Egregio
____________
____________


A mezzo Ufficiale Giudiziario




____, __/__/2011


OGGETTO: Disdetta del contratto di locazione ai sensi dell'art. 3 comma 1 lettera g) Legge 431 del 1998 


Egregio Sig./ra _________ ,

Il/La sottoscritto/a __________ nato/a a __________  (__) il __ /__ /__ residente a __________ (__) in Via __________ n. __ C.F. ___________________ in qualità di locatore/trice dell’immobile sito in __________ via __________, n. __________ a Ella concesso in locazione, in data __________ registrato il __________ all’ufficio del registro di __________ Le comunica (la comunicazione al conduttore deve essere fatto con atto notificato a mezzo di ufficiale giudiziario) che intende avvalersi della facoltà di disdetta del contratto di locazione de quo come previsto ex art. 3 comma 1 lettera g) L. 431/98, poiché intende procedere alla vendita dello stesso.
L’immobile verrà venduto ad Euro __________ ,00 (in lettere/00), [se vi sono particolari condizioni di vendita, devono essere indicate].
Ad Ella, ai sensi dell’art. 38 L. 392/78 (c.d. “legge dell'equo canone”), spetta diritto di prelazione[1] sull’acquisto dell’immobile in oggetto.
Ella potrà esercitare tale diritto entro il termine di sessanta giorni dalla ricezione della presente, inviando una comunicazione a mezzo ufficiale giudiziario, offrendo condizioni uguali a quelle comunicate con la presente.
Ove il diritto di prelazione venga esercitato, il versamento del prezzo di acquisto dovrà essere effettuato contestualmente alla stipulazione del contratto di compravendita o del contratto preliminare.
Detta stipula, dovrà avvenire entro il termine di trenta giorni decorrenti dal sessantesimo giorno successivo a quello dell'avvenuta notificazione (l’art. 38 della L. 392/78 sancisce che il locatore può stabilire condizioni diverse).
Ella è invitata pertanto, nel caso in cui non volesse esercitare detta prelazione, ad accordarsi con l’agenzia immobiliare _______________, alla quale è stata fornito mandato di vendita dell’immobile in oggetto, in modo tale da garantire la possibilità di far visionare lo stesso ad eventuali acquirenti interessati come previsto contrattualmente all’art. ______ .
Inoltre è necessario significarLe che ove non esercitasse detta prelazione, è invitata a rilasciare l’immobile libero da persone e cose per il giorno __________ alle ore __________.
Nella stessa data, presso l’immobile, sarà effettuata la riconsegna delle chiavi e la redazione del verbale di fine locazione.
La cauzione Le sarà restituita all'esito della verifica sullo stato dei luoghi.


Distinti saluti.



[1] In capo al conduttore sussiste il diritto di  prelazione (e, quindi, di riscatto), nei confronti del terzo acquirente, solo nel caso in cui il locatore abbia intimato disdetta per la prima scadenza, manifestando, in tale atto, a giustificazione della propria opposizione alla rinnovazione del contratto, l'intenzione di vendere a terzi l'unità immobiliare. Ne consegue che, in caso di disdetta immotivata per la detta scadenza, il conduttore ha unicamente il diritto alla rinnovazione del contratto. (Cass. civ. Sez. III, 16 dicembre 2010, n. 25450)
 
Top