la mitica
Ferrari “Enzo”, anche sotto il profilo dell’imitazione servile, vietata sempre ai sensi dell’art. 2598,
n. 1 c.c.: e ciò perché del modello/prodotto Ferrari sono imitati veramente tutti i particolari,
anche quelli puramente distintivi, cosicché l’acquirente che già conosce il modello/prodotto
Ferrari (che, come si è già detto, rappresenta il prodotto-simbolo della recente produzione
GranTurismo della Ferrari, un vero e proprio mito sognato da tutti gli appassionati e tifosi Ferrari)
non può non scambiare le copie per i prodotti originali, o quanto meno ritenere che anche queste
ultime siano state autorizzate dalla ricorrente.
15.- Del resto, anche a prescindere dal pericolo di confusione, l’imitazione dei segni distintivi della
ricorrente e della forma distintiva dei suoi prodotti realizza, come pure abbiamo visto, un evidente
agganciamento parassitario dei prodotti commercializzati dalle resistenti alla fama dell’odierna
ricorrente e dei prodotti di questa, secondo il modello più classico del cosiddetto look-alike,
configurando così un caso di scuola di appropriazione di pregi, vietata dall’art. 2598, n. 2 c.c..
Tale norma, infatti, è diretta a sanzionare, tra l’altro “gli atti di concorrenza caratterizzati da un
intento di agganciamento alla notorietà altrui” (così ancora VANZETTI-DI CATALDO, Manuale di
diritto industriale5, cit., p. 90), anche quando ciò non comporti – ma non è questo il caso – un rischio di
confusione.
Sull’illiceità di tale tipo di attività si vedano Cass., 21 ottobre 1998, n. 10416, in Giur. ann. dir. ind.,
1998, 155 e ss., spec. p. 162; Trib. Milano, 1° febbraio 1999, ivi, 2000, 209 e ss.; il provvedimento già
ricordato di Trib. Milano, 17 gennaio 2006, di cui al doc. 44 – che ha appunto ritenuto la copiatura
del prodotto realizzata in quel caso illecita “sotto il profilo della contraffazione dei segni
distintivi non registrati risolventisi nella forma del prodotto o, quantomeno, sotto il profilo
della concorrenza sleale per pedissequa, servile imitazione e per appropriazione di pregi” –;
IP_LAW_GALLI Newsletter
18
e ancor più esplicitamente Trib. Milano, ord. 21 luglio 2004, ivi, 2005, 433 e ss., che ha sanzionato
l’imitazione anche non confusoria degli elementi distintivi di un prodotto altrui come “un indebito
agganciamento ex art. 2598 n. 2 c.c. posto in essere dalla resistente rispetto all’attività ed al
prodotto della ricorrente, volto a sfruttare la notorietà ed il successo del concorrente
riproducendone le forme di presentazione esteriore del prodotto al fine di trarre indebito
vantaggio dal positivo accreditamento da essa conquistato presso il consumatore in modo
da riversare anche sul prodotto” dell’imitatore “l’effetto della rinomanza del prodotto
concorrente”: rilievi che valgono a più forte ragione nel caso di specie, data la fama incomparabile
della Ferrari e dei suoi segni distintivi, registrati e non registrati.
Il look-alike e il conseguente agganciamento parassitario sono, nel caso di specie, francamente
innegabili, e non riguardano soltanto l’aspetto complessivo dei prodotti ed i segni distintivi ad essi
apposti, ma addirittura elementi “accessori”, a loro volta congegnati in modo da richiamare la
Ferrari, i suoi marchi e i suoi prodotti originali.
Emblematici sono sotto questo profilo i prodotti che propongono insieme alla falsa Ferrari altri
modelli di automobili Formula 1 riprendenti le forme, i colori ed in generale l’aspetto
complessivo delle sue dirette concorrenti nel campionato mondiale di Formula 1 – Renault,
McLaren, BMW –, accostamento che è ripreso, in particolar modo in riferimento alla vettura
Renault, anche su molte delle confezioni dei prodotti contestati, rendendo così ancor più
immediata l’identificazione della vettura rossa come una Ferrari ed accentuando l’effetto delle
altre forme di imitazione di cui si è detto; analogamente, la confezione di uno dei prodotti in
contraffatorî riproduce i box di una scuderia di Formula 1, riportando una fotografia, la cui abile
manipolazione al computer non impedisce di riconoscervi i famosi “uomini in rosso” Ferrari
intenti in un’operazione di pit-stop; mentre altri due prodotti recano anche un adesivo
riproducente una targa automobilistica della provincia di Modena (città in cui è nato Enzo
Ferrari e provincia in cui si trova il comune di Maranello, da sempre associato alla Ferrari). E
l’elenco potrebbe continuare a lungo…
Del resto, come già si è accennato in precedenza, dove non arriva il “travestimento” da Ferrari
adottato dai prodotti contraffattorî, arrivano le modalità di vendita utilizzate da controparte: si noti
infatti che, in varî casi, i prodotti-copia vengono venduti fianco a fianco di quelli originali,
proprio al fine di aumentare il pericolo di confusione nella mente del consumatore e/o quanto meno
di agganciarsi alla fama della ricorrente e dei suoi prodotti.
Inoltre, in un caso specifico viene utilizzata sugli scontrini fiscali l’espressione “Auto Formula
Rossa”, il che accentua ulteriormente il collegamento con la Ferrari, le cui vetture vengono
comunemente chiamate appunto le “rosse”, se non addirittura il convincimento di avere
acquistato un modello originale.
16.- La concorrenza sleale, nel caso di specie, sussiste poi anche sotto il profilo della
denigrazione, anch’essa vietata ai sensi dell’art. 2598, n. 2 c.c., e ciò per una molteplice serie di
motivi:
a) i prodotti avversari sono di scarsa (per non dire infima) qualità: è sufficiente prendere tra le
mani i prodotti in questione per rendersi conto che essi presentano numerosi difetti di stampa
(bolle d’aria, spigoli mal definiti), le parti mobili sono di fattura assai fragile (toccando i prodotti
avversari con mano si ha sempre il timore che qualche pezzo si possa staccare), i particolari più
minuti e caratteristici (che nei prodotti originali Ferrari sono finemente realizzati e riprodotti in
perfetta scala) nei prodotti contraffatti sono ripresi unicamente tramite adesivi, gli elementi
decorativi (che nei prodotti originali Ferrari sono costituiti da eleganti e precise serigrafie) nei
prodotti contraffatti sono costituiti a loro volta da adesivi la cui stabilità appare alquanto
aleatoria (giacché evidentemente, per tenere i prezzi bassi, i produttori cinesi hanno voluto
risparmiare anche sulla colla…): e dunque chi acquista questi prodotti credendo di avere a che fare
con un prodotto originale o comunque autorizzato dalla Ferrari non può che attribuire ad essa la
responsabilità della scelta di un produttore mediocre, in contrasto con l’immagine di assoluta
precisione tecnica che caratterizza Ferrari e i suoi prodotti;
IP_LAW_GALLI Newsletter
19
b) i prodotti contraffattorî sono venduti a prezzi largamente inferiori rispetto a quelli praticati
per i prodotti originali (il modello originale della Ferrari “Enzo” viene infatti venduto al pubblico
ad un prezzo che si aggira intorno ai 40 Euro, mentre quelli contraffattori sono venduti ad un
prezzo che oscilla da un minimo di 6,90 Euro ad un massimo di 19,90 Euro; allo stesso modo, il
modello originale della F2007 – il modello di Ferrari Formula 1 più recente – è venduto al pubblico
ad un prezzo che si aggira intorno ai 60 Euro, mentre quelli contraffattorî sono venduti ad un
prezzo che oscilla da un minimo di 5,90 Euro ad un massimo di 19,90 Euro), ciò determina
necessariamente il discredito commerciale sia del prodotto commercializzato a prezzi
normali, sia di Ferrari stessa, “essendo il pubblico indotto a ritenere che sussistano ampi ed
ingiustificati margini di profitto su un prodotto di qualità modesta” (così da ultimo Trib.
Frosinone, ord. 2 febbraio 2000, in Giur. ann. dir. ind., 2001, n. 4134; e nello stesso senso già Pret.
Verona, 29 ottobre 1992, in Foro it., 1994, I, 933 e ss.; Trib. Bari, ord. 16 novembre 1998, ivi, 1999, I,
1642 e ss.; e Trib. Ancona, ord. 12 aprile 1999, ibidem, 1645 e ss.) e che peraltro, a prodotto ancora
confezionato – come si presenta al consumatore al momento dell’acquisto –, appare
qualitativamente identico a quello di minor prezzo, giacché ovviamente i difetti di cui si è detto
sopra si manifestano solo successivamente, quando il prodotto viene tolto dalla confezione ed è
effettivamente nelle mani dell’acquirente.
17.- La condotta delle odierne resistenti, infine, costituisce concorrenza sleale per scorrettezza
professionale (fattispecie disciplinata dall’art. 2598, n. 3 c.c.), e ciò anche qui per una molteplice
serie di motivi:
a) la violazione dell’altrui privativa (in particolare, per modello) costituisce di per sé un
comportamento contrario ai principi della correttezza professionale idoneo a danneggiare l’altrui
azienda, (c.d. “concorrenza sleale dipendente”), la cui illiceità è del tutto incontroversa. Si vedano
tra le molte pronunce in tal senso App. Bologna, 3 maggio 2001, in Giur. ann. dir. ind., 2002, 115 e
ss., che ha appunto affermato che “La contraffazione brevettuale, indipendentemente dalla
confondibilità dei prodotti, integra di per sé un comportamento non conforme ai principi
della correttezza professionale, idoneo a danneggiare l’altrui azienda e quindi suscettibile di
censura ai sensi dell’art. 1598, n. 3 c.c.”; Trib. Napoli, 5 novembre 1998, ivi, 1998, 939 e ss.; Trib.
Vicenza, 6 settembre 1993, ivi, 1993, 718 e ss.; App. Milano, 24 settembre 1991, ivi, 1991, 704 e ss.;
ecc.;
b) la circostanza che i prodotti-copia siano stati verosimilmente ottenuti attraverso un ricalco
dei corrispondenti prodotti originali rende poi evidente la slealtà concorrenziale della condotta
delle resistenti sotto il profilo della c.d. ripresa diretta della prestazione altrui, che costituisce un
comportamento contrario ai principî della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui
azienda, vietato ai sensi dell’art. 2598, n. 3 c.c. (in tal senso si vedano, tra le molte, Cass., 2 dicembre
1993, n. 11953, in Giur. ann. dir. ind., 1993, n. 2891; Pret. Legnano, ord. 4 maggio 1988, ivi, 1988, n.
2314; App. Bologna, 20 gennaio 1981, ivi, 1981, n. 1488; App. Firenze, 11 marzo 1975, ivi, Rep sist.
1972-1987, p. 964; Trib. Milano, 28 aprile 1975, ivi, 1975, n. 719; ecc.), in quanto tale condotta
“consente una economia di tempo, di lavoro, di studio e di spesa ed offre la possibilità di
immettere sul mercato la pubblicazione in tempi assai più brevi di quelli che avrebbero
richiesto l’autonoma elaborazione, composizione e stampa” (così appunto Cass., 2 dicembre
1993, n. 11953, cit.), rilievi che possono ripetersi tal quali anche nel caso di specie;
c) sempre nella stessa prospettiva, l’agganciarsi a marchi di fama assoluta quali quelli di Ferrari,
ha permesso ai prodotti avversari di accreditarsi sul mercato (in termini di accrescimento sia
d’immagine sia di vendite) senza dover affrontare i costi necessari per raggiungere
autonomamente tale accreditamento: come accennato in precedenza, i prodotti contestati, ove
non fossero “travestiti” da Ferrari, troverebbero difficilmente spazio nel mercato di riferimento e
anche qualora fossero in grado di guadagnarsi una fetta di mercato, quest’ultima sarebbe certamente
di gran lunga inferiore rispetto a quella ottenuta mediante il richiamato “travestimento”. Ed anche
questa condotta è evidentemente contraria alla correttezza professionale, per le stesse ragioni che si
sono appena dette;
IP_LAW_GALLI Newsletter
20
d) il carattere sistematico dell’imitazione realizzata, che, come abbiamo visto, riguarda
pressoché l’intera gamma dei modellini-giocattolo Ferrari (dalla “Enzo” alle Formula 1) e si
estende anche alle confezioni e alle forme di presentazione (addirittura con la riproduzione di
immagini originali della Ferrari appena ritoccate, o con l’uso della targa di Modena, ecc.) e al
posizionamento negli scaffali (prodotti-copia e prodotti originali fianco a fianco e pressoché
indistinguibili), configura poi all’evidenza un caso di scuola di concorrenza parassitaria, trattandosi
appunto di una “imitazione sistematica e durevole del concorrente, un cammino continuo e
costante sulle orme altrui, uno sfruttamento di ogni iniziativa, studio o ricerca del
concorrente” (così, tra le pronunce più recenti, App. Milano, 18 settembre 1998, in Giur. ann. dir.
ind., 1998, 908 e ss.).
*** *** ***
L’azione di merito
che Ferrari intende proporre
18.- Sulla base di quanto precede, la Ferrari intende quindi promuovere una causa di
contraffazione dei propri marchi registrati e di fatto, del proprio design registrato e di concorrenza
sleale, chiedendo la condanna a questo titolo delle resistenti.
In particolare, nell’ambito della promuovenda causa di merito, la ricorrente intende domandare
l’accertamento del compimento di tutti gli illeciti sin qui descritti, con l’inibitoria finale della
prosecuzione o ripetizione di tali illeciti, inclusa la commercializzazione e la pubblicizzazione dei
prodotti riproducenti modelli di titolarità di Ferrari e/o di prodotti contraddistinti dai segni sopra
descritti o comunque ad essi simili ed in generale da segni simili ai marchi di titolarità della Ferrari,
l’ordine di ritiro definitivo dal commercio dei prodotti contestati e la fissazione di una penale per
ogni violazione successivamente constatata.
La ricorrente intende altresì domandare la condanna delle odierne resistenti al risarcimento del
danno ad essa causato dagli illeciti di cui le stesse si sono rese responsabili e alla restituzione degli
utili da esse conseguiti, come previsto dall’art. 125 C.P.I., nonché l’emanazione di tutte le pronunce
conseguenti, e segnatamente la distruzione dei prodotti contraffattori e la pubblicazione
dell’emananda sentenza.
*** *** ***
Le istanze cautelari
oggetto del presente procedimento
19.- Per assicurare gli effetti di questa azione è però intanto strettamente indispensabile un
intervento in sede cautelare, con la concessione di provvedimenti di inibitoria, ritiro dal
commercio e sequestro, che impediscano alle resistenti sia di proseguire nel compimento degli
illeciti sin qui descritti (e tuttora in corso), sia di “eliminare” importanti elementi di prova in
relazione all’attività illecita posta sin qui in essere, ed in particolare degli elementi diretti a
quantificare l’ammontare del danno patito dalla odierna ricorrente e quello degli utili conseguiti dai
contraffattori (rilevanti sotto il profilo, pure già ricordato, della reversione degli utili prevista a
norma dell’art. 125 C.P.I.), e – soprattutto – di identificare gli ulteriori soggetti coinvolti
nell’attività contraffattoria.
In relazione a quest’ultima richiesta – particolarmente importante nel caso di specie, date anche le
verosimili ramificazioni internazionali dell’illecito in atto –, è appena il caso di ricordare come
gli artt. 128 e 129 del Codice della Proprietà Industriale consentono espressamente la descrizione o il
sequestro “degli elementi di prova concernenti la denunziata violazione”, e tra essi rientrano
senz’altro i documenti idonei all’identificazione del produttore, degli importatori e degli eventuali
ulteriori distributori dei prodotti contraffattorî, a loro volta responsabili di contraffazione. Ciò è
confermato anche dal coordinamento tra queste disposizioni e quella dell’art. 121, comma 2° del
Codice, che consente al Giudice di ordinare al preteso contraffattore “di fornire gli elementi per
l’identificazione dei soggetti implicati nella produzione e distribuzione dei prodotti o dei
servizi che costituiscono la contraffazione”.
IP_LAW_GALLI Newsletter
21
Sempre in relazione ai sequestri richiesti va altresì sottolineato che essi dovranno poter essere
eseguiti anche presso terzi non identificati nel ricorso (e segnatamente presso gli importatori), di
cui dovesse emergere la partecipazione all’illecito, in base a quanto previsto dall’art. 130 C.P.I..
La sussistenza dei requisiti richiesti per la concessione dei provvedimenti cautelari necessari (fumus
boni iuris e periculum in mora) è, nel caso di specie, assolutamente indubitabile.
Per quanto riguarda il requisito del fumus boni iuris, la sussistenza dello stesso è di immediato
riscontro, stante la titolarità in capo a Ferrari dei modelli e dei marchi (di fatto e registrati) citati in
narrativa; la validità degli stessi e la loro clamorosa violazione ad opera delle odierne resistenti è
riscontrabile con altrettanta evidenza per i motivi tutti sopra esposti.
Quanto poi al periculum in mora, è appena il caso di osservare come gli illeciti in atto siano
certamente suscettibili di arrecare alla Ferrari (ed hanno già arrecato) un danno gravissimo sia in
termini di mancato profitto (è infatti altamente probabile che il consumatore che si trovi dinnanzi
ad uno dei prodotti contraffatti –indotto in errore o quanto meno invogliato dal prezzo nettamente
inferiore per un prodotto, almeno in apparenza, identico – acquisti i prodotti contestati al posto di
quelli originali), sia – ed anzi prima ancora – di danno d’immagine e di perdita di valore di
marchi che godono di un prestigio assoluto e sul quale sono stati investiti ingenti capitali sia
direttamente da Ferrari che dai partners commerciali di questa.
*** *** ***
La richiesta di concessione
dei provvedimenti cautelari
inaudita altera parte
20.- E’ altresì importante che i provvedimenti sopra indicati vengano concessi inaudita altera
parte.
Ciò si rende strettamente indispensabile anzitutto per i richiesti provvedimenti di inibitoria della
pubblicizzazione e commercializzazione dei prodotti contestati, di ritiro dal commercio e sequestro
degli stessi nei confronti delle resistenti.
La preventiva comparizione delle parti, renderebbe di fatto impossibile (stante l’inevitabile
decorso di giorni preziosi per Ferrari, dovuti alla necessità di notificare il provvedimento di
fissazione dell’udienza, alla facoltà delle controparti di depositare una memoria di resistenza e alla
successiva comparizione delle parti in udienza per la discussione), per l’odierna ricorrente, riuscire ad
ottenere un provvedimento favorevole in tempo per impedire alle controparti di terminare di
commercializzare e pubblicizzare i prodotti contraffattorî, verosimilmente acquistati in grandi
quantità in vista delle festività e ormai agli “sgoccioli”, dopo la “Befana” del 6 gennaio: col rischio,
quindi, che Ferrari si trovi ad eseguire un provvedimento su scaffali vuoti.
La preventiva comparizione delle parti consentirebbe del resto alle odierne resistenti (che
dispongono di un gran numero di magazzini di stoccaggio della merce sparsi su tutto il territorio
italiano) e più ancora ai loro danti causa e agli importatori – ai quali sicuramente le resistenti si
rivolgerebbero per esserne garantite e che sanno perfettamente quello che fanno e sono dunque
verosimilmente attrezzati a far sparire rapidissimamente tutta la loro mercanzia! – di disperdere o
nascondere i prodotti contraffattorî (giocattoli di piccole dimensioni, quindi facilmente trasportabili
ed occultabili, magari anche a piccoli gruppi), rendendo quindi sostanzialmente impossibile
eseguire fruttuosamente i richiesti provvedimenti di sequestro.
La comparizione delle parti, inoltre, pregiudicherebbe anche l’esecuzione dell’indispensabile
sequestro delle scritture contabili delle odierne resistenti: se infatti il provvedimento venisse
annunciato alle controparti e, loro tramite, ai loro danti causa ed agli importatori, tutti questi
soggetti avrebbero facile gioco nel far sparire tutti i documenti “compromettenti”, soprattutto se
si considera il fatto che per molti di questi documenti non è obbligatoriamente prevista la
conservazione (cfr. in tal senso SCUFFI, Diritto processuale dei brevetti e dei marchi, Milano, 2001, p. 238).
E sotto quest’ultimo aspetto si deve ancora una volta sottolineare con forza come la
contraffazione assuma nel caso di specie un evidente carattere sistematico ed organizzato e
IP_LAW_GALLI Newsletter
22
addirittura evidenti profili internazionali – con il coinvolgimento di un produttore verosimilmente
cinese – rendendo ancora più attuale il rischio che ogni traccia dell’illecito (e soprattutto i prodotti
da sequestrare e le scritture contabili) venga fatta sparire nel tempo necessario alla convocazione
delle parti.
Anche in termini di bilanciamento di interessi – giustamente valorizzato nella giurisprudenza di
codesto Ill.mo Tribunale –, il differimento del contraddittorio a un momento successivo
(comunque di pochi giorni) all’esecuzione della misura cautelare non sarebbe in questo caso
particolarmente oneroso per le parti resistenti: mentre la preventiva comparizione delle parti
rischierebbe di tradursi in un danno gravissimo per Ferrari, che potrebbe perdere ogni possibilità
di ottenere reale soddisfazione per i diritti violati.
Sussistono pertanto pienamente le ragioni per la concessione dei richiesti provvedimenti cautelari
senza previa comparizione delle parti: fermo restando che naturalmente la comparizione seguirà
subito dopo, e in tale sede potranno essere valutate le eventuali difese delle resistenti.
*** *** ***
La richiesta di pubblicazione
dell’emanando provvedimento
21.- Dovrà infine essere disposta la pubblicazione dell’emanando provvedimento, pubblicazione la
cui ammissibilità in sede cautelare è ora espressamente prevista dall’art. 127 del Codice della
Proprietà Industriale, e già prima dell’entrata in vigore di esso era riconosciuta da una larga parte
della giurisprudenza. Dalla oramai lontana Pret. Afragola, 6 febbraio 1967, in Riv. dir. comm., 1968, II,
77, e ss. numerosissime decisioni hanno ripetuto il medesimo principio: tra le molte si vedano Pret.
Milano, 31 luglio 1967, in Foro pad., 1967, 923 e ss.; Pret. Roma, 6 maggio 1974, in Foro it., 1974, I, 1,
1806 e ss.; Pret. Roma, 7 settembre 1978, in Giust. civ., 1978, 1904 e ss.; Pret. Catania, 9 dicembre
1980, in Giur. ann. dir. ind., 1980, 684 e ss.; Pret. Catania, 23 marzo 1983, ivi, 1983, 541 e ss.; Pret.
Legnano, 3 maggio 1985, ivi, 1985, 586 e ss.; Pret. Catania, 23 febbraio 1987, ivi, 1987, 377 e ss.; Pret.
Catania, 25 luglio 1987, ibidem, 673 e ss.; Trib. Catania, 17 ottobre 1988, ivi, 1988, 800 e ss.; Trib.
Roma, 25 febbraio 1988, ibidem, 512 e ss.; Trib. Roma, 29 settembre 1993, ivi, 1993, 731 e ss..
La necessità di una simile misura appare evidente se si pensa al fatto che gli illeciti qui contestati
hanno tuttora una speciale efficacia diffusiva essendo i prodotti contraffattorî presenti nei punti
vendita di alcune catene della Grande Distribuzione Organizzata del nostro Paese.
La particolare mediocrità qualitativa dei prodotti contraffattorî, rende poi necessaria la
pubblicazione dell’emanando provvedimento anche nell’interesse dei consumatori: essi infatti,
come più volte ribadito, sono in grado di rendersi conto della scarsa qualità del prodotto solo ad
acquisto effettuato; a seguito di tale misura invece, potranno essere edotti degli inconvenienti (anche
di salute) cui potrebbero incorrere acquistando i prodotti ben prima dell’acquisto aiutandoli quindi
ad un più “ragionato” consumo.
******
In relazione a quanto sopra esposto, la Ferrari S.p.A., rappresentata e difesa come specificato in
epigrafe
chiede
che codesto Ill.mo Tribunale voglia, ai sensi dell’art. 700 c.p.c. e degli artt. 121, 121 bis, 126, 129,
130 e 131 C.P.I., previa designazione da parte del Presidente del Tribunale del Giudice cui sarà
affidata la trattazione del presente procedimento, emanare con decreto i provvedimenti idonei ad
assicurare provvisoriamente gli effetti della decisione sul merito; ed in particolare
chiede
che codesto Ill.mo Tribunale voglia:
1) Disporre a carico delle resistenti:
a) l’inibitoria della importazione, commercializzazione e pubblicizzazione in qualsiasi forma di
prodotti illecitamente contraddistinti dai segni/marchi di cui in narrativa e in generale da segni
IP_LAW_GALLI Newsletter
23
identici e/o simili ai marchi registrati o di fatto di titolarità della Ferrari di cui in narrativa, con
contestuale ordine di ritiro dal commercio degli stessi;
b) l’inibitoria della importazione, commercializzazione e pubblicizzazione in qualsiasi forma dei
prodotti descritti in narrativa e/o comunque costituenti contraffazione del modello registrato di
titolarità della ricorrente di cui in narrativa, con contestuale ordine di ritiro dal commercio degli
stessi;
c) l’inibitoria della importazione, commercializzazione e pubblicizzazione in qualsiasi forma dei
prodotti descritti in narrativa e/o comunque costituenti atto di concorrenza sleale ex art. 2598 nn. 1,
2 o 3 ai danni della ricorrente, con contestuale ordine di ritiro dal commercio degli stessi;
d) l’inibitoria dall’uso negli scontrini fiscali delle ricorrenti di segni e/o espressioni illecite in
quanto confondibili o comunque associabili a marchi registrati e/o di fatto di titolarità della
ricorrente o il cui uso comunque costituisca atto di concorrenza sleale ai suo danni ex art. 2598 c.c.;
e) il sequestro, anche presso terzi ex art. 130 C.P.I., dei prodotti, dei cataloghi e in generale di
tutto il materiale pubblicitario relativo ai prodotti di cui in narrativa e più in generale dei prodotti
costituenti una violazione dei diritti di titolarità della Ferrari come esposti in narrativa;
f) il sequestro, anche presso terzi ex art. 130 C.P.I., delle scritture contabili, tra cui i registri
IVA, gli scontrini, i registri di carico e scarico di magazzino e le fatture clienti e fornitori, da cui
risultino, da un lato l’esatta misura anche quantitativa della contraffazione (rilevante ai fini del
risarcimento del danno) e dall’altro i nominativi degli eventuali ulteriori soggetti implicati, a monte o
a valle, in questa illecita attività;
g) l’esibizione, ex art. 121 C.P.I. di tutta la documentazione bancaria, finanziaria e commerciale
relativa ai prodotti contestati in possesso della controparte;
h) l’interrogatorio formale dei legali rappresentanti delle resistenti sui seguenti quesiti: “Qual è
l’origine e com’è costituita la rete di distribuzione dei prodotti contestati?”; “Indichi il nome e l’indirizzo dei
produttori, dei fabbricanti, dei distributori, dei fornitori, dei grossisti e degli altri precedenti detentori dei prodotti in
violazione dei diritti della Ferrari”, “indichi le quantità consegnate, ricevute, acquistate, ordinate e vendute nonché il
prezzo di tutti i prodotti in violazione dei diritti della Ferrari”;
2) Autorizzare un rappresentante della ricorrente, un tecnico di sua fiducia ed i suoi difensori ad
assistere alle operazioni di sequestro;
3) Fissare una somma dovuta dalle resistenti per ogni violazione e/o inosservanza dell’inibitoria e
degli altri provvedimenti di cui al precedente punto 1) constatata successivamente al deposito
dell’emanando provvedimento, e segnatamente per ogni ulteriore prodotto contraffattorio che
venga da esse importato e/o commercializzato e/o pubblicizzato e per ogni giorno di ritardo
nell’esecuzione degli ordini contenuti nel provvedimento;
4) Disporre la pubblicazione dell’emanando provvedimento, a spese delle resistenti ed a cura della
ricorrente, per due volte a caratteri doppi del normale e con i nomi delle parti in grassetto, sui
quotidiani “Corriere della Sera”, “La Repubblica” e “Il Sole 24 Ore” e per due volte, a pagina intera e con
i nomi delle parti in grassetto, sulle riviste Quattroruote e Panorama, ovvero con le diverse modalità
che parranno opportune a codesto Ill.mo Tribunale, nonché sui siti Internet delle odierne resistenti;
5) Condannare le resistenti a rifondere alla ricorrente spese, diritti ed onorari del presente
procedimento, compreso il rimborso forfettario di cui all’art. 14 D.M. n. 127/04.
*** *** ***
Agli effetti della determinazione del contributo unificato, si dichiara che il valore della presente
causa è indeterminabile.
*** *** ***
Si producono i seguenti documenti:
(…)
Milano, 9 gennaio 2008.
IP_LAW_GALLI Newsletter
24
R.G. n. (…)/08
TRIBUNALE DI MILANO
Sezione Specializzata
in materia di Proprietà Industriale e Intellettuale
Il Giudice Designato,
a scioglimento della riserva che precede,
visti gli atti e i documenti allegati,
OSSERVA
La ricorrente Ferrari spa, dolendosi della commercializzazione, da parte delle resistenti (…), di
automodellini/giocattolo di scarsa qualità, con forme segni distintivi (marchi, colori, abbigliaggio
complessivo) uguali o assai simili e confondibili o comunque nel complesso evocanti quelli originali
provenienti da licenziatari autorizzati della Ferrari, ha lamentato la violazione dei propri marchi
Italiani, internazionali e comunitari (relativi alla notissima immagine del “cavallino rampante” e al
nome “Ferrari” con la lettera F allungata sulle altre della parola), del modello internazionale, esteso
all’Italia, n. DM 060.124 (avente a oggetto la riproduzione giocattolo della famosa auto Ferrari
‘Enzo’), dei segni distintivi non registrati (colori e complessiva livrea) e il compimento di atti di
concorrenza sleale (per imitazione servile confusoria, appropriazione di pregi, agganciamento
sistematico e parassitario, discredito commerciale – stante il basso livello qualitativo e i bassi prezzi
dei prodotti offerti dalle resistenti – e scorrettezza professionale), chiedendo, con ricorso depositato
il 9.1.2008, i provvedimenti cautelari del caso (inibitoria con penale, sequestro, pubblicazione del
provvedimento ecc.).
Il GD ha concesso sequestro e inibitoria, assistita da penali, con decreto emesso inaudita altera
parte in data 21.1.08 e poi integrato, su richiesta della Ferrari, con provvedimento 24.1.08, con il
quale ha precisato che tra i soggetti (terzi) presso i quali poteva essere eseguito il sequestro dei
prodotti e delle scritture contabili o di altra natura vi erano anche i soggetti importatori e
distributori,come tali indicati sulle confezioni dei prodotti medesimi e dunque (…)e Globo spa.
I sequestri eseguiti confermavano la provenienza dei prodotti rinvenuti presso (…)
dagl’importatori sopra indicati e il gran numero di prodotti dagli stessi trattati. In particolare,
venivano rinvenuti oltre 20.000 o 29.000 prodotti presso Globo (a seconda dell’esattezza dei
conteggi dell’ufficiale giudiziario: cfr memoria di pag. 5; e comunque da aggiungere ai quasi
cinquantamila commercializzati nel solo 2007) e quasi 10.000 presso (…) (da aggiungere ai quasi
cinquantacinquemila commercializzati nel solo 2007).
Di qui la presentazione da parte Ferrari, in data 31.1.2008, di un altro ricorso, con il quale le
domande cautelari già proposte nei confronti delle società (…) venivano estese anche
agl’importatori, per sentir pronunciare anche nei loro confronti i provvedimenti di inibitoria con
penale, di sequestro, l’ordine di ritiro dal commercio, l’esibizione di documentazione finanziaria,
bancaria e commerciale, la pubblicazione del provvedimento e la condanna alle spese.
Fissata dal GD l’udienza di comparizione per il secondo procedimento, la trattazione dei ricorsi
proseguiva parallelamente e infine la ricorrente raggiungeva un accordo con tutte le parti resistenti,
eccezion fatta per Globo.
Ne seguiva la domanda congiunta delle dette parti di confermare il decreto emesso inaudita altera
parte in data 21.1.08 e poi integrato con provvedimento 24.1.08 (nella procedura RG …/08), con
conseguente richiesta di declaratoria della cessazione della materia del contendere (nella procedura
RG …/08).
Le sole Ferrari e Globo discutevano invece le domande cautelari, insistendo la prima per la
conferma del decreto e l’emissione delle misure richieste, la seconda, rispettivamente, per la revoca e
il rigetto o, in subordine, per la limitazione del sequestro al solo modello prodotto a campione dalla
ricorrente.
All’esito dell’ultima udienza (29.7.08) e della discussione, osserva il giudice che, in primo luogo,
IP_LAW_GALLI Newsletter
25
evidenti ragioni di connessione impongono in questa sede la riunione dei procedimenti anche ai fini
del miglior governo di eventuali iniziative di reclamo.
In secondo luogo, la richiesta sostanzialmente conforme di tutte le parti, salvo Globo, e la
mancata emersione in causa di elementi tali da giustificare conclusioni diverse, inducono a
confermare nei confronti di dette parti i provvedimenti già adottati con il decreto emesso in data
21.1.08, come integrato dal decreto 24.1.08.
Quanto poi al rapporto processuale Ferrari/Globo, gli elementi acquisiti e le argomentazioni
svolte inducono a disporre, anche nei confronti di tale resistente, l’inibitoria (con penali e ordine di
ritiro dal commercio) e il sequestro ( che non si risolve in una mera reiterazione della misura già
eseguita nei confronti di Globo quale terzo, posto che la mancanza, sinora, dell’inibitoria non ha
impedito a Globo, in ipotesi, di rinnovare acquisti e vendite di tali prodotti). Gli ulteriori
provvedimenti invocati non sembrano invece concedibili, perchè o superflui alla luce del sequestro (
esibizione ex art. 121 cpi e interrogatorio formale) o eccessivi e sproporzionati ( la pubblicazione del
provvedimento: e ciò si afferma con riguardo non tanto all’entità della vicenda contraffattiva, quanto
al gravissimo danno suscettibile di derivare dall’esecuzione di tale misura alla resistente Globo in
rapporto al beneficio che potrebbe trarne la ricorrente, tenuto conto del carattere secondario, per
quest’ ultima, del mercato di riferimento).
Per inibitoria e sequestro, invece, paiono ravvisabili nella fattispecie i necessari requisiti di legge.
Quanto al fumus, va rilevata inanzi tutto la confondibilità o comunque l’attitudine evocativa, da
apprezzarsi con riferimento al pubblico di destinazione (che, trattandosi di giocattoli, non può che
identificarsi in un pubblico di bambini), dei modelli della resistente Globo rispetto a quelli originali.
E ciò per l’impiego, nei primi, di forme e segni distintivi (colori, marchi, abbigliaggio
complessivo) assai simili o comunque inequivocamente evocanti gli ultimi (stante l’adozione di
varianti più o meno curiose e fantasiose, ma tendenzialmente inidonee a introdurre una sufficiente
differenziazione).
Il riferimento all’evocazione manifesta altresì in modo palese le sottese finalità di indebito
agganciamento e la precisa volontà di trarre vantaggio dallo sfruttamento dell’altrui celebrità (con il
pregiudizio connesso dell’imitato e imputabile al basso standard qualitativo già sopra ricordato ), che
ribadiscono ulteriormente l’illiceità della situazione. La quale sembra integrare plurime violazioni dei
diritti della ricorrente, ovvero la contraffazione dei marchi, dei segni distintivi anche non registrati
(colori e complessiva livrea) e il compimento di atti slealmente concorrenziali (per imitazione servile
confusoria, appropriazione di pregi, agganciamento, discredito commerciale e scorrettezza
professionale).
Né in contrario vale richiamare la risalenza dell’attività di vendita dei prodotti in contestazione o
di altri prodotti (di ditte diverse, ma ) appartenenti alla stessa categoria (per questi ultimi si
tratterebbe addirittura di risalenza pluridecennale).
Da un lato, la documentazione acquisita tende a riportare al 2007 (a fronte di un ricorso del
9.1.08, poi proposto anche nei confronti di Globo, 31.1.08, subito dopo l’esecuzione del sequestro,
28.1.08) l’attività di vendita da parte di Globo, quantomeno del modello contestato.
Dall’altro lato, non si tratta di doglianze incentrate sul fatto in sé della riproduzione o della
ripresa evocativa di modelli ‘risalenti’, ma piuttosto sulla consapevole ripresa delle caratteristiche dei
modelli ‘attuali’ (il che vale a superare ogni questione sull’utilizzo del colore in anni remoti, sulla sua
storia e le sue ragioni).
Tanto che il sequestro eseguito presso Globo ha portato al rinvenimento di modelli modificati
recentissimamente, così da renderli ancora più simili ai prodotti originali, avendo Ferrari sempre
adottato in alcuni casi (e non rileva certo per quali motivi o su suggerimento di chi) una livrea quasi
interamente rossa in luogo della precedente, rossa e bianca (cfr doc. E).
Il che, nel contesto normativo di riferimento, non pare consentito.
Anche la pretesa della resistente di limitare il sequestro al solo modello prodotto dalla ricorrente
quale campione non sembra potersi seguire.
IP_LAW_GALLI Newsletter
26
Per un verso, il sequestro è stato concesso richiamando i campioni (sulle cui confezioni erano
indicati gl’importatori e/o i distributori), ma a titolo dichiaratamente esemplificativo di tutti i modelli
realizzati in violazione dei diritti della ricorrente. Per altro verso, va osservato che il sequestro non è
stato eseguito su tutti i modelli di colore rosso, ma soltanto su quelli ‘rossi’ di ‘formula 1’, che,
almeno nell’attualità, evocano immediatamente le Ferrari. Proprio perchè la ‘somiglianza’ delle auto
(di tutte le auto) di formula 1, dettata da esigenze funzionali e dai regolamenti, porta ad attribuire
importanza fondamentale, ai fini distintivi, proprio al colore e ai segni, anche non registrati, utili a
individuare la vettura. E che, in particolare, proprio tramite il colore i modelli in contestazione
intendessero richiamare precisamente le Ferrari risulta confermato anche dalle foto dei prodotti
acquisite agli atti, che significativamente ritraggono e accostano – senza nominarle, ma anche senza
alcuna ragionevole possibilità di equivoco – auto riferibili ad almeno tre case: le rosse o rossobianche
(Ferrari), le giallo-blu (Renault), le grigio-nere (McLaren).
Quanto al periculum, deve rilevarsi che esso risulta insito in attività come la lamentata
commercializzazione, per l’attualità, l’imminenza e l’irreparabilità del pregiudizio derivante dalla sua
attitudine lesiva e decettiva. E che lo stesso risulta accentuato dal basso standard qualitativo dei
modelli importati da Globo (con la valenza screditante che di conseguenza si riflette anche sugli
originali) e dal loro prezzo, sensibilmente inferiore, data l’assenza di costi.
Le considerazioni tutte sopra svolte appaiono assorbenti rispetto a ogni altro profilo trattato e
giustificano le pronunce di cui alla parte dispositiva del presente provvedimento.
Infine, la necessità del giudizio di merito, imposto dalla natura dei provvedimenti adottati,
induce a rinviare a quella sede ogni liquidazione delle spese.
Il Giudice, disattesa o assorbita ogni contraria o ulteriore domanda, istanza ed eccezione, così
provvede:
A- dispone la riunione del procedimento cautelare sub RG …/08 al procedimento sub RG
…/08;
B- nell’ambito del procedimento sub RG …/08, conferma i provvedimenti cautelari emessi con
decreto 21.1.08, come integrato con successivo decreto in data 24.1.08;
C- nell’ambito della procedura sub RG …/08:
1- inibisce alla resistente Globo spa, con sede in Illasi (Verona), via Dante Alighieri 56, ogni
ulteriore produzione, importazione, pubblicizzazione e commercializzazione degli automodelli
realizzati in violazione dei diritti della ricorrente Ferrari spa (esemplificativamente, sub doc. 23 del
ricorso 9.1.08 – RG …/08 –, la cui immagine risulta riprodotta con codice 32572(7) alla pagina 12
del detto ricorso);
2- fissa in euro 200,00 la somma dovuta per ogni violazione eventualmente contestata dopo la
notificazione del presente provvedimento;
3- autorizza il sequestro degli automodelli sub 1 e del relativo materiale pubblicitario, da eseguirsi
presso la sede della resistente, sue dipendenze o pertinenze, nonché il sequestro delle scritture
contabili o di altra natura (esemplificativamente, registri fiscali, di magazzino, fatture e documenti di
trasporto o altri) comunque utili ad accertare i quantitativi degli automodelli in questione prodotti,
importati e distribuiti, nonché l’identità dei soggetti coinvolti nella loro produzione e
commercializzazione, sequestro da eseguire tramite estrazione di copia di tali documenti, a tal fine
eventualmente autorizzando anche l’accesso ai sistemi informatici delle resistenti;
4- autorizza la ricorrente e i suoi difensori o un tecnico specificamente delegato ad assistere alle
operazioni di sequestro;
D- dispone che venga mantenuta la già ordinata segretazione, nei confronti delle parti diverse
dalla ricorrente, della documentazione contabile e fiscale acquisita;
E- spese al merito.
Milano, 2 agosto 2008
Il Giudice Designato – Dott. Domenico Bonaretti
IP_LAW_GALLI Newsletter
27
L’ARTICOLO
Globalizzazione dell’economia e tutela delle denominazioni di origine – La
versione aggiornata di un articolo del Prof. Avv. Cesare Galli pubblicato in
lingua inglese su Italian Intellectual Property
Nel volume 2007 la rivista in lingua inglese Italian Intellectual Property ha pubblicato un articolo in
lingua inglese a firma del Prof. Avv. Cesare Galli e dell’Avv. Valeria Falce intitolato Globalization
of the economy, protection of designations of origin and limits to production. L’articolo
sviluppava la relazione tenuta dagli Autori al Congresso mondiale di ATRIP – l’Associazione
Internazionale che raduna i Professori e i Ricercatori di Diritto della Proprietà Intellettuale – sul
medesimo argomento.
Pubblichiamo qui di seguito una versione aggiornata della parte dell’articolo scritta dal Prof. Avv.
Cesare Galli, che fa il punto sui diversi aspetti della protezione delle denominazioni di origine e sui
loro rapporti col diritto dei marchi, anche alla luce della sua attività di Co-Chairman del Gruppo di
Lavoro internazionale costituito da AIPPI su questo argomento (cfr. IP_LAW_GALLI Newsletter,
novembre 2006).
CESARE GALLI
GLOBALIZZAZIONE DELL’ECONOMIA
E TUTELA DELLE DENOMINAZIONI D’ORIGINE
SOMMARIO: 1. Le esigenze di tutela delle denominazioni di origine in rapporto alla globalizzazione dei
mercati. – 2. Lo standard di tutela delle denominazioni di origine previsto dal TRIPs Agreement e dalle altre
convenzioni internazionali multilaterali. – 3. La tutela delle denominazioni di origine nel diritto italiano e l’art.
31 del d.lgs. n. 198/96: differenza di presupposti rispetto all’Arrangement di Lisbona del 1958. – 4.
Denominazioni di origine e diritto comunitario: a) Il settore vitivinicolo. – 5. (segue) b) Gli altri prodotti agro
alimentari: D.O.P., I.G.P. e S.T.G. e la disciplina dell’etichettatura. – 6. L’integrazione tra disposizioni interne
e disposizioni comunitarie nella giurisprudenza della Corte di Giustizia C.E. – 7. Denominazioni d’origine e
marchi geografici, individuali e collettivi. – 8. Le problematiche legate all’applicazione delle biotecnologie in
agricoltura.
1. In un’epoca nella quale, come è stato efficacemente scritto, la globalizzazione dell’economia
non si traduce soltanto in globalizzazione dei mercati, ma anche in globalizzazione dei fattori
produttivi, e quindi in una deterritorializzazione – oltre che in una dematerializzazione –
dell’economia1, i prodotti tipici si fondano invece su un elemento di localizzazione forte, sul quale
le denominazioni che denotano l’origine di questi prodotti pongono l’accento. Ma questo elemento
fortemente “local” ha sempre più bisogno di una tutela “global”, cioè di una tutela che operi non solo
nei Paesi di origine dei prodotti tipici (e delle relative denominazioni), ma anche sugli altri mercati
nei quali questi prodotti vengono esportati. Sotto questo profilo, tuttavia, la strada da percorrere è
ancora molto lunga: mentre infatti la protezione oggi accordata a queste denominazioni è di regola
intensa nei loro Paesi di origine, siamo ancora molto lontani da una protezione soddisfacente di esse
sul piano internazionale, e quindi al livello globale che oggi caratterizza gli scambi commerciali.
Ciò probabilmente è dovuto al fatto che, a differenza di altri settori del diritto industriale, come
quelli dei marchi e dei brevetti, nei quali, pur con una serie di differenze, la posizione dei Paesi più
economicamente avanzati è sostanzialmente omogenea, qui è fortissima la contrapposizione di
interessi fra i Paesi (e il nostro è in prima fila) che hanno una forte tradizione nella produzione di
prodotti agro-alimentari di qualità caratterizzati localmente, e quelli che una tradizione di questo
genere non hanno e che quindi tendono piuttosto a favorire i loro produttori che, prendendo a
modello quei prodotti, vogliono contraddistinguere i propri con denominazioni e simboli che
1 Così espressamente CARLI, voce Indicazioni di provenienza e denominazioni di origine: II) Ordinamento comunitario, in
Enc. Giur. Treccani, vol. X, Roma 1999, p. 3.
IP_LAW_GALLI Newsletter
28
richiamino le tradizioni alle quali si ispirano, mettendosi commercialmente “al traino” di esse. Può
così accadere che una denominazione di origine famosa in tutto il mondo come “Prosciutto di
Parma” in Canada costituisca (nella versione inglese “Parma Ham”) l’oggetto del marchio, e quindi
dell’esclusiva, di un produttore locale; o nel campo dei vini che negli Stati Uniti nomi italiani
vengano usati diffusamente sulle etichette di prodotti locali allo scopo di renderli più appetibili agli
occhi dei consumatori, appunto speculando sulla fama di cui i vini italiani godono anche in America:
tanto che oggi, stando a quanto scrivono i giornali, negli Stati Uniti quasi la metà dei prodotti vinicoli
che presentano un’etichetta che richiama l’Italia in realtà non sono italiani. E la situazione è anche
peggiore per prodotti alimentari di settori diversi da quello vitivinicolo, come quello dei formaggi2.
2. Questa contrapposizione di interessi spiega – ma non giustifica – il fatto che lo standard minimo
di tutela che il cosiddetto TRIPs Agreement 3 ha accordato ad una serie di istituti del diritto
industriale per le indicazioni geografiche sia ancora estremamente basso.
La norma del TRIPs Agreement che concerne in generale le indicazioni d’origine (art. 22) le tutela
infatti soltanto contro l’inganno del pubblico4; la forma forse più insidiosa di sfruttamento abusivo
di queste denominazioni, e cioè l’uso di esse insieme a locuzioni come “tipo”, “modello” e simili,
che non determinano inganno sull’origine del prodotto, ma comportano certamente un
agganciamento alla reputazione del prodotto cui l’indicazione geografica “originale” si riferisce,
viene invece repressa solo per le indicazioni di origine relative ai vini, per i quali tradizionalmente il
livello di protezione è più elevato che per gli altri prodotti tipici (art. 23). Lo standard di protezione di
queste denominazioni imposto a tutti i Paesi aderenti all’Organizzazione Mondiale del Commercio
(W.T.O.) prevede dunque solo una protezione contro l’inganno, inteso come vero e proprio errore
da parte del pubblico sulla provenienza geografica o comunque sulle qualità del prodotto, ma non
anche (se non in parte per i vini) contro l’agganciamento parassitario, che in quest’epoca dominata
dai mezzi di comunicazione è invece altrettanto importante, sia per i produttori, sia per i
consumatori, le cui scelte sono comunque influenzate (e quindi fuorviate) dall’uso di denominazioni
che siano in grado di mettere produzioni estranee alla zona “tipica” al traino della reputazione di cui
godono i prodotti originari di essa: reputazione che di regola è in stretto rapporto con la qualità di
essi, o comunque è percepita come tale.
Un tentativo per riservare una più intensa protezione almeno ad alcune specifiche denominazioni
di origine, particolarmente famose e particolarmente sfruttate appunto in chiave parassitaria, è stato
2 I dati del fenomeno sono stati raccolti dalla Coldiretti e si leggono ad esempio in FRASSOLDATI, Quattordici
gioielli del ‘made in Italy’ “E ora tuteliamoli”, ne Il Giorno, 29 agosto 2003. Per il settore vitivinicolo, sul cosiddetto
“Italian sounding”, ossia sull’uso di etichette con nomi che sembrano italiani per vini che non sono tali, si
veda, sempre a titolo di esempio, Bere, novembre 2003, p. 16 (dove viene imputato anche a questo fenomeno
il calo del 3% nelle esportazioni di vini italiani negli Stati Uniti riscontrato nel 2002) e p. 61 (dove si parla dei
tentativi di risoluzione del problema a livello di accordi bilaterali, già conclusi tra Unione Europea e Canada
per le denominazioni di alcune bevande alcoliche).
3 Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights stipulato a Marrakech nel 1994 nell’ambito del
c.d. Uruguay Round del GATT (General Agreement on Tariffs and Trade), su cui si veda in generale SANDRI, La
nuova disciplina della proprietà intellettuale dopo i GATT-TRIPs, Padova, 1996. L’Italia ha dato attuazione al TRIPs
Agreement col d.lgs. 19 marzo 1996, n. 198, emanato in attuazione della delega contenuta nella legge 29
dicembre 1994, n. 747: in materia si veda AA.VV., Decreto legislativo 19 marzo 1996, n. 198. Commentario, a cura
di AUTERI, in Nuove leggi civ. comm., 1998, 71 e ss., spec. 161-168, ove si legge il commento di LIBERTINI all’art.
31 del decreto, contenente appunto la disciplina delle indicazioni geografiche emanata per dare attuazione agli
artt. 22 e 23 del TRIPs Agreement.
4 LIBERTINI, op. cit., 164-165 rileva che nel nostro ordinamento, già prima dell’attuazione del TRIPs Agreement,
la protezione contro l’inganno era ricavabile dalle norme in materia di concorrenza sleale e di pubblicità
ingannevole, rispetto alle quali l’art. 31 del d.lgs. n. 198/96 avrebbe essenzialmente la portata di “esprime(re)
una ratio rafforzativa del divieto”, giustificandone “una interpretazione estensiva”, in particolare in relazione
alle “indicazioni geografiche ambigue”, ossia a quelle “parole e immagini allusive che, pur potendosi intendere
come riferite all’origine storica o allo ‘stile’ di un prodotto, possono però essere percepite da un consumatore
medio anche come indicazioni di provenienza geografica”.
IP_LAW_GALLI Newsletter
29
fatto, sempre nell’ambito della W.T.O., in occasione delle periodiche conferenze interministeriali
svoltesi nell’ambito dell’Organizzazione, ma sinora senza successo5, cosicché attualmente, come già
si è ricordato, si cerca di trovare delle soluzioni al problema della protezione internazionale delle
denominazioni di origine attraverso accordi bilaterali, almeno con i Paesi extracomunitari che
rappresentano i mercati più significativi per i prodotti tipici europei, e cioè con Canada e Stati Uniti,
ma anche su questa strada il tragitto da compiere è ancora molto lungo.
In realtà sempre a livello internazionale una protezione avanzata delle denominazioni di origine
esisteva già molto prima del TRIPs Agreement: già nel 1958, infatti, l’Arrangement di Lisbona
prevedeva un meccanismo di registrazione internazionale delle denominazioni di origine di prodotti
le cui caratteristiche fossero legate all’ambiente geografico da cui essi sono originari, che vengono
protette (art. 3) “contro qualsiasi usurpazione o imitazione, ancorché l’origine vera del prodotto sia indicata o la
denominazione sia tradotta e accompagnata da espressioni come ‘genere’, ‘tipo’, ‘modo’, ‘imitazione’ o simili”6. Se
però andiamo a guardare quali sono i Paesi che hanno aderito all’Arrangement di Lisbona scopriamo
che sono pochissimi: in Europa solo la Bulgaria, la Jugoslavia, il Portogallo, la Repubblica Ceca, la
Slovacchia, l’Ungheria, e naturalmente la Francia e l’Italia, ossia Paesi che hanno loro tradizioni
produttive da difendere7. Fuori dell’Europa, mancano in particolare gli Stati Uniti, il Canada e tutti i
Paesi asiatici.
Largamente insoddisfacente è anche la situazione degli accordi bilaterali, limitata, con poche
eccezioni, a intese tra Paesi che conoscono entrambi denominazioni famose, delle quali, per
5 Già la Dichiarazione resa al termine della quarta conferenza interministeriale, tenutasi a Doha nel novembre
2001, raccoglieva l’indicazione di un certo numero di Paesi che chiedevano di estendere a prodotti diversi dai
vini e dalle bevande alcoliche il più elevato livello di protezione che l’art. 23 del TRIPs Agreement. In prima
linea in questa battaglia è stata l’Unione Europea, che in vista della quinta conferenza interministeriale, in
programma per il 2003 a Cancun, ha proposto una modifica dell’Accordo sull’agricoltura, che – in cambio di
una riduzione significativa degli aiuti all’agricoltura e dei dazi di importazione dei prodotti agricoli –,
prevedeva tra l’altro l’introduzione all’art. 4 dell’Accordo di una disposizione che proibiva, in relazione ad una
serie di denominazioni (in tutto 41, delle quali 14 erano italiane), qualsiasi uso di esse, anche in traduzione, per
prodotti non provenienti dall’area geografica tipica, anche quando la vera origine fosse indicata e anche
quando le stesse venissero accompagnate da espressioni come “al modo di…”, “tipo…”, “stile…”,
“imitazione…”, “metodo”, e così via. Sennonché il negoziato sull’agricoltura a Cancun è finito con un nulla
di fatto, e quindi anche questi progetti sono rimasti sulla carta.
6 Anche la Convenzione di Unione di Parigi – che il TRIPs Agreement ha espressamente richiamato,
rendendola applicabile per relationem anche ai Paesi aderenti all’Organizzazione Mondiale del Commercio che
non erano già parti di essa – contiene una previsione relativa alle denominazioni di origine (l’art. 10), che
peraltro si limita a sanzionare la “utilizzazione diretta o indiretta di una indicazione falsa relativa alla
provenienza del prodotto”; più specifico è l’Accordo di Madrid del 1891 (cui non hanno peraltro aderito né
Stati Uniti, né Canada), che oltre a vietare, all’art. 1, l’uso di una indicazione “fausse ou fallacieuse” che indichi
direttamente o indirettamente un Paese aderente alla Convenzione o un luogo in esso compreso come origine
di prodotti in realtà realizzati altrove, all’art. 3 proibisce anche l’uso di “toutes indications ayant un caractère
de publicité et susceptibles de tromper le public sur la provenance des produits”. In argomento si veda in
particolare SORDELLI, L’identificazione dei prodotti agricoli sul mercato, in Riv. dir. ind., 1994, I, 471 e ss., alle pp.
484-485. La “importazione e l’esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione di
prodotti recanti false o fallaci indicazioni di provenienza”, ed in particolare l’uso per prodotti non italiani della
“stampigliatura ‘made in Italy’” o comunque di “segni, figure o quant’altro possa indurre il consumatore a
ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana”, sono state espressamente riconodotte alla fattispecie
penale di cui all’art. 517 c.p. dall’art. 4, comma 49 della legge 24 dicembre 2003, n. 350 (legge finanziaria
2004).
7 Sottolinea questo aspetto ancora SORDELLI, L’identificazione dei prodotti agricoli sul mercato, cit., 485-488, che
ricorda anche il fallimento dei tentativi effettuati a più riprese nell’ambito OMPI per una revisione
dell’Accordo di Madrid e di quello di Lisbona; e porta invece come esempio di una Convenzione (settoriale)
che si è invece dimostrata idonea a realizzare “un certo contemperamento di interessi per l’impiego delle
denominazioni di origine”, la Convenzione di Stresa del 1951 sull’uso dei nominativi di origine e delle
denominazioni dei formaggi.
IP_LAW_GALLI Newsletter
30
così dire, si “scambiano” la protezione: emblematici sono i Trattati conclusi tra l’Italia e la
Francia8, rilevanti specialmente in materia vinicola.
3. Più sviluppata – data la maggiore omogeneità degli interessi da tutelare – è certamente la
disciplina comunitaria, e prima ancora lo è la legislazione interna italiana. Anche questa, tuttavia,
è per più versi insoddisfacente, soprattutto perché estremamente frammentaria, essendo stata
spesso adottata in relazione a situazioni specifiche, come ad esempio quella del Prosciutto di Parma,
il cui riconoscimento come denominazione di origine è avvenuto per effetto di leggi speciali, la
prima delle quali risale al 19709.
In termini più generali, nell’ordinamento italiano lo spazio per una tutela delle denominazioni di
origine non limitata alle ipotesi di inganno del pubblico, come quella prevista come standard minimo
dal TRIPs Agreement, è anzitutto affidata alle norme in materia di concorrenza sleale. Le stesse
disposizioni dedicate alle indicazioni di provenienza contenuta negli artt. 29 e 30 del Codice della
Proprietà Industriale (CPI), e sostanzialmente corrispondenti all’art. 31 del d.lgs. n. 198/96, che
avevano dato attuazione al TRIPs Agreement, fanno espressamente salve le disposizioni in materia di
concorrenza sleale, perché tradizionalmente l’uso di denominazioni d’origine non conformi al
vero è considerato nel nostro Paese un’ipotesi di concorrenza sleale per appropriazione di pregi;
ciò in quanto si tratti per l’appunto di indicazioni geografiche cosiddette qualificate, ossia di segni
che non esprimono soltanto il fatto, per così dire, “anagrafico” della provenienza di un prodotto da
un determinato luogo, ma comunicano al pubblico anche un’informazione ulteriore, relativa a
“qualità, reputazione o caratteristiche” del prodotto stesso: qualità, reputazione o caratteristiche che siano
appunto legate alla sua produzione in una determinata area10.
E’ anche importante notare che l’art. 30 del CPI accorda esplicitamente questa protezione a tutte
le denominazioni che rispondano ai requisiti indicati all’art. 29, ossia a quelle che “identificano un
paese, una regione o una località, quando siano adottate per designare un prodotto che ne è
originario e le cui qualità, reputazione o caratteristiche sono dovute esclusivamente o
essenzialmente all'ambiente geografico d'origine, comprensivo dei fattori naturali, umani e
di tradizione”, indipendentemente dal fatto che esse abbiano ottenuto protezione attraverso una
disciplina legislativa ad hoc. Questa definizione, inoltre, non corrisponde integralmente a quella
prevista dall’Arrangement di Lisbona – che, come abbiamo visto, subordina la registrazione e la tutela
delle denominazioni alla presenza di un “milieu geographique”, inteso come collegamento fra le
caratteristiche obiettive del prodotto e l’ambiente geografico di cui esso è originario comprendente i
fattori naturali ed i fattori umani11 –, bastando invece a questo fine che all’ambiente sia legata
8 Accordo del 29 maggio 1948 concernente la protezione dei nominativi di origine e la salvaguardia delle
denominazioni di certi prodotti: Accordo del 26 settembre 1949 in materia di proprietà industriale e di
denominazioni di origine; Convenzione del 28 aprile 1964 concernente la protezione delle denominazioni di
origine, delle indicazioni di provenienza e delle denominazioni di alcuni prodotti.
9 Legge 4 luglio 1970, n. 506, poi sostituita dalla legge 13 febbraio 1990, n. 26. Attualmente la denominazione
“Prosciutto di Parma” forma oggetto di una D.O.P. concessa a livello comunitario in base al Regolamento n.
92/2081/C.E., di cui si parlerà più avanti nel testo. Per un’ampia rassegna delle numerose leggi speciali in
materia di denominazioni geografiche presenti nel nostro Paese si veda PINNARÒ, voce Indicazioni di
provenienza e denominazioni di origine: I) Ordinamento italiano, in Enc. Giur. Treccani, vol. X, Roma, 1996.
10 In tal senso si vedano, tra le molte, Trib. Napoli, 8 luglio 1996, ne Il dir. ind., 1996, 1016 e ss.; App.
Bologna, 24 giugno 1996, in Giur. ann. dir. ind., 1997, n. 3598; Trib. Modena, 17 agosto 1993, ivi, 1993, n.
2990; Trib. Modena, ord. 30 aprile 1991, ivi, 1991, n. 2662; e App. Genova, 4 luglio 1990, ivi, 1990, n. 2631.
11 Questa differenza è tanto più rilevante, in quanto, nell’applicazione dell’Arrangement, la nostra
giurisprudenza ha sempre preteso di controllare caso per caso l’esistenza di questo “milieu” - sottolinenando
l’imprescindibilità del rapporto tra caratteristiche del prodotto e ambiente geografico e ritenendo che l’assenza
di questo rapporto determini l’invalidità delle denominazioni registrate in base all’Arrangement di Lisbona (si
veda in particolare Cass., 28 novembre 1996, n. 10857, in Giur. ann. dir. ind., 1996, n. 3565) -, nonostante il
meccanismo di (potenziale) controllo preventivo previsto nell’ambito della procedura di registrazione delle
denominazioni, e ciò anche in relazione al fatto che questo controllo è essenzialmente affidato all’iniziativa
degli Stati aderenti (che devono notificare, entro termini assai brevi, un rifiuto di protezione), e lascia ben
IP_LAW_GALLI Newsletter
31
anche soltanto la “reputazione” del prodotto stesso12. La proposta di revisione del C.P.I. varata
da una Commissione di esperti istituita presso il Ministero delle Attività Produttive (e di cui anch’io
ho fatto parte) prevede poi di estendere espressamente la protezione delle denominazioni di origine
e delle indicazioni di provenienza di cui all’art. 29 del Codice a tutte le ipotesi in cui l’uso di un segno
eguale o simile alla denominazione consenta di trarre profitto dalla reputazione di cui questa goda,
cioè contro le ipotesi di agganciamento parassitario13.
Sotto questo profilo le indicazioni di provenienza vengono dunque ad avvicinarsi agli (altri) segni
distintivi, ed in particolare ai marchi, che sono oggi protetti contro ogni forma di parassitismo
commerciale14: a questi fini sarebbe in effetti irragionevole discriminare tra indicazioni di
provenienza che comunicano al pubblico l’esistenza di determinate caratteristiche o di un livello
qualitativo connessi all’ambiente geografico e indicazioni di provenienza che comunicano (solo)
l’esistenza di una reputazione connessa a questo ambiente; ed ancor più irragionevole sarebbe
richiedere come presupposto della tutela che le stesse caratteristiche o lo stesso livello qualitativo
non si possano ritrovare anche in prodotti legati ad un altro ambiente, posto che anche se questo
presupposto non si verifica, egualmente l’uso della denominazione da parte di un soggetto che
realizza prodotti in ipotesi anche identici a quelli della zona tipica, ma realizzati in un ambiente
geografico diverso, implica uno sfruttamento parassitario del valore di mercato connesso alla
denominazione cui il pubblico associa una tipicità: fermo restando che la denominazione, per essere
tutelata come tale, deve comunque esprimere un legame tra il prodotto ed il territorio, in difetto
del quale essa in realtà sarebbe equivalente ad un segno di fantasia, e nulla si opporrebbe anche alla
sua monopolizzazione come marchio individuale di uno specifico imprenditore.
A livello penale, nel nostro ordinamento sono inoltre oggi espressamente vietate l’“importazione e
l’esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione di prodotti recanti false o fallaci
indicazioni di provenienza”, ed in particolare l’uso per prodotti non italiani della “stampigliatura
‘made in Italy’” o comunque di “segni, figure o quant’altro possa indurre il consumatore a ritenere che il
prodotto o la merce sia di origine italiana”, condotte queste che sono state ricondotte dall’art. 4, comma 49
della legge 24 dicembre 2003, n. 350 (legge finanziaria 2004) alla fattispecie penale di cui all’art. 517
poco spazio (e ben poche garanzie) ai privati interessati. La giurisprudenza italiana ha anzi interpretato in
senso estremamente restrittivo la nozione di “milieu”, affermando talora che la tutela prevista dalla
Convenzione presuppone che “i fattori naturali ed umani … siano così strettamente associati all’ambiente da risultarne
imprescindibili per l’influenza che hanno sul prodotto e da renderlo assolutamente unico e irriproducibile altrove” (così Trib.
Milano, 26 novembre 1998, in Giur. ann. dir. ind., 1998, n. 3843 e, nella stessa causa, App. Milano, 1° dicembre
2000, ivi, 2001, n. 4254, poi confermata da Cass., 10 settembre 2002, n. 13168, ivi, 2002, n. 4337) Questa
differenza è tanto più rilevante, in quanto, nell’applicazione dell’Arrangement, la nostra giurisprudenza ha
sempre preteso di controllare caso per caso l’esistenza di questo “milieu” - sottolinenando l’imprescindibilità
del rapporto tra caratteristiche del prodotto e ambiente geografico e ritenendo che l’assenza di questo
rapporto determini l’invalidità delle denominazioni registrate in base all’Arrangement di Lisbona (si veda in
particolare Cass., 28 novembre 1996, n. 10857, in Giur. ann. dir. ind., 1996, n. 3565) -, nonostante il
meccanismo di (potenziale) controllo preventivo previsto nell’ambito della procedura di registrazione delle
denominazioni, e ciò anche in relazione al fatto che questo controllo è essenzialmente affidato all’iniziativa
degli Stati aderenti (che devono notificare, entro termini assai brevi, un rifiuto di protezione), e lascia ben
poco spazio (e ben poche garanzie) ai privati interessati. La giurisprudenza italiana ha anzi interpretato in
senso estremamente restrittivo la nozione di “milieu”, affermando talora che la tutela prevista dalla
Convenzione presuppone che “i fattori naturali ed umani … siano così strettamente associati all’ambiente da risultarne
imprescindibili per l’influenza che hanno sul prodotto e da renderlo assolutamente unico e irriproducibile altrove” (così Trib.
Milano, 26 novembre 1998, in Giur. ann. dir. ind., 1998, n. 3843 e, nella stessa causa, App. Milano, 1° dicembre
2000, ivi, 2001, n. 4254, poi confermata da Cass., 10 settembre 2002, n. 13168, ivi, 2002, n. 4337)
12 A questo riguardo la norma è conforme a quella corrispondente del TRIPs Agreement.
13 La delega al Governo per l’adozione di questa revisione è prevista nel disegno di legge del Governo n.
1441, attualmente in discussione in Parlamento.
14 In argomento cfr. VANZETTI, I marchi nel mercato globale, in Riv. dir. ind., 2002, I, 92 e ss., spec. 102; e GALLI,
L’allargamento della tutela del marchio e i problemi di Internet, ibidem, 103 e ss., spec. 123-124 (entrambi i saggi si
leggono anche in AA.VV., Il futuro dei marchi e le sfide della globalizzazione, a cura di GALLI, Padova, 2003).
IP_LAW_GALLI Newsletter
32
c.p.. Il D.L. 14 marzo 2005 n. 35, convertito nella legge n. 80/2005, ha aggiunto a questa ipotesi
quella in cui le merci rechino “false o fallaci indicazioni di origine”. Recentissimamente, poi, la legge
finanziaria 2007 ha precisato che nella fattispecie sanzionata dall’art. 517 c.p. rientra anche “l’uso
fallace o fuorviante di marchi aziendali ai sensi della disciplina sulle pratiche commerciali ingannevoli”, così da
ricomprendervi tutte le ipotesi di uso ingannevole del marchio. Nel disegno di legge del Governo n.
1441, attualmente in discussione in Parlamento, è inoltre prevista l’introduzione di un art. 517-ter
c.p., in base al quale sarebbe vietato, e punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da
euro 1.000 a euro 6.000 il comportamento di chi “contraffà indicazioni geografiche o
denominazioni di origine di prodotti agroalimentari tutelate ai sensi di leggi speciali,
regolamenti comunitari e convenzioni internazionali”, ovvero “introduce i medesimi prodotti con le
indicazioni o denominazioni contraffatte nel territorio fine di trarne profitto dello Stato”.
4. Se possibile ancor più articolata di quella italiana, ma meno frammentaria, è la disciplina
comunitaria delle denominazioni di provenienza nel settore agroalimentare.
A questo riguardo una prima grande divisione è data – come nel TRIPs Agreement – dalla
contrapposizione tra la disciplina delle denominazioni dei prodotti vitivinicoli e quella delle
restanti denominazioni di origine. Per i vini, una serie di Regolamenti si sono succeduti nel tempo:
attualmente in questa materia è in vigore il Regolamento n. 99/1493/C.E., che comprende 82
articoli e 80 “considerando”, e che a sua volta ha richiesto un ulteriore regolamento di applicazione
(il Regolamento n. 2002/753/C.E., già modificato, in particolare con i Regolamenti n.
2002/2086/C.E. e con il Regolamento n. 2003/1205/C.E.). La disciplina sul vino è anzitutto
costituita da una sorta di nomenclatura, che precisa quali termini possono essere utilizzati già solo
per descrivere i prodotti, quali nomi vanno considerati generici, che cosa è il vino da tavola, che cosa
è il mosto, e via seguitando, con tutta una serie di indicazioni di caratteristiche tecniche, dettate
evidentemente a tutela della salute dei consumatori.
Il Regolamento prevede quindi la disciplina delle denominazioni geografiche, che possono
riguardare – con presupposti ed effetti diversi – sia i vini da tavola (per i quali si parla di “indicazione
geografica”), sia i “vini di qualità prodotti in regioni determinate” (in sigla: “v.q.p.r.d.”, comprendenti una serie
di ulteriori sottocategorie, enumerate nell’art. 54.2), ai quali è specificamente dedicato il Titolo VI del
Regolamento: disciplina che peraltro fa in buona parte rinvio alle “norme nazionali che ne
disciplinano la produzione e l’elaborazione” (art. 54.4). In entrambi i casi, vengono
espressamente mantenute in uso, a fianco delle qualifiche comunitarie, quelle nazionali15: a conferma
del fatto che la disciplina comunitaria di questo settore si innesta sulle singole discipline nazionali16.
Nei Regolamenti comunitari in materia vitivinicola vengono comunque precisate molto in
dettaglio cose che forse in altri settori sono meno enfatizzate; in particolare, ampio spazio è dedicato
alle norme sulla etichettatura, alle modalità di utilizzo delle qualifiche comunitarie e di quelle
tradizionali corrispondenti, alla possibilità di accompagnare il nome geografico con l’indicazione di
una unità geografica diversa17. Tutto questo nell’ottica comunitaria di promozione generale
dell’agricoltura europea, che muove dall’idea che sia la qualità l’elemento vincente per poter
15 Per effetto di ciò ad esempio le indicazioni geografiche per i vini da tavola italiani possono essere ancora
qualificate come “indicazioni geografiche tipiche (I.G.T.)”, ed ai vini di qualità prodotti in regioni determinate
del nostro Paese ci si può riferire, a seconda dei casi, come a vini a “denominazione di origine controllata
(D.O.C.)” e a vini a “denominazione di origine controllata e garantita (D.O.C.G.)”
16 Per l’Italia, le norme fondamentali in materia di vini risalgono alla legge 3 febbraio 1963, n. 116 ed al d.p.r.
12 luglio 1963, n. 930 emanato in base alla delega contenuta nella legge n. 116/63, formulati sul modello
francese e più volte modificati ed integrati da successivi interventi legislativi,
17 Anche quando un nome geografico corrisponde ad una regione con un vino tipico, a certe condizioni è
infatti ammesso l’uso di sub-denominazioni, geografiche corrispondenti ad esempio a parti determinate di
quella regione. E’ previsto inoltre (art. 56 del Regolamento n. 99/1493/C.E.) che gli Stati membri stabiliscano
e disciplinino meccanismi di “declassamento”, da vini di qualità prodotti in una regione determinata a
semplici vini da tavola, per i prodotti che, nella fase di produzione ovvero in quella di commercializzazione, si
dimostrino non (più) rispondenti ai requisiti previsti per la classificazione superiore.
IP_LAW_GALLI Newsletter
33
competere sui mercati internazionali.
Ai singoli Stati è infine rimessa la tutela delle indicazioni geografiche di cui la disciplina
comunitaria consente l’uso, che deve essere tale da “consentire agli interessati di impedire” l’uso di
indicazioni non veritiere, alle condizioni di cui agli artt. 23 e 24 del TRIPs Agreement, e quindi “anche
qualora la vera origine dei prodotti sia indicata oppure l’indicazione geografica sia utilizzata
in una traduzione o sia corredata da menzioni quali ‘genere’, ‘tipo’, ‘stile’, ‘imitazione’ o
simili” (art. 50 del Regolamento n. 99/1493/C.E.). Anche sotto questo profilo è dunque chiara la
tendenza a proteggere le denominazioni contro ogni sfruttamento abusivo della loro
reputazione: un tema questo sul quale quindi pare particolarmente auspicabile uno sviluppo delle
attività del nostro Paese a livello internazionale.
5. La disciplina comunitaria delle denominazioni di origine per prodotti agro-alimentari
diversi da quelli vitivinicoli era contenuta principalmente nel Regolamento n. 92/2081/C.E.E.18,
poi modificato dal Regolamento n. 97/535/C.E., che prevede le due figure della denominazione di
origine protetta (D.O.P.) e dell’indicazione geografica protetta (I.G.P.), peraltro consentendo anche
in questo caso l’utilizzazione, in alternativa a queste qualifiche, delle menzioni tradizionali previste
dalle norme interne dei singoli Stati, che anche in questo caso vengono ad integrarsi con la disciplina
comunitaria, tanto che quest’ultima prevedeva all’art. 17 una procedura semplificata per poter
accedere alla D.O.P. o alla I.G.P. nell’ipotesi in cui vi fosse già un riconoscimento statale in un
singolo Stato membro per una di queste denominazioni, procedura in base alla quale sono state
concesse, in particolare con i Regolamenti n. 96/1107/C.E. e n. 96/1263/C.E., le D.O.P. e le I.G.P.
indicate negli allegati ai Regolamenti in questione.
Questa disciplina è stata modificata a seguito dell’adozione del Regolamento n. 2006/510/C.E.
del 20 marzo 2006, che ha preso il posto del Regolamento n. 92/2081/C.E.; l’adozione del nuovo
testo normativo si è resa necessaria in seguito all’accoglimento da parte del DSP del W.T.O. dei
complaints n. WT/DS 174 e n. WT/DS 290 degli Stati Uniti e dell’Australia contro il Regolamento
comunitario, considerato in contrasto con il TRIPs Agreement in quanto non pienamente rispettoso
dei diritti dei terzi. Gli Stati Uniti hanno anzi espresso riserve anche rispetto al nuovo Regolamento,
cosicché la questione non può ritenersi del tutto chiusa.
Per ciò che concerne i presupposti per la registrazione, le D.O.P. sono in qualche misura
assimilabili alle denominazioni previste dall’Arrangement di Lisbona, perché presuppongono che “la
qualità o le caratteristiche” del prodotto contrassegnato – e cioè degli elementi obiettivi di esso – siano
“dovute essenzialmente o esclusivamente all’ambiente geografico comprensivo dei fattori naturali ed umani e la cui
produzione, trasformazione ed elaborazione avvengano nell’area geografica delimitata”; le I.G.P. sono invece più
simili alle indicazioni di provenienza disciplinate dal TRIPs Agreement (e dagli artt. 29 e 30 del Codice
della Proprietà Industriale), perché richiedono che “una determinata qualità, la reputazione o un’altra
caratteristica” del prodotto possano essere attribuite “all’origine geografica e la cui produzione, trasformazione
ed elaborazione avvengano nell’area geografica determinata”.
A fianco delle D.O.P. e delle I.G.P. la legislazione comunitaria conosce anche le registrazioni
per specialità tradizionali garantite (in sigla, S.T.G.), già denominate attestazioni di specificità dei
prodotti agricoli alimentari e oggi disciplinate dal Regolamento n. 2006/509/C.E. del 20 marzo
2006, che ha preso il posto del Regolamento n. 92/2082/C.E.. Queste registrazioni riguardano nomi
tradizionali di specifici prodotti agricoli o alimentari realizzati “utilizzando materie prime tradizionali
oppure … una composizione tradizionale”, o ancora che hanno “subito un metodo di produzione e/o di
trasformazione che rispecchia un tipo tradizionale di produzione e/o di trasformazione”, ma il cui carattere
specifico non “risieda nella provenienza o nell’origine geografica” (art. 4 Regolamento n. 2006/509/C.E.).
Anche in questo caso, come per il settore vitivinicolo, il legislatore comunitario ha voluto cioè
18 Sul Regolamento n. 92/2081/C.E.E. (poi modificato dal Regolamento n. 97/535/C.E.) si vedano in
particolare SORDELLI, Indicazioni geografiche e denominazioni di origine nella disciplina comunitaria , ne Il dir. ind.. 1994,
837 e ss.; e LA VILLA, Denominazioni di origine e indicazioni geografiche nel diritto comunitario, ivi, 1995, 154 e ss..
IP_LAW_GALLI Newsletter
34
stabilire una sorta di “nomenclatura” garantita, per prodotti rispondenti bensì ad una tradizione,
ma ad una tradizione delocalizzata: nomenclatura che come tale poteva essere utilizzata anche da
soggetti operanti in luoghi diversi da quelli in cui il prodotto era nato, naturalmente a condizione di
non fare riferimento a tali luoghi. Le cause del sostanziale insuccesso della disciplina delle S.T.G.
vanno probabilmente ricercate nel legame tra tradizione e localizzazione, che fa sì che di regola i
prodotti tradizionali siano tipici di una regione determinata; il collegamento geografico dei prodotti
tradizionali si sposa del resto con forte regionalismo che caratterizza i Paesi europei e che oggi
riemerge con forza anche in sede comunitaria. Non si può tuttavia escludere che con l’entrata in
vigore del nuovo Regolamento e con un’adeguata opera di sensibilizzazione dei produttori, anche le
S.T.G. possano assumere un ruolo significativo per promuovere le produzioni agroalimentari di
qualità. Ed anche questo profilo coinvolge in prima persona le Autorità nazionali degli Stati
membri dell’Unione Europea, alle quali il Regolamento affida compiti specifici – analoghi a quelli
previsti per D.O.P. e I.G.P. – di esame delle domande presentate dalle associazioni richiedenti aventi
sede nello Stato, per verificare se la domanda “sia giustificata e soddisfi le condizioni previste” dal
Regolamento n. 2006/509/C.E., avviando anche “una procedura nazionale di opposizione che garantisca
l’adeguata pubblicazione della domanda e preveda un periodo ragionevole nel corso del quale ogni persona fisica o
giuridica avente un interesse legittimo e stabilita o residente sul suo territorio possa fare opposizione alla domanda”
(art. 7).
D.O.P., I.G.P. e S.T.G. sono tutte protette contro “tutte le prassi che possano indurre in errore il
pubblico”; le prime due sono inoltre protette anche contro qualsiasi utilizzazione di esse per prodotti
non provenienti dalla zona tipica, anche se la vera area di produzione è indicata ovvero se le
denominazioni sono usate in traduzione o accompagnate dalle espressioni che già abbiamo più volte
incontrato, quali “genere”, “tipo” e via seguitando; D.O.P. e I.G.P., inoltre, sono protette contro
“qualsiasi impiego commerciale diretto o indiretto di una denominazione registrata per prodotti che non sono oggetto di
registrazione, nella misura in cui questi ultimi siano comparabili ai prodotti registrati con questa denominazione o
nella misura in cui l’uso di tale denominazione consenta di sfruttare indebitamente la reputazione della
denominazione protetta”. Quest’ultima norma appare particolarmente significativa, perché in pratica
appresta a queste denominazioni una protezione anche extra-merceologica contro lo
sfruttamento parassitario, in qualche modo assimilabile a quella dei marchi che godono di
rinomanza: a conferma di quanto si diceva all’inizio a proposito del progressivo ravvicinamento
sotto questo profilo della disciplina delle denominazioni di origine a quella dei marchi; questa è
appunto la protezione che la proposta di revisione del Codice della Proprietà Industriale vuole
estendere a tutte le denominazioni di origine ed indicazioni di provenienza.
Ad integrazione dei Regolamenti sulle denominazioni e sulle indicazioni di origine e sulle
attestazioni di specificità, va ancora ricordata la disciplina comunitaria sull’etichettatura,
disciplina anche questa estremamente articolata, e recentemente specificata in particolare dalla
Direttiva n. 2000/13/C.E., che per i prodotti alimentari prevede una serie di obblighi di contenuto
negativo, per cui non ci deve essere inganno del pubblico; non si deve rivendicare un’esclusiva per
prodotti che siano generici; non si devono indicare come prodotti curativi prodotti che non lo sono,
né utilizzare elogi indebiti del prodotto: in sintesi, non si deve utilizzare in etichetta alcun elemento
che possa in qualche modo pregiudicare il pubblico dei consumatori; ed inoltre una serie di obblighi
di contenuto positivo, per cui va usato il nome normale del prodotto; gli ingredienti vanno indicati
in ordine decrescente di quantità; se alcuni di questi ingredienti sono caratterizzanti in relazione alla
loro quantità, anche questa va indicata; vanno comunque specificati la quantità netta del prodotto, il
termine di conservazione minimo e quindi di scadenza, il nome e la sede del produttore e se questa è
fuori dell’Unione Europea il nome e la sede almeno di un distributore all’interno dell’Unione
Europea (quest’ultima prescrizione va evidentemente letta in correlazione con le altre Direttive
comunitarie che riguardano ad esempio la responsabilità da prodotto), lo stabilimento di produzione,
il numero del lotto (anche questo per evidenti ragioni di tutela della salute), per le bevande alcoliche
naturalmente il titolo dell’alcool, e per tutti i prodotti per i quali ciò sia necessario anche le modalità
di conservazione.
IP_LAW_GALLI Newsletter
35
6. Da quanto precede risulta evidente come coesistano per le denominazioni di origine più
norme di fonte diversa, dal contenuto in parte simile e in parte diverso, che vengono almeno in
parte a sovrapporsi, creando non pochi problemi di interpretazione e di coordinamento. Alcuni di
questi problemi sono stati peraltro affrontati e risolti in tempi recenti dalla Corte di Giustizia
europea, adita in sede di interpretazione pregiudiziale di alcune disposizioni dei Regolamenti sopra
ricordati, ovvero chiamata a valutare la compatibilità con essi di norme dei singoli diritti nazionali
degli Stati membri.
Una prima importante pronuncia è stata resa in materia di vini, a seguito di un’azione intrapresa
dal Belgio contro una disposizione spagnola che, in relazione ad una indicazione di provenienza
iberica, prevedeva che l’imbottigliamento di un determinato vino dovesse essere necessariamente
realizzato nella regione tipica in cui il vino in questione è stato prodotto. In questo caso ci si
domandava se questa disposizione, in quanto misura equivalente ad una restrizione quantitativa
all’esportazione e quindi contraria all’art. 29 (ex 34) del Trattato C.E., dovesse considerarsi
giustificata da esigenze di tutela della proprietà industriale, in base all’art. 30 (ex 36) del medesimo
Trattato: e la Corte di Giustizia ha risposto positivamente, sulla base del rilievo che la normativa
comunitaria manifesta una tendenza generale alla valorizzazione della qualità dei prodotti
nell’ambito della politica agricola comune al fine di promuoverne la reputazione; poiché le
denominazioni d’origine rientrano nel campo dei diritti di proprietà industriale e commerciale, e
possono godere di una grande reputazione presso i consumatori che dipende dall’immagine di cui
godono presso i consumatori medesimi, deve essere considerata conforme al diritto comunitario
anche una prescrizione come quella prevista dalla norma spagnola considerata, in quanto essa è stata
ritenuta – in base ad una complessa valutazione – un mezzo necessario e proporzionato idoneo a
preservare la notevole reputazione di cui incontestabilmente godeva la denominazione al cui presidio
era dettata19.
Il rapporto fra qualità e reputazione, che sta alla base di questa decisione, si ritrova in termini
pressoché identici in altre due decisioni del 2003, relative rispettivamente al Prosciutto di Parma e
al Grana Padano. Anche in questo caso il problema riguardava la compatibilità con la disciplina
comunitaria della concorrenza di due disposizioni, contenute rispettivamente nel disciplinare che
regolamentava l’uso della D.O.P. “Prosciutto di Parma” ed in quello concernente la D.O.P. “Grana
Padano”, che prevedevano, in modo del tutto analogo al caso del vino spagnolo, che una fase
successiva alla produzione (il confezionamento del prosciutto affettato, per il Prosciutto di Parma;
e quello del formaggio grattugiato, per il Grana Padano) dovesse egualmente svolgersi nella zona
tipica. Ed anche in questo caso la Corte di Giustizia ha ritenuto questa restrizione ammissibile, in
quanto proporzionata all’esigenza di garantire la reputazione del prodotto, pur precisando che, dal
momento che i disciplinari non sono pubblicati, l’opponibilità di essi presupponeva che essi fossero
stati resi conoscibili ai terzi in modo adeguato20, onere questo che valorizza il ruolo non soltanto
degli organismi di controllo, ma anche dei Consorzi di Tutela. In particolare, nel caso del Grana
Padano è stato ritenuto decisivo al riguardo il coordinamento del regolamento con le norme
previgenti: l’opponibilità della disposizione del disciplinare al terzo che era parte del giudizio nel
corso del quale era stata sollevata la questione di interpretazione pregiudiziale poi decisa dalla Corte
è stata infatti riconosciuta perché tale soggetto era francese, e quella disposizione era efficace in
Francia già prima del riconoscimento del Grana Padano come D.O.P., in base alla già ricordata
Convenzione italo-francese del 1964.
Il coordinamento tra il Regolamento n. 92/2081/C.E.E. e le disposizioni nazionali preesistenti ha
assunto un rilievo decisivo anche in una decisione del 2002 relativa alla D.O.P. “Parmigiano-
Reggiano”. In questo caso era in discussione l’applicabilità del regime derogatorio previsto dal
Regolamento a favore dei soggetti che, prima del riconoscimento di una determinata denominazione
19 Corte Giust. C.E., 16 maggio 2000, nel procedimento C-388/95.
20 Corte Giust. C.E., 20 maggio 2003, nel procedimento C-108/01 (Prosciutto di Parma); e Corte Giust. C.E.,
20 maggio 2003, nel procedimento C-469/00 (Grana Padano).
IP_LAW_GALLI Newsletter
36
come D.O.P. o I.G.P., ne facevano uso in buona fede per prodotti non conformi al relativo
disciplinare; questa applicabilità è stata esclusa in relazione ad un soggetto che utilizzava l’indicazione
“parmesan” per indicare genericamente del formaggio grattugiato destinato ad essere il venduto sul
mercato francese, perché si trattava di un esportatore italiano ed in Italia questa condotta era vietata
dalle norme nazionali già prima del riconoscimento come D.O.P. della denominazione “Parmigiano-
Reggiano”. L’interpretazione restrittiva del regime derogatorio è stata giustificata anche in base alla
ratio del sistema di riconoscimento a livello comunitario delle denominazioni di origine, in
quanto è stata ritenuta “conforme alle finalità di protezione dei consumatori e di salvaguardia di una concorrenza
leale” enunciati nel sesto e nel settimo “considerando” del Regolamento n. 92/2081/C.E.E.21.
Da queste pronunce sembra dunque uscire confermato il principio, del resto esplicitamente
attestato in numerose disposizioni dei Regolamenti comunitari in materia di denominazioni di
origine, per cui la legislazione comunitaria in materia va integrata con la legislazione
nazionale, almeno là dove il riconoscimento comunitario come D.O.P. o I.G.P. presuppone una
tutela nazionale preesistente, come tipicamente avviene per le denominazioni riconosciute con la
procedura semplificata cui già si è fatto cenno. In questi casi, anzi, è proprio la disciplina nazionale
preesistente quella che determina la conformità del prodotto, perché essa viene ripresa nel
disciplinare e il Regolamento n. 92/2081/C.E.E. stabilisce chiaramente che si possono fregiare della
denominazione solo i prodotti che sono realizzati in modo conforme al disciplinare.
7. L’altro grande problema aperto è quello del rapporto tra denominazione di origine e
marchio geografico.
Il monopolio su di un nome geografico, che la sua registrazione come marchio comporterebbe,
sembra infatti logicamente incompatibile con la circostanza che il nome geografico in questione
sia percepito come denominazione di origine, ossia comunichi al pubblico un messaggio relativo alla
qualità o alla reputazione dei prodotti contraddistinti, in quanto provenienti (non da una determinata
impresa, ma) da un determinato territorio: in questo caso, le esigenze pro-concorrenziali che la Corte
di Giustizia C.E. ha più volte riconosciuto essere sottese ai divieti di registrazione come marchio
previsti dall’art 3 della Direttiva n. 89/104/C.E.E. (e dalle corrispondenti disposizioni degli artt. 16 e
18 legge marchi) impongono che il segno in questione resti a disposizione di tutti i soggetti operanti
nel territorio in questione. I Giudici comunitari hanno anzi dato dell’art. 3.1.c della Direttiva
un’interpretazione particolarmente rigorosa, che vieta la registrazione come marchio
(individuale) non soltanto di una denominazione geografica che attualmente influenzi il giudizio del
pubblico sulla qualità dei prodotti contraddistinti, ma anche di una denominazione che sia solo
potenzialmente in grado di designare la provenienza geografica della categoria di prodotti per
cui il marchio venga richiesto22.
Una parziale deroga a queste disposizioni è peraltro prevista per il marchio collettivo, che nasce
istituzionalmente per essere fatto utilizzare dal titolare a una pluralità di soggetti tra loro indipendenti
(donde il nome di marchio collettivo) e la cui precipua finalità è quella di garantire direttamente
determinate caratteristiche qualitative dei prodotti contrassegnati. Per questo la domanda di
registrazione del marchio collettivo dev’essere accompagnata da un regolamento, il quale disciplini
“l’uso dei marchi collettivi, i controlli e le relative sanzioni” e la mancata effettuazione di questi
controlli determina la decadenza del marchio (artt. 11, comma 1° e 14, comma 2°, lett. c CPI e, in
termini analoghi, artt. 65 e 71 RMC). Nel sistema comunitario la titolarità dei marchi appartenenti a
questa tipologia è inoltre riservata agli enti pubblici ed alle “associazioni di fabbricanti, produttori,
prestatori di servizi o commercianti” (art. 64 RMC), mentre i marchi collettivi nazionali possono
essere concessi in capo a tutti i “soggetti che svolgono la funzione di garantire l’origine, la natura o la
21 Corte Giust. C.E., 25 giugno 2002, nel procedimento C-66/00.
22 Espressamente in tal senso si veda Corte Giust. C.E., 4 maggio 1999, nei procedimenti riuniti C-108/97 e
C-109/97 e Corte Giust. C.E., 7 gennaio 2004, nel procedimento C-100/02. In senso analogo in relazione al
marchio comunitario si veda anche, recentissimamente, Trib. Primo Grado C.E., 15 ottobre 2003, nel
procedimento T-295/01.
IP_LAW_GALLI Newsletter
37
qualità di determinati prodotti o servizi” (art. 11, comma 1° CPI). Per questo la registrazione come
marchio collettivo dei segni geografici è consentita anche oltre i limiti previsti per i marchi
individuali (art. 64 RMC e art. 11, comma 4° CPI, che peraltro consente all’Ufficio Italiano Brevetti
e Marchi di rifiutare la registrazione di queste denominazioni come marchio collettivo “quando i
marchi richiesti possano creare situazioni di ingiustificato privilegio, o comunque recare pregiudizio
allo sviluppo di altre analoghe iniziative nella regione”, riprendendo la vecchia disciplina di tutti i
segni geografici prevista dalla legge marchi del 1942, nel testo anteriore all’attuazione della Direttiva
n. 89/104/C.E.E.). Proprio per questo è conunque espressamente previsto che il titolare del
marchio collettivo geografico non possa impedire a terzi di fare uso del nome geografico
che ne forma oggetto in modo conforme alla correttezza professionale (art. 11, comma 4° CPI
e art. 64 RMC, che precisa anzi che «in particolare un siffatto marchio non può essere opposto ad un
terzo abilitato ad utilizzare una denominazione geografica»). Inoltre l’art. 170 CPI chiama in causa
direttamente il Ministero delle Politiche Agricole e Comunitarie, stabilendo che “Per i marchi relativi a
prodotti agricoli ed a quelli agroalimentari di prima trasformazione, che utilizzano denominazioni geografiche,
l’Ufficio trasmette l’esemplare del marchio ed ogni altra documentazione al Ministero delle politiche agricole e forestali,
che esprime il parere di competenza entro dieci giorni dal ricevimento della relativa richiesta”.
La possibilità che anche un’indicazione di provenienza possa formare oggetto di un marchio
collettivo sembra inoltre essere stata riconosciuta anche da una sentenza della Corte di Giustizia
C.E., in un recente giudizio relativo al conflitto tra i marchi di due acque minerali, “Gerry” per
un’acqua minerale proveniente dalla fonte di offenbachiana memoria di Gerolstein in Germania e
“Kerry” per un’acqua proveniente da una fonte irlandese23. La Corte ha infatti accolto le conclusioni
presentate dall’Avvocato Generale, secondo cui l’esclusione dalla registrazione come marchio dei
segni o delle indicazioni che in commercio possono servire a designare la provenienza geografica del
prodotto di cui all’art. 3.1.c della Direttiva n. 89/104/C.E.E. sarebbe “temperato da due deroghe”, ossia
che “il divieto di registrazione viene meno qualora il marchio abbia acquisito carattere distintivo per effetto
del suo uso ovvero quando esista un’associazione che abbia registrato l’indicazione relativa alla
provenienza geografica quale marchio collettivo”24, il che sembrerebbe appunto confermare che
una indicazione di provenienza possa in pari tempo formare l’oggetto di un marchio collettivo.
A favore di questa possibile coesistenza si potrebbero invocare anche le considerazioni
sistematiche svolte sopra a proposito del ravvicinamento tra la disciplina delle denominazioni
di origine e dei marchi25, ravvicinamento intervenuto sia sul piano della tutela (che, come
abbiamo visto, anche per le denominazioni di origine sta progressivamente avanzando verso una
sempre più intensa protezione della reputazione di cui la denominazione goda presso il pubblico), sia
su quello – strettamente correlato al primo sul piano del bilanciamento di interessi26 – del rilievo
primario attribuito alla non ingannevolezza del segno (che è da sempre fondamentale per le
denominazioni di origine e che è ora divenuto anche la chiave di volta del nuovo diritto comunitario
dei marchi), creando una sorta di diritto comune dei segni commerciali: che non significa
ovviamente uniformità di disciplina per segni di tipo diverso, ma certamente esistenza di un
23 Corte Giust. C.E., 7 gennaio 2004, nel procedimento C-100/02.
24 Conclusioni presentate dall’Avvocato Generale Stix-Hackl il 10 luglio 2003 nel procedimento C-100/02. La
sentenza resa nel procedimento in questione ha riconosciuto, in relazione alla specifica questione che le era
stata sottoposta, che l’applicazione dell’art. 6.1.b della Direttiva n. 89/104/C.E.E. (corrispondente all’art. 1-
bis, comma 1° legge marchi) non è esclusa per il solo fatto che un’indicazione geografica sia usata anche in
funzione di marchio, e che la conformità dell’uso agli usi onesti del commercio va valutata dal giudice
nazionale sulla base di tutte le circostanze rilevanti del caso di specie: ma non ha ripreso le specifiche
considerazioni riportate nel testo.
25 In argomento si veda LIBERTINI, Indicazioni geografiche e segni distintivi, LIBERTINI, Indicazioni geografiche e segni
distintivi, in Riv. dir. comm., 1997, I, 1033 e ss., 1040-1041, secondo il quale “la funzione del marchio collettivo
geografico è analoga a quella delle d.o.p.”.
26 Per questi rilievi rimando al mio Protezione del marchio e interessi del mercato, in AA.VV., Studi in onore di Adriano
Vanzetti, Milano, 2004.
IP_LAW_GALLI Newsletter
38
denominatore comune tra essi.
E del resto anche nella nostra legislazione interna nata a cascata rispetto ai Regolamenti
comunitari sulle denominazioni di origine si ammette espressamente la possibilità che vi siano
“marchi collettivi che identificano i prodotti D.O.P., I.G.P. e S.T.G. … detenuti, in quanto dagli
stessi registrati, dai consorzi di tutela per l’esercizio delle attività loro affidate”27, verosimilmente allo scopo di
rafforzare la tutela di cui godono queste denominazioni, ovvero gli altri segni distintivi di D.O.P..
I.G.P. e S.T.G.28. E’ chiaro che si tratterà qui di marchi collettivi particolari, nel senso che il
titolare di essi dovrà concederne l’uso a tutti i produttori della zona tipica, secondo una logica
analoga all’obbligo di contrarre del monopolista; anche questa disposizione, pur particolare, sembra
però collocarsi nella prospettiva indicata sopra, di considerare le denominazioni d’origine, i segni
distintivi, e le disposizioni sull’etichettatura e sulla pubblicità in coordinamento fra loro, nell’ambito
di un sistema generale del diritto della comunicazione d’impresa.
Il ravvicinamento tra la disciplina delle denominazioni di origine e dei marchi sembra anche
indicare una possibile strada per l’armonizzazione della disciplina a livello internazionale,
creando le condizioni per il superamento dell’attuale divaricazione tra la posizione degli Stati europei
e quella dei Paesi extraeuropei, in special modo americani ed asiatici. E’ anzi degno di nota che su
questa protezione cresca il consenso anche a livello internazionale: il recente Congresso mondiale
dell’AIPPI (Associazione Internazionale per la Protezione della Proprietà Intellettuale, che riunisce
professionisti ed esperti di tutto il mondo in questa materia), tenutosi a G]teborg nell’ottobre 2006,
ha approvato una risoluzione da me proposta, in qualità di Co-Chairman del relativo Gruppo di
Lavoro, che prospetta appunto il divieto dell’inganno del pubblico e quello dello sfruttamento
abusivo della reputazione commerciale come linea-guida per risolvere, anche a livello
internazionale, i frequenti conflitti tra marchi e denominazioni di origine. Ed è estremamente
significativo che questa proposta abbia raccolto i voti favorevoli anche dei delegati nord-americani,
indicando quindi un possibile percorso di armonizzazione, ed anche una strada praticabile per
dirimere questi conflitti già sulla base della disciplina vigente.
8. La recentissima attuazione da parte dell’Italia della Direttiva n. 98/44/CE dedicata alla
protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche (con la legge 22 febbraio 2006, n. 78, che
ha convertito il decreto legge 10 gennaio 2006, n. 3) pone inoltre delicati problemi proprio in materia
di applicazioni di queste invenzioni al settore agro-alimentare: e ciò tanto più in quanto il legislatore
italiano ha introdotto, rispetto alla Direttiva, alcune specificazioni restrittive in ordine ai limiti di
brevettabilità per le invenzioni il cui sfruttamento possa contrastare con “la dignità umana, l’ordine
pubblico, il buon costume, la tutela della salute, dell’ambiente e della vita delle persone e degli animali, la
preservazione dei vegetali e della biodiversità e la prevenzione di gravi danni ambientali”, che sembrano
riguardare in particolare i cosiddetti organismi geneticamente modificati (O.G.M.).
Come è noto, prima della diffusione della tecnologia del DNA ricombinante le nuove varietà
vegetali, ottenute attraverso metodi biologici, come gli incroci e la selezione, venivano protette
unicamente con un brevetto speciale, tuttora disciplinato da apposite norme del C.P.I. (in particolare
artt. 100-116 e 170-173, che prevedono anche una serie di attribuzioni del Ministero delle Politiche
Agricole e Forestali), da convenzioni internazionali e a livello comunitario dal Regolamento n.
94/2100/C.E.. Con l’avvento delle biotecnologie e quindi con la possibilità di intervenire sul
patrimonio genetico degli organismi viventi anche attraverso metodi tecnici, oggetto di veri e propri
brevetti per invenzione, ha posto anzitutto il problema del coordinamento tra le diverse forme di
27 Art. 53, comma 16 della legge 24 aprile 1998, n. 128 (legge comunitaria per gli anni 1995-1997), come
sostituito dall’art. 14 della legge 21 dicembre 1999, n. 526.
28 Espressamente in questo senso si veda MAGELLI, I marchi geografici, in AA.VV., Il futuro dei marchi di fronte alle
sfide della globalizzazione a cura di GALLI, cit., p. 36. In giurisprudenza ha ritenuto tutelabile il marchio collettivo
“Prosciutto di Parma”, corrispondente all’omonima D.O.P. e appartenente al Consorzio di Tutela del
Prosciutto di Parma, Trib. Parma, ord. 22 gennaio 2001, pubblicata in GALLI, I domain names nella
giurisprudenza, Milano, 2002.
IP_LAW_GALLI Newsletter
39
tutela offerte, rispettivamente, dalla legislazione sui brevetti e da quella sulle privative per le nuove
varietà vegetali. Sotto questo profilo manca ancora un’esperienza giurisprudenziale nel nostro Paese;
la questione però è stata più volte affrontata dall’Ufficio Europeo dei Brevetti, il cui Enlarged Board
of Appeal è giunto infine alla conclusione (nel caso Novartis-Transgenic Plants del 199929) che la
brevettabilità è ammessa ogni qual volta oggetto di rivendicazione non sia una specifica varietà
vegetale, bensì un insegnamento tecnico che consenta l’inserimento di un gene estraneo nel
genoma di determinate piante allo scopo di ottenere certe caratteristiche desiderate. E queste
pronunce appaiono coerenti con le regole fissate nella Direttiva n. 98/44/C.E.
Il coordinamento tra queste diverse tipologie di brevetti è inoltre assicurato dall’art. 12, che
prevede un sistema di licenze obbligatorie reciproche, per consentire lo sfruttamento dei rispettivi
diritti: il che chiama in causa direttamente il Ministero, per le attribuzioni ad esso riconosciute
appunto in materia di licenze obbligatorie.
La Direttiva affronta anche il problema della tutela della biodiversità, richiamando al
considerando 56 la Convenzione sulla diversità biologica (Convenzione di Rio de Janeiro del 5
giugno 1992, ratificata dall’Italia il 15 aprile 1994) e la decisione III/17 adottata nella terza
conferenza dei Paesi aderenti alla Convenzione, svoltasi nel novembre 1996, che richiede di
“sviluppare una valutazione comune della relazione tra i diritti di proprietà intellettuale e le disposizioni attinenti
all’accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale (TRIPs) e della Convenzione sulla diversità
biologica, in particolare in ordine alle questioni riguardanti i trasferimenti di tecnologie, la conservazione e l’uso
sostenibile della diversità biologica, nonché la giusta ed equa ripartizione dei vantaggi derivanti
dall’uso di risorse genetiche, compresa la protezione delle conoscenze, delle innovazioni e delle prassi delle
comunità indigene e locali che incarnano stili di vita tradizionali importanti ai fini della conservazione e dell’uso
sostenibile della diversità biologica”. Inoltre il considerando 27 della Direttiva che afferma che “se
un’invenzione ha per oggetto materiale biologico di origine vegetale o animale o lo utilizza, la domanda di brevetto
dovrebbe, se del caso, contenere indicazioni sul luogo geografico di origine del materiale in
questione, nel caso in cui esso sia noto”, pur specificando che “ciò non incide sull’esame delle domande di
brevetto e sulla validità dei diritti derivanti dai brevetti rilasciati”; e il considerando 26 precisa che “nell’ambito
del deposito di una domanda di brevetto, se un’invenzione ha per oggetto materiale biologico di origine umana o lo
utilizza, alla persona da cui è stato prelevato il materiale deve essere stata garantita la possibilità di
esprimere il proprio consenso libero e informato a tale prelievo in base al diritto nazionale”.
Sempre con specifico riguardo alle esigenze del settore agricolo, l’art. 11 della Direttiva n.
98/44/CE enuncia il cosiddetto “privilegio dell’agricoltore”, stabilendo che l’agricoltore e
l’allevatore che abbiano acquistato materiale di riproduzione di origine vegetale o animale, o
bestiame di allevamento, dal titolare di un brevetto ad essi relativo siano liberi di utilizzare
rispettivamente “il prodotto del raccolto per la riproduzione o la moltiplicazione in proprio nella
propria azienda” e “il bestiame protetto per uso agricolo”, compresa “la messa a disposizione dell’animale o di altro
materiale di riproduzione di origine animale per la prosecuzione della propria attività agricola, ma non la vendita
nell’ambito o ai fini di un’attività di riproduzione commerciale”.
CESARE GALLI
29 Decision of the Enlarged Board of Appeal, December 20, 1999 – Case No. G 1/98 (Novartis AG), in IIC,
2000, 430 e ss.; cfr. anche il provvedimento che aveva rimesso all’Enlarged Board la decisione di questi
problemi: Decision of the Technical Board of Appeal 3.3.4, October 13, 1997 – Case No. T 1054/96, ivi,
1999, 78 e ss.. Per una sintetica storia dell’evoluzione della prassi dell’U.E.B. in materia si veda SHILLITOSMITH-
MORGAN, Patenting Genetically Engineered Plants, in EIPR, 2002, 333 e ss., dove viene anche esposta la
parallela esposizione della giurisprudenza americana, a sua volta favorevole alla brevettazione degli organismi
geneticamente modificati. Per alcuni rilievi critici su questa decisione cfr. tuttavia LLEWELYN, The Patentability
of Biological Material: Continuing Contradiction and Confusion, in EIPR, 2000, 191 e ss., spec. alle pp.196-197.
IP_LAW_GALLI Newsletter
40
A PROPOSITO DI NOI
Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali aggiudica a un
raggruppamento di cui fa parte il nostro Studio la gara di appalto per i
servizi di consulenza giuridica sulla protezione delle denominazioni di
origine e delle indicazioni geografiche
La gara di appalto bandita dal Ministero delle Politiche Agricole e Comunitarie per i servizi di
consulenza giuridica nei settori attinenti la protezione delle denominazioni di origine nel
campo agro-alimentare – una materia della quale il Prof. Avv. Cesare Galli ha avuto largamente
occasione di occuparsi, non solo a livello professionale, ma anche dal punto di vista scientifico,
scrivendo varî saggi (tra cui quello che pubblichiamo in traduzione italiana nella sezione «L’Articolo»
di questa Newsletter) e presiedendo il Gruppo di Lavoro internazionale di AIPPI in questa materia –
è stata vinta da un raggruppamento di cui fa parte il nostro Studio insieme allo Studio Biamonti di
Roma e allo Studio spagnolo Bufete Pintò Ruiz & Del Valle. L’aggiudicazione definitiva è stata fatta
con un provvedimento pubblicato il 4 agosto scorso.
Il risultato è particolarmente prestigioso, dal momento che alla gara avevano preso parte
numerosi studi e raggruppamenti, comprendenti alcuni altri noti esperti del settore.
*** *** ***
L’attività del Prof. Cesare Galli in seno all’Alto Commissario per la Lotta
alla Contraffazione
Anche quest’anno l’Avv. Prof. Cesare Galli – che sin dalla sua istituzione ha fatto parte del
Comitato Tecnico istituito presso l’Alto Commissario per la Lotta alla Contraffazione, cioè
del gruppo ristretto di esperti che coadiuva il Commissario nella sua attività – ha attivamente
partecipato ai lavori dell’Alto Commissario, specialmente sul versante dell’adeguamento della
legislazione in materia di proprietà industriale e di lotta alla contraffazione.
In particolare il Prof. Galli ha predisposto le Relazioni richieste dall’Alto Commissario e
approvate all’unanimità dal Comitato Tecnico relative alla norma in materia di decadenza dei
brevetti e delle registrazioni per disegno e modello introdotta dall’art. 3 del D.M. 3 ottobre 2007
ed alla disciplina transitoria del diritto d’autore in materia di design contenuta nel testo
adottato nel 2007 dell’art. 239 C.P.I.. Le Relazioni del Prof. Galli si sono espresse in termini
fortemente critici riguardo alle due norme, di cui hanno chiesto l’abrogazione, la prima per il suo
evidente contrasto con la disciplina della decadenza prevista nel Codice della Proprietà Industriale e
con gli stessi principî generali della materia; la seconda perché viziata di incostituzionalità e contraria
alla Direttiva n. 98/71/C.E..
L’Avv. Prof. Cesare Galli è stato infine chiamato dall’Alto Commissario a far parte del Gruppo
di Lavoro insediato per predisporre una proposta organica di rafforzamento della protezione civile e
penale della proprietà industriale, che è stata poi sottoposta al nuovo Governo, ed in parte recepita
nel d.d.l. n. 1441, di cui si è già parlato sopra. In questa sede il Prof. Galli si è occupato anzitutto di
aggiornare le norme a suo tempo predisposte del Comitato di Esperti insediato nella XIV
Legislatura per la revisione del Codice (e di cui egli stesso ha fatto parte), per tener conto delle
nuove esigenze manifestatesi nel frattempo, anche in ragione degli interventi sul Codice operati dalla
Corte Costituzionale, in modo da ridurne al minimo il possibile impatto negativo sui processi in
corso.
*** *** ***
IP_LAW_GALLI Newsletter
41
Anche le Guide «Legal 500» e «Which Lawyer» segnalano nuovamente il
Prof. Avv. Cesare Galli e il nostro Studio tra le eccellenze in Italia nel settore
della Proprietà Intellettuale
Anche quest’anno il nostro Studio e il Prof. Avv. Cesare Galli sono stati collocati dalle maggiori
Guide internazionali indipendenti nelle posizioni di vertice tra gli specialisti italiani del diritto della
proprietà industriale e intellettuale. Dopo la Guida Chambers Global – che già da due anni
inserisce il Prof. Cesare Galli tra i legali «Numero 1» della Proprietà Intellettuale in Italia nella
Band 1 dei professionisti segnalati –, anche le Guide «Legal 500» e «Which Lawyer» segnalano
nuovamente il Prof. Avv. Cesare Galli e il nostro Studio tra le eccellenze in Italia nel settore della
Proprietà Intellettuale, ribadendo e migliorando il giudizio già espresso nelle loro precedenti edizioni.
Trascriviamo qui di seguito il commento di «Legal 500» sul nostro Studio: «IP LAW GALLI
advises on biotech patents and cross-border disputes, trade marks, domain names,
advertising and copyright. The firm achieved a key decision for Bulgari that extended the
protection of trade mark for reputation purposes. Professor Galli is respected as ‘an absolute
authority on IP law’».
Anche «Which Lawyer» ha sottolineato come «The reputation of Avv. Prof. Cesare Galli
Studio Legale continues to grow with that of name partner Cesare Galli , especially on life
sciences matters».
*** *** ***
Le Riviste World Trademark Review e Top Legal International inseriscono
il nostro Studio nella «Europe’s Trade mark Elite»
Il numero di maggio-giugno 2008 della Rivista World Trademark Review ha pubblicato un
servizio dedicato al mercato italiano del diritto dei marchi. Nel contesto di questo articolo, è stato
stilata anche una lista di quelli che la rivista ha definito «The trademark experts’ experts»: la rivista
ha cioè parlato «to a number of leading pratictioners in Italy to find out who they rated as the best in the trademark
law business». Ed in questo elenco (dodici nomi) è stato inserito anche il nostro Studio e il Prof.
Avv. Cesare Galli.
A sua volta la rivista in lingua inglese Top Legal International ha pubblicato nel numero di
maggio 2008 un servizio dedicato alla «Europe’s Trade Mark Elite» , ossia agli Studi ai vertici della
professione in sette Paesi europei (Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Portogallo e Spagna). E
per l’Italia il nostro Studio è stato giudicato come uno dei cinque «Trade Mark Leaders».
Il commento della Rivista è stato questo: «Rated boutique IP Law Galli led by founder and
senior partner Cesare Galli can boast an impressive stable of clients. Headquartered in
Milan with three further regional offices in Brescia, Parma and Verona, the boutique
represented luxury goods name Bulgari and legendary marque Ferrari in two cases relating
to the extended protection of trade marks. In recent years, the practice has specialized in
the protection of IP rights linked to the niche food sector».
*** *** ***
Il Prof. Avv. Cesare Galli eletto nel Comitato Esecutivo di AIPPI Italia
In occasione del rinnovo degli organi direttivi di AIPPI, il Prof. Avv. Cesare Galli è stato eletto
nel Comitato Esecutivo del Gruppo italiano.
Il Prof. Galli è ormai da alcuni anni il Responsabile del Gruppo marchi dell’Associazione e in
tale veste la rappresenta anche in sede internazionale nelle problematiche afferenti i segni distintivi.
Sempre a livello internazionale, il Prof. Galli è stato Co-Chairman del Working Group Q 191
dedicato a Relationship between Trade Marks and Geographical Indications e Chairman del Working
Group Q 195 su Limitations to the Trade Mark Protection, intervenendo in tale veste ai Congressi
IP_LAW_GALLI Newsletter
42
mondiali dell’Associazione di Göteborg e Singapore. Come Delegato italiano il Prof. Galli ha preso
egualmente parte ai Congressi di Ginevra, Berlino e, quest’anno, Boston.
Nell’ambito del Comitato Esecutivo AIPPI, il Prof. Avv. Cesare Galli si è fatto promotore
dell’organizzazione di un Convegno internazionale intitolato a Marchi e diritto comunitario:
l'evoluzione giurisprudenziale e le ricadute sui diritti nazionali , cui hanno partecipato come
Relatori anche numerosi ospiti stranieri, tra cui i Proff. Charles Gielen e Juerg Simon e l’Avv.
Giuseppe Bertoli, Referendario presso il Tribunale C.E.. Gli atti del Convegno, tra cui la Relazione
del Prof. Galli, sono reperibili sul sito Internet www.aippi.it.
*** *** ***
Assoluce incarica il Prof. Avv. Cesare Galli e il nostro Studio di assisterla
giudizialmente per ottenere la rimessione alla Corte di Giustizia C.E. della
norma transitoria sulla protezione di diritto d’autore dell’ industrial design
Assoluce, l’Associazione Nazionale dei Produttori di Apparecchi di Illuminazione, ha incaricato il
Prof. Avv. Cesare Galli di rappresentarla in una causa promossa davanti al Tribunale di Milano, al
fine di far sottoporre alla Corte di Giustizia Europea una richiesta di interpretazione
pregiudiziale degli artt. 17 e 19 della Direttiva europea n. 98/71/C.E. in materia di design, in
modo che possa essere affermata, in termini generali, la necessità della disapplicazione, appunto
per contrasto con l’ordinamento comunitario, della norma italiana del 2007 che ha recentemente
escluso dalla protezione di diritto d’autore le opere di design create anteriormente all’aprile 2001,
ovvero di far rimettere tale norma alla Corte Costituzionale, perché valuti il suo prossibile
contrasto con i principi fondamentali del nostro ordinamento. Nella causa (G.I.: dott. Marangoni –
R.G. n. 74660/2006) sono state precisate le conclusioni nel maggio scorso e una decisione sulle
richieste di Assoluce è dunque attesa per la fine dell’anno o i primi mesi del 2009; un’ordinanza
cautelare del 20 giugno scorso ha intanto accolto una nostra argomentazione di diritto
transitorio, escludendo che la disciplina del 2007 sia idonea a «scriminare» retroattivamente
comportamenti che erano illeciti in base alla normativa previgente.
La norma che viene in considerazione è una disposizione introdotta dal decreto legge 15
febbraio 2007 n. 10, convertito nella legge n. 46/2007, che ha modificato l’art. 44 del Codice della
Proprietà Industriale, dopo che la Commissione Europea aveva aperto (su segnalazione di
INDICAM, l’Istituto di Centromarca per la Lotta alla Contraffazione) una procedura di infrazione
nei confronti dell’Italia, poiché la «minorata difesa» d’autore del disegno industriale prevista dal
nostro ordinamento si poneva in contrasto con il diritto comunitario, e segnatamente con la già
richiamata Direttiva n. 98/71/C.E., in combinazione con la Direttiva n. 93/98/C.E.E., che prevede
la durata di settant’anni dopo quello della morte dell’autore per tutte indistintamente le opere
coperte dal diritto d’autore. Il decreto legge in questione ha in effetti fatto venir meno una delle
censure mosse dalla Commissione, abrogando la disposizione che fissava illegittimanente in soli
venticinque anni dopo quello della morte dell’autore la protezione di diritto d’autore delle opere di
design, ma in pari tempo ne ha aggravato un’altra, perché ha escluso dalla tutela tutte le opere create
prima del 2001, anno di attuazione della Direttiva da parte dell’Italia. In tal modo i diritti dei titolari
di queste opere sono stati espropriati, dal momento che con l’attuazione della Direttiva, sia pure
effettuata in modo non conforme agli standard europei, tali diritti erano sorti ed entrati nel
patrimonio dei rispettivi titolari, che se ne trovano a posteriori spogliati.
Tutto ciò – ha spiegato l’Avv. Prof. Cesare Galli nella comparsa di intervento predisposta per
conto di Assoluce – contrasta chiaramente non solo con la disciplina comunitaria, ma con la stessa
Costituzione italiana, perché lede il principio della parità di trattamento, consacrato nell’art. 3 della
Costituzione, e quello della tutela dell’affidamento dei cittadini nella sicurezza giuridica, di cui
all’art. 24 della Costituzione, oltre a violare la disposizione dell’art. 42 comma 3° della Costituzione,
in quanto espropria senza indennizzo un diritto preesistente, discriminando situazioni
equivalenti senza alcuna giustificazione in termini di interesse pubblico, e quella dell’art. 10
IP_LAW_GALLI Newsletter
43
della Costituzione, a mente del quale «l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme di diritto
internazionale generalmente riconosciute», in quanto non rispetta l’art. 1 del Protocollo addizionale della
Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e l’art. 17 della
Carta sui diritti fondamentali dell’Unione Europea.
Assoluce è nata nel 1997 per raggruppare in un’unica realtà associativa le imprese che formavano
il Gruppo Luce di Assarredo e quelle dell’Unionluce dell’API, e ad essa aderiscono tutte le più
importanti aziende italiane produttrici di apparecchi di illuminazione decorativi, settore in cui l’Italia
ricopre un riconosciuto ruolo di leader mondiale, frutto della qualità della sua proposta complessiva
ed in particolare proprio del design che la caratterizza, la cui tutela e promozione costituiscono
dunque una componente basilare della sua attività.
*** *** ***
La Rivista Top Legal inserisce nuovamente le sedi di Parma e Brescia del
nostro Studio tra i più importanti uffici legali nella rispettiva area territoriale
Nel numero di marzo 2008 del periodico Top Legal è stato pubblicato un ampio servizio sul
mercato legale di Parma. Ancora una volta la sede parmigiana del nostro Studio è stata indicata tra i
più importanti Studi del territorio, in particolare nel settore della proprietà intellettuale, che
costituisce la primaria specializzazione della nostra attività. Lo stesso è avvenuto nel numero di
maggio 2008 per la sede bresciana dello Studio, nell’ambito di un servizio dedicato appunto agli
Studi legali di Brescia. Anche qui si è richiamata l’attenzione sulla specializzazione nel settore IP
dello Studio, che rappresenta una delle eccellenze nel proprio territorio.
*** *** ***
Recenti pronunce in materia di Proprietà Intellettuale ottenute dal nostro
Studio
Marchi: Protezione di marchi celebri anche di colore contro l’agganciamento
Con una serie di provvedimenti (un decreto emesso inaudita altera parte il 21 gennaio 2008, poi
confermato con più ampia motivazione dall’ordinanza 2/7 agosto 2008, riportata integralmente nella
sezione «Il Caso» di questa Newsletter e a sua volta confermata il 5/11 settembre in sede di reclamo;
ed un secondo decreto, sempre emesso inaudita altera parte il 22 luglio 2008, in relazione ad altri
soggetti) il Tribunale di Milano – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale ha
accolto il ricorso di Ferrari s.p.a. – assistita dal nostro Studio – nei confronti di varî soggetti della
Grande Distribuzione Organizzata e di alcuni grandi importatori di giocattoli, volto ad inibire la
commercializzazione di autovetture giocattolo recanti segni distintivi simili a quelli originali
della casa di Maranello o riproducenti i modelli di sue famose vetture, ed in particolare della
celeberrima «Enzo». I provvedimenti sono particolarmente importanti perché hanno riconosciuo
protezione anche al colore rosso ed al complessivo abbigliaggio delle autovetture di Formula 1
della Ferrari, statuendo che gli stessi assumono nel settore un evidente carattere distintivo.
*** *** ***
Marchi: Prevalenza dell’elemento denominativo nei marchi complessi e affinità
merceologica all’interno dei prodotti di abbigliamento
Il Tribunale di Milano – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale, con
ordinanza del 3 giugno 2008 ha riconosciuto la contraffazione di un marchio registrato appartenente
ad una notissima società operante nel campo dell’abbigliamento per bambini, assistita dal nostro
Studio, in relazione all’uso di un marchio esteremamente simile per capi di abbigliamento in
pelle per donne di età adulta. La tutela è stata riconosciuta dal Tribunale già sulla base della
protezione contro l’uso di un segno identico per prodotti identici, in quanto le differenze tra i due
segni sono state ritenute insignificanti e la registrazione del primo copriva l’intero settore dei
prodotti di abbigliamento; e comunque negando rilievo alla distinzione tra prodotti di abbigliamento
IP_LAW_GALLI Newsletter
44
per bambini e per adulti, sulla base del rilievo che «per la fascia di età più bassa, sono gli stessi
adulti, e in prevalenza un pubblico femminile, a compiere e poi a dirigere le scelte, mentre
nella fascia di età più elevata si acquistano comunque cognizioni, ricordi e abitudini tali da
guidare gli ‘ex ragazzi’ nei loro successivi acquisti da ‘quasi adulti’ ».
Su questa base il Tribunale ha quindi ritenuto di disporre a carico del contraffattore i
provvedimenti da noi richiesti di inibitoria, sequestro (anche delle scritture contabili), ordine
di ritiro dal commercio, trasferimento provvisorio del sito Internet e pubblicazione del
provvedimento sul più importante quotidiano nazionale e sullo stesso sito Internet.
*** *** ***
Marchi: Mancanza di affinità merceologica tra olio e vino, da una parte, e prodotti
dolciari da forno, dall’altra
Il Tribunale di Napoli – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale, con
ordinanza in data 28 luglio 2008, non impugnata, ha respinto un ricorso cautelare proposto contro
un noto produttore italiano di olio, vino e conserve alimentari – difeso dal nostro Studio –, sulla
base della somiglianza tra il suo marchio e quello anteriore, molto meno noto (e quindi tutelato solo
nei limiti del pericolo di confusione), di un produttore di prodotti dolciari da forno, registrato
unicamente per questi ultimi. L’ordinanza ha accolto pienamente le nostre argomentazioni sia sulla
concreta mancanza di affinità tra prodotti, avendo ritenuto che in questo caso le abitudini del
settore alimentare escludano che il pubblico sia portato a ritenere queste diverse tipologie di
prodotti come provenienti dalla stessa fonte produttiva; sia sulla mancanza di periculum in mora,
in ragione del fatto che il marchio contestato era in uso sin dal 2004, cosicché «La tutela cautelare
risulta effettivamente invocata ‘in ritardo’» e che lo stesso ricorrente nel ricorso introduttivo «non ha in alcun
modo specificato l’esatto momento cronologico in cui ha acquisito conoscenza» dell’uso del marchio della
resistente.
*** *** ***
Brevetti: Riconoscimento della contraffazione in sede cautelare in difformità dalle
conclusioni del consulente tecnico d’ufficio
Il Tribunale di Bologna – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale, con
ordinanza del 19 dicembre 2007/29 febbraio 2008, ha accolto in sede di reclamo un ricorso
cautelare per contraffazione di brevetto e di marchio, proposto da un’importante impresa
italiana, leader nel settore della bioingegneria e in particolare delle apparecchiature biomedicali,
assistita dal nostro Studio. L’ordinanza è particolarmente significativa perché ha ritenuto di
discostarsi, con ampia ed articolata motivazione, dalle conclusioni negative del C.T.U. sulla
validità di un brevetto invocato, procedendo quindi a valutare autonomamente, sulla base
delle risultanze di causa, l’esistenza della contraffazione.
In particolare, il provvedimento ha dissentito dalla valutazione del C.T.U. circa una pretesa
insufficienza di descrizione del brevetto, valorizzando da un lato la ratio della norma sul
requisito della sufficienza di descrizione e dall’altro la concessione di brevetti corrispondenti a
seguito di esame preventivo di validità a livello europeo e statunitense.
*** *** ***
Brevetti: Possibilità di correzione di ordinanza cautelare collegiale ad opera del Giudice
che la ha emessa
Sempre il Tribunale di Bologna – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale,
con ordinanza del 4/12 giugno 2008, ha ritenuto ammissibile ed ha quindi accolto nel merito
un’istanza di correzione dell’ordinanza cautelare collegiale la Corte di Appello di Milano – Sezione
Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale ha accolto la nostra istanza di rinnovazione
della consulenza tecnica, in una causa relativa alla validità ed alla contraffazione di un brevetto
appartenente ad un’impresa americana specializzata nella produzione di prodotti plastici per uso
IP_LAW_GALLI Newsletter
45
biomedicale, assistita dal nostro studio. A sostegno dell’istanza era stato presentato anche un Parere
Tecnico Obiettivo predisposto sulla base del regolamento di AIPPI Italia.
*** *** ***
Brevetti: Incompetenza delle Sezioni Specializzate su domande di responsabilità civile da
diffamazione presentate come connesse ad una domanda di nullità di brevetto
Con sentenza del 18/30 aprile 2008, il Tribunale di Venezia – Sezione Specializzata in Proprietà
Industriale e Intellettuale, accogliendo un’eccezione dei convenuti, difesi da un Collegio di cui faceva
parte l’Avv. Prof. Cesare Galli, ha dichiarato la propria incompetenza per estraneità alla materia
di competenza delle Sezioni Specializzate sulle domande fondate su una pretesa diffamazione,
che l’attore aveva sottoposto alla Sezione Specializzata sulla base della pretesa connessione con una
domanda di nullità di brevetto contestualmente proposta contro uno dei convenuti. Il Tribunale ha
accolto la nostra eccezione, avendo escluso che la norma dell’art. 134 C.P.I. consenta la
riunione davanti alla sezione Specializzata di domande che «non sono connesse né per
l’oggetto né per il titolo, né peraltro presentano un’identità di questioni da risolvere a norma
dell’art. 103 c.p.c.», ed avendo parimenti escluso che potesse essere invocato in questo caso il
cumulo di più domande verso lo stesso convenuto, di cui all’art. 104 c.p.c., dal momento che lo
stesso prevede «che possa aversi deroga alla competenza per valore ma non certo la deroga della competenza per
materia».
La sentenza ha anche negato, con ampia motivazione, che le norme istitutive delle Sezioni
Specializzate abbiano carattere di mero «riparto interno di attribuzione tra sezioni», ritenendo che al
contrario «la Sezione Specializzata in materia di proprietà industriale ed intellettuale,
analogamente alla Sezione Specializzata agraria, e diversamente dalle altre sezioni (lavoro,
fallimentare, societaria) incardinate presso un Tribunale, costituisce una sezione dotata di
autonoma potestà giurisdizionale … con la conseguenza che il rapporto tra tale sezione e la
sezione ordinaria dello stesso Tribunale va inquadrato nella questione di competenza a
norma dell’art. 38 c.p.c.»: il che sul piano pratico comporta come conseguenza che in caso di
azione proposte davanti alla Sezione Specializzata ma in realtà di competenza delle Sezioni ordinarie
del medesimo Tribunale o Corte di Appello (come nel caso di specie) o viceversa, dovrà essere
dichiarata l’incompetenza del Giudice adito e non basterà un semplice provvedimento di
rimessione del Presidente del Tribunale a una diversa Sezione.
*** *** ***
Disegni e modelli: Inapplicabilità dell’art. 239 C.P.I. nel testo introdotto nel 2007 ad
attività contraffattorie poste in essere in epoca anteriore alla sua entrata in vigore
Il Tribunale di Milano, con ordinanza del 30 giugno 2008, ha accolto la tesi sostenuta da assolute
(difesa dal nostro studio), escludendo che la modifica dell’art. 239 C.P.I. operata nel 2007 valga a
rendere lecita la produzione e la commercializzazione, effettuate prima dell’entrata in vigore di tale
norma, di prodotti corrispondenti ad un’opera di design anteriore alla riforma del 2001 della legge
modelli (e quindi, secondo l’interpretazione più ovvia della nuova norma, non tutelabile, a meno che
al momento della riforma del 2001 non fosse protetta come modello ornamentale): ed ha dunque
confermato il sequestro di questi prodotti, disposto prima della modifica dell’art. 239 (quando
invece tali opere erano sicuramente tutelabili).
Il provvedimento – di cui abbiamo parlato più diffusamente nella prima sezione di questa
Newsletter, e che è stato recensito positivamente nell’ultimo numero di AIPPI News – s’inquadra in
un’azione nella quale Assoluce è intervenuta allo scopo di far valere la contrarietà alla Direttiva
comunitaria sul design e l’illegittimità costituzionale del nuovo art. 239 C.P.I..
*** *** ***
Concorrenza: Imitazione parassitaria dell’aspetto grafico di un segno distintivo
Il Tribunale di Milano – Sezione Specializzata in Proprietà Industriale e Intellettuale, con
IP_LAW_GALLI Newsletter
46
ordinanza del 29 maggio/3 giugno 2008, ha inibito ad una distilleria (la Sari s.a.s.) l’uso delle
etichette di una propria grappa, ritenendo che l’aspetto esteriore di esso rappresentasse una «forma
di presentazione al pubblico che richiama(va) l’analogo prodotto della Distillerie
Franciacorta s.p.a. – difesa dal nostro Studio –, sfruttando abusivamente l’accreditamento
dello stesso sul mercato»: e ciò pur non avendo ritenuto tutelabile in sé anche la denominazione
del prodotto, rimandando ad un eventuale giudizio di merito l’accertamento dell’acquisto di secondary
meaning in capo a tale denominazione. Il provvedimento rappresenta quindi un ulteriore
riconoscimento del rilievo (in questo caso concorrenziale) dei fenomeni di look-alike.
*** *** ***
Attività internazionale del nostro Studio nel settore IP
Il nostro Studio ha continuato ad occuparsi del coordinamento e della supervisione di
alcune importanti litigations internazionali nel settore IP, ed è stato nuovamente chiamato a
seguire il versante italiano di contenziosi brevettuali in corso in diversi Paesi europei. In particolare,
un’importante multinazionale del settore farmaceutico ha chiesto il parere del Prof. Avv. Cesare
Galli in un’importante questione di validità e contraffazione di brevetto. Anche sul piano della
consulenza contrattuale, il nostro Studio ha seguito importanti transazioni di carattere internazionale
in materia di trasferimento di tecnologie e di licenza internazionale di marchio.
*** *** ***
Le nostre ultime pubblicazioni e i Convegni
La Rivista dell’Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale ha pubblicato un ampio articolo del
Prof. Cesare Galli intitolato L’evoluzione dei marchi tra diritto comunitario e giurisprudenza
italiana più recente.
Altri due saggi del Prof. Galli sono in corso di pubblicazione sulla rivista IPSOA Il Diritto
Industriale, rispettivamente su L’esaurimento internazionale del marchio e su Il marchio come
segno e la capacità distintiva.
Un articolo di commento del Prof. Galli sulla recente pronuncia della Corte di Cassazione
sull’irrilevanza penale della mancata apposizione del bollino SIAE sugli audiovisivi, che ha
offerto spunto per una riflessione di più ampio raggio sulle in materia di proprietà industriale e
intellettuale, è uscito sul quotidiano economico Italia Oggi.
Su AIPPI News, la rivista telematica del Gruppo italiano di AIPPI, è uscito un flash dell’avv.
Mariangela Bogni del nostro Studio sulle più recenti pronunce italiane in materia di diritto
transitorio dell’industrial design.
Il Prof. Galli ha inoltre continuato a pubblicare le sue riflessioni in materia di design nella rubrica
fissa che tiene sulla rivista specializzata di settore Luce e Design.
*** *** ***
Il 13 marzo 2008 il Prof. Cesare Galli è stato invitato a prendere parte all’Assemblea Nazionale
dell’Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale, dove ha tenuto una Relazione una Relazione su
La più recente giurisprudenza italiana e comunitaria in materia di segni distintivi .
Il 3 giugno 2008, nel corso del Convegno INDICAM «Creatività e Innovazione nel prodotto
industriale: strategie di tutela per lo sviluppo», il Prof. Galli ha tenuto la Relazione dedicata a I
nuovi livelli di tutela della forma dei prodotti, tra marchi, copyright disegni e modelli .
Il 2 luglio 2008 il Gruppo italiano di AIPPI ha organizzato un Convegno internazionale, ideato
dal Prof. Galli, dedicato a «Marchi e diritto comunitario: l’evoluzione giurisprudenziale e le
ricadute sui diritti nazionali», nel corso del quale anche tenuto una Relazione intitolata a La
nozione di segno e la capacità distintiva del marchio.
Il 24 ottobre 2008 il Prof. Cesare Galli presiederà l’annuale Convegno Nazionale di Diritto
Industriale organizzato dall’Università di Parma, giunto all’ottava edizione e dedicato quest’anno a
IP_LAW_GALLI Newsletter
47
Forma, Design, Prodotti: tecniche di protezione giuridica e strategie di valorizzazione
aziendale, al quale prenderanno parte, come è ormai tradizione, i più autorevoli studiosi italiani
della proprietà industriale ed esponenti del mondo delel imprese e del design, tra cui la Presidente
dell’ADI, arch. Luisa Bocchietto, che terrà la relazione introduttiva. Nel corso del Convegno, il Prof.
Galli terrà a sua volta una Relazione su I «nuovi» livelli di tutela delle forme dei prodotti tra
comunicazione e innovazione, mentre l’avv. Mariangela Bogni parlerà su Le forme utili e la
convivenza/scontro tra modelli di utilità, segni distintivi e design.
*** *** ***
Se desiderate ricevere il programma completo o ricevere maggiori informazioni sul Convegno del
24 ottobre (che è stato anche accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Parma) o gli
Abstracts delle Relazioni tenute dal Prof. Galli agli altri eventi sopra menzionati, potete mandare un
messaggio in tal senso all’indirizzo GALLI.PR@IPLAWGALLI.IT.
_______________________________________________
© 2008 BY AVV. PROF. CESARE GALLI STUDIO LEGALE MILANO-BRESCIA-PARMA
_______________________________________________
AVV. PROF. CESARE GALLI
PROFESSORE ORDINARIO DI DIRITTO INDUSTRIALE NELL’UNIVERSITÀ DI PARMA
STUDIO LEGALE
MILANO-BRESCIA-PARMA-VERONA
DIRITTO INDUSTRIALE
(BREVETTI, MARCHI E DOMAIN NAMES,
CONCORRENZA SLEALE, ANTITRUST,
DIRITTO D’AUTORE), CONTRATTI
E DIRITTO COMMERCIALE GENERALE
IP LAW
(PATENTS, TRADEMARKS AND DOMAIN NAMES,
UNFAIR COMPETITION, ANTITRUST LAW,
COPYRIGHT), CONTRACTS AND
GENERAL COMMERCIAL LAW
MILAN
VIA LAMARMORA, 40
I-20122 – MILAN –
ITALY
TEL. +39.02.54123094
FAX +39.02.54124344
E-MAIL:
GALLI.MI@IPLAWGALLI.IT
BRESCIA
VIALE VENEZIA, 44
I-25123 – BRESCIA –
ITALY
TEL. +39.030.3756773
Fax +39.030.3756773
E-MAIL:
GALLI.BS@IPLAWGALLI.IT
PARMA
VIA FARINI, 37
I-43100 – PARMA –
ITALY
TEL. +39.0521.282210
FAX +39.0521.208515
E-MAIL:
GALLI.PR@IPLAWGALLI.IT
VERONA
VIA CATULLO, 16
I-37121 – VERONA –
ITALY
TEL. +39.045.8069239
FAX +39.045.595235
E-MAIL:
GALLI.VR@IPLAWGALLI.COM
WWW.IPLAWGALLI.COM
_________________________________________________
Per ulteriori informazioni o per contattarci, potete rivolgerVi agli indirizzi sopra indicati
o visitare il nostro sito Internet: WWW.IPLAWGALLI.COM.
_______________________________________________
 
Top