Come da Sua richiesta, siamo ad esporLe nel seguito nostre considerazioni in merito a quali sono i diritti che spettano al socio costituente pegno sulle quote di una S.r.l. e quali i diritti che spettano al creditore pignoratizio.


Ai sensi del combinato disposto degli artt. 2352 – 2471bis, il codice prevede che:

-      il diritto di voto in assemblea spetta, salvo convenzione contraria, al creditore pignoratizio che ha così diritto di intervento e di discussione in assemblea[1];

-      se le azioni attribuiscono un diritto di opzione, questo spetta al socio ed al medesimo sono attribuite le azioni in base ad esso sottoscritte[2]; 

-      salvo che dal titolo o dal provvedimento del giudice risulti diversamente, i diritti amministrativi diversi da quelli di voto, spettano sia al socio sia al creditore pignoratizio;

-      nel caso di aumento del capitale sociale ai sensi dell'articolo 2442 cod. civ., il pegno, si estende alle azioni di nuova emissione;

-      se sono richiesti versamenti sulle azioni, nel caso di pegno, il socio deve provvedere al versamento delle somme necessarie almeno tre giorni prima della scadenza[3];

-      salvo che dal titolo risulti diversamente, i diritti amministrativi diversi da quelli previsti dall’art. 2352 c.c. in esame, spettano sia al socio sia al creditore pignoratizio.

Per completezza, Le faccio presente che l’atto costitutivo della G.A.G. Immobiliare, prevede che la società possa compiere tutti gli atti occorrenti, ad esclusivo giudizio dell’Organo amministrativo, per l’attuazione dell’oggetto sociale, ed inoltre è previsto che tale Organo può compiere operazioni commerciali ed immobiliari ivi compresi l’acquisto, la vendita e la permuta di beni mobili anche registrati, immobili e diritti immobiliari.

Nella speranza di avere fornito un utile chiarimento, restiamo a Sua completa disposizione per ogni ulteriore delucidazione ed approfondimento ritenga opportuno.


Cordiali saluti.



[1] Se invece il pegno è stato costituito mediante girata, la legittimazione è del giratario.che si dimostri possessore del titolo in base ad una serie continua di girate, anche prima dell’iscrizione del vincolo sul libro soci (art. 4 L.1745/62)
[2] Qualora il socio non provveda almeno tre giorni prima della scadenza al versamento delle somme necessarie per l'esercizio del diritto di opzione e qualora gli altri soci non si offrano di acquistarlo, questo deve essere alienato per suo conto a mezzo banca od intermediario autorizzato alla negoziazione nei mercati regolamentati.
[3] Qualora il socio non provveda almeno tre giorni prima della scadenza al versamento delle somme necessarie per l'esercizio del diritto di opzione e qualora gli altri soci non si offrano di acquistarlo, questo deve essere alienato per suo conto a mezzo banca od intermediario autorizzato alla negoziazione nei mercati regolamentati.
 
Top